Il gran veglione degli ex politici. Dall'Aula alla «balera» della tv

Razzi e De Girolamo protagonisti di «Ballando con le stelle»

Però lasciamo perdere la tonaca invadente di Suor Cristina oppure il savoir faire dell'immensa Milena Vukotic. I veri protagonisti di Ballando con le stelle sono i politici. Ex politici, per l'esattezza, almeno per il momento. Insomma il programma di Milly Carlucci, che ha debuttato sabato sera su Raiuno perdendo di poco il confronto con Amici su Canale 5, ha una vocazione per chi si è fatto le ossa sui palchi delle campagne elettorali e ha voglia di giocarsele (le ossa) ballando i passi più complicati. A questo giro tocca a Nunzia De Girolamo e ad Antonio Razzi. La prima una autentica fuoriclasse che, dopo alcune legislature da protagonista anche come ministro, ha saputo reinventarsi come giornalista o opinionista che sa sparigliare le carte. Il secondo è l'ex senatore di Forza Italia passato alle cronache più che altro per la strepitosa imitazione di Maurizio Crozza e per qualche estemporanea presa di posizione, spesso ai limiti del folclore politico.

Ma in passato a Ballando avevano giocato con le stelle anche l'ex presidente della Camera Irene Pivetti nel 2007, ossia tredici anni dopo il suo clamoroso esordio da presidente della Camera nella vita politica. E poi Emanuele Filiberto, anche lui tra tutte le decine di cose che segue, legato saltuariamente a posizioni politiche, e soprattutto Gianni Rivera, super campione del nostro olimpo calcistico eletto con la Dc nel 1987 e poi riconfermato (passando per Patto Segni e Ulivo) fino alla legislatura del 1996 fino a essere battuto nel 2001 nel collegio Milano 1 da Berlusconi, allora presidente del «suo» Milan. Nell'edizione del 2012, l'ex golden boy del nostro calcio, l'alessandrino con la erre affilata che sa essere tranchant, si è rivelato come uno dei protagonisti dello show di Milly Carlucci. Anche Giusy Versace, stella dell'edizione 2014, ha legami profondi con la politica visto che nel 2018 si è candidata con Forza Italia e ora lavora nella commissione affari sociali di Montecitorio con delega del gruppo alle pari opportunità e disabilità.

Insomma, alla corte di Milly Carlucci la politica è di casa. E l'altra sera, quando Antonio Razzi ha debuttato con abito blu cobalto con il corredo di scarpe e cappello rossi, la tendenza si è confermata. In coppia con Ornella Boccafoschi ha ballato una impossibile (per lui) Gangman style di Psy senza ottenere un grande punteggio, ma confermando la sua propensione a dare spettacolo costi quel che costi (anche la faccia). E Nunzia De Girolamo? Ha convinto tutti ballando un charleston sulle note di Arisa e ha meritato un voto alto pur essendo in tuta da motociclista (con tanto di anfibi) e quindi nelle condizioni peggiori per passi sinuosi e ritmati come quelli. Alla fine una bella performance. E un lasciapassare per la vittoria finale.

Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 01/04/2019 - 09:33

... tanto in parlamento non c' è niente da fare! e poi i pagliacci/e abbondano in quel luogo!

Duka

Lun, 01/04/2019 - 15:21

Non chiamateli TROMBATI perchè ad essere "trombati" siamo tutti noi; loro si sono riempite le tasche a dismisura.