Il governo si dà alla riffa Scontrini "gratta e vinci"

L'ultima di Renzi: ticket con gioco annesso contro l'evasione. Ma altrove è stato un flop

Renzi il Giocatore. Per combattere l'evasione fiscale il governo punta sulla riffa: una lotteria con ricchi premi e cotillon da abbinare agli scontrini fiscali. L'idea di incassare una vincita, sia essa in contanti o in caramelle, dovrebbe funzionare come incentivo all'emissione dello scontrino per qualsiasi tipo di compravendita: dal caffè al bar al pane dal fornaio o all'auto dal concessionario.

L'asso nella manica del ministero dell'Economia per arginare la piaga dell'evasione fiscale è stato annunciato dal viceministro Luigi Casero, competente proprio sulle questioni tributarie. L'idea «meravigliosa» annunciata in un intervista al Corriere della Sera non è né nuova né originale ed è già stata accarezzata da questo esecutivo in un paio di occasioni. L'ultima quando a proporla, circa un anno e mezzo fa, fu la Grecia, inserendola tra le proposte che avrebbero dovuto convincere l'Europa a sbloccare gli aiuti finanziari. A lanciarla senza alcun successo l'allora ministro delle Finanze, Yanis Varoufakis, che prendeva a modello un sistema già operativo in Portogallo e in Cina simile al Gratta e Vinci. Lo scarso successo dell'iniziativa probabilmente indusse il governo italiano a lasciar perdere. Ora però il viceministro la riporta alla ribalta. Un scelta che è difficile leggere come un segnale positivo visto che fino ad ora quasi tutti i paesi che l'hanno messa in pratica stavano attraversando una grave crisi economica. Insomma stanare gli evasori con la lotteria appare inevitabilmente come l'ultima spiaggia.

Casero spiega che il sistema italiano partirà il prossimo anno con una sperimentazione sullo scontrino elettronico. Non si dovranno conservare gli scontrini cartacei perché grazie allo scontrino elettronico il codice fiscale verrà registrato direttamente all'Agenzia delle Entrate al momento dell'acquisto. Il viceministro spiega che ogni contribuente avrà accesso ad un file dove verranno registrati gli acquisti e i codici per prendere parte alla lotteria. La procedura funzionerà come per le farmacie, ha spiegato Casero, che evidentemente non ricorda come, nel caso della trasmissione dei dati dalle farmacie all'Agenzia delle Entrate, il sistema sia andato in tilt e i dati non siano arrivati in tempo utile per essere inseriti nei 730 precompilati. Soltanto per dire che l'esempio non è dei più felici. Ma tanto per ora il problema non si pone visto che lo scontrino elettronico non è ancora operativo.

Quella della lotteria comunque appare una scelta mediocre non soltanto per quelli che potrebbero essere gli scarsi risultati pratici ma anche nel merito. Lo Stato gestisce il gioco d'azzardo e incassa grazie a quella che il governo ha certificato essere una malattia, la ludopatia ovvero la dipendenza dal gioco d'azzardo, e ora sceglie di contrastare un comportamento illegale, l'evasione fiscale, attraverso la sollecitazione di una dipendenza. Quello stesso Stato che ha deciso attraverso l'attuale ministero della Salute di inserire la cura della ludopatia nei Lea, i livelli essenziali di assistenza, dunque considerando questa patologia alla pari con quelle oncologiche.

Sempre per il contrasto all'evasione, Casero ha annunciato pure che alla fine di ogni anno verranno scelti tramite estrazione i settori per i quali sarà possibile detrarre dalle tasse le relative spese che oggi non sono detraibili. Un ulteriore incentivo a richiedere tutte le fatture perché solo alla fine dell'anno verrà annunciata la spesa detraibile.

Commenti

lento

Lun, 24/10/2016 - 08:35

I negoziante il premio al cliente lo dara' all'istante: Il conto sarebbe di cento euro,mi dai 80 e ti faccio lo "scontrino"per 50.Euro... Pensatene un' altra !

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 24/10/2016 - 09:00

Taiwan:TUTTE le spese sono detraibili,attraverso il rilascio dalla parte che cede il bene, o la prestazione,di una ricevuta come "buoni spesa"(che il "prestatore", mensilmente/trimestralmente, sotto forma di bollettario/i numerato/i,di diverso "taglio" ritira dall'Ammininistrazione Imposte.Quelli non usati si restituiscono. In alternativa con ricevure sotto forma di “rullini” certificati/numerati. A questo punto,con la dichiarazione dei redditi,si allegano tutti questi "buoni spesa"(che sono facilmente interfacciati),e..... per incentivare la raccolta(sostanzialmente per fare emergere il sommerso,che viene praticamente obbligato al loro rilascio),...SORTEGGIANO settimanalmente i numeri di serie,abbinando al sorteggio SOSTANZIALI premi in denaro( e per sostanziali intendo premi da 50-100.000€...IN FUNZIONE DELLA CATEGORIA CHE MAGGIORMENTE EVADE.),esenti da tasse... ...Dimenticavo le "tasse" sono al 16-18%....(Italia 49-50%!!!)

Jason Green

Lun, 24/10/2016 - 09:25

Quante balle!!! Con un aliquota fissa e max al 15% altro che gratta e vinci. Tutti i commerciantifarebbero gli scontrini!

vanes90sa

Lun, 24/10/2016 - 09:37

dai siate seri... oggi non è il 1 aprile.......

nem0

Lun, 24/10/2016 - 10:09

Così volò l'asino sul nido del cucolo!!

Ritratto di orione1950

orione1950

Lun, 24/10/2016 - 10:52

Ma che cassata. Si intestardiscono con i commercianti e gli artigiani quando la vera evasione é tra i liberi professionisti. Che si facciano una visita specialistica e vedano come funziona il sistema. Gli avvocati, notai e commercialisti sono degli esempi. E poi, se il commerciante o l'artigiano volesse pagare tutti i balzelli che ci sono cambierebbe mestiere; l'imposizione per loro é già al 70%.(figlio di artigiano)

unosolo

Lun, 24/10/2016 - 11:13

sicuramente ci faranno pagare con carte di credito o dobbiamo passare la tessera sanitaria , questo governo vuole solo soldi senza creare lavoro , senza incentivare il lavoro con questa pressione fiscale ci distruggerà il sistema pensionistico , hanno cominciato ad abbassare le pensioni decurtandole dalla fonte prima di arrivare ai pensionati , sveglia per i prossimi pensionati sarà anche peggio , ladri ,.

unosolo

Lun, 24/10/2016 - 11:15

studiano solo il modo di rubare soldi fermi non per creare lavoro, più lavoro più soldi per i servizi , meno lavoro rubano non ci sono alternative , governo ladro e incapace , tramite controlli solo a chi non potrà mai evadere un solo centesimo , mentre i miliardi scappano .

flip

Lun, 24/10/2016 - 11:51

perché non responsabilizziamo di più i "dottori" commercialisti? sono loro che fanno le dichiarazioni dei redditi e devono controllare e applicare le regole dei vari Testi Unici e codici . il negoziante trasmette solo i dati del registri iva. C'è anche da dire che l' amministrazione finanziaria e fiscale è impreparata ai controlli delle dichiarazioni dei redditi.

Zizzigo

Lun, 24/10/2016 - 11:53

Nel mondo fantastico della nostra politica, si ritiene che si possa, impunemente, intasare Internet con un'operazione impossibile. La rete non è onnipotente e non è strutturata per un simile utilizzo.

giuromani

Lun, 24/10/2016 - 12:03

Bisogna rovesciata la trita e ritrita litania che politici e sindacati recitano continuamente da anni e anni; "pagare tutti per pagare meno" va ribaltata in "pagare meno (molto meno) per pagare tutti"

Fjr

Lun, 24/10/2016 - 13:26

su una cosa ha ragione ,tenere in piedi un negozio o una piccola attività è davvero come vincere il terno al lotto ,ma chi stiamo pagando per simili scemenze ?veramente non c'è più speranza ,vorrei conoscere il cre..ativo che propone simili colpi di genio

Fjr

Lun, 24/10/2016 - 13:31

Continuano a grattare soldi dai piccoli,ma quando fondi pensionistici ,INPS già inguaiata da INPDAP ma non lo dicono, accantonamenti pensionistici privati ,fatti sapendo che tanto dall'INPS non avremo un centesimo,finiranno allora staremo a vedere su cosa altro si attaccheranno,le case ,quelle no perché nel frattempo ciao avranno buttati fuori per darle ai clandestini e ai Rom così bisognosi di un tetto sulla testa dove dormire la notte perché il giorno sono troppo impegnati nella loro professione

Fjr

Lun, 24/10/2016 - 13:31

Continuano a grattare soldi dai piccoli,ma quando fondi pensionistici ,INPS già inguaiata da INPDAP ma non lo dicono, accantonamenti pensionistici privati ,fatti sapendo che tanto dall'INPS non avremo un centesimo,finiranno allora staremo a vedere su cosa altro si attaccheranno,le case ,quelle no perché nel frattempo ci avranno buttati fuori per darle ai clandestini e ai Rom così bisognosi di un tetto sulla testa dove dormire la notte perché il giorno sono troppo impegnati nella loro professione

diesonne

Lun, 24/10/2016 - 13:38

diesonne governo disorientato:ha perso lo nem de l'intelletto eno un modom mon sa che pesce prendere-gli ruggerisco un rimedio sicuro cambi mestiere,faccia il pescivendolo pescato da esperti

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 24/10/2016 - 13:47

Renzie si metta a fare il croupier

blackbird

Lun, 24/10/2016 - 14:10

Ma perché invece non seguono l'esempio di quei Paesi dove, dicono, che levasione sia molto più bassa? Paesi come la GB o gli USA dove gli socntrini fiscali non esistono?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 24/10/2016 - 15:04

@giuromani:concordo!Di certo fanno di tutto per spingere il SISTEMA verso una sempre più alta "raccolta"....quanto a ridurle DOPO,è solo la classica carota,appesa davanti al muso dell'asino!!!!Chi ci crede?....Gli asini!!!

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 24/10/2016 - 16:12

Due sono le cose: o il signor Renzi ambisce ad avere il premio Nobel per le più grandi puxxanate mai dette, o pensa di essere ancora alla Ruota delle Fortuna. Io mi rifiuto di avere un capo del Governo che gioca in questo modo, non è serio, è un buffone e nessuno lo zittisce.

unosolo

Lun, 24/10/2016 - 20:54

sta girando tutte le tv e le usa per la sua televendita personale , senza pudore .