Quanta freddezza per il ritorno di Renzi

Il leader Pd annuncia il tour dell'Italia in treno ma la sua popolarità è crollata. Il flop del libro

Dal camper al treno, ma fosse solo il mezzo di trasporto ad essere cambiato nel frattempo. Sono passati cinque anni e Renzi ripropone il rituale (o il road show, strategia di marketing) del tour nazionale, «niente discorsi e comizi ma un incontro con le realtà vive dell'Italia, portando le nostre idee ma pronti all'ascolto, curiosi e appassionati più di sempre» scrive il segretario Pd nella sua tipica prosa tra Baricco e Obama all'italiana, annunciando, a mo' di capostazione, che «a ottobre parte il treno», quindi forza piddini coi suggerimenti sulle fermate dell'intercity renziano. Il format è lo stesso, lo spirito non proprio.

Il confronto tra il Renzi rottamatore delle primarie 2012, promessa della nuova politica, e il Renzi suonato dalle sconfitte (il referendum, le amministrative) ma tornato al vecchio ménage politico dopo aver promesso di lasciarlo in caso di bocciatura, stona con l'euforia del nuovo tour «nel nostro meraviglioso Paese». Velocissimo a scalare il potere da sindaco di provincia a premier, Renzi sembra invecchiato con la stessa prodigiosa rapidità: da astro nascente a «rieccolo!», in un battibaleno, bruciato dall'ipertrofia. I sondaggi sulla sua popolarità non sono stai mai così bassi. Se nel 2014 appena arrivato a Palazzo Chigi viaggiava sul 60% di consensi, ora siamo al 23% (secondo Index Research), solo due punti sopra un novizio come Luigi Di Maio, venti punti sotto Paolo Gentiloni, che era stato un suo ministro, e neppure una prima scelta (sostituì la Mogherini promossa alla Ue). Renzi superato da un renziano della seconda ora, uno smacco.

Nelle ultime apparizioni in giro, tra feste dell'Unità e presentazioni del libro, dove una volta si manifestava come una star da ascoltare con attenzione, Renzi arriva come un politico tra gli altri, anche se con uno suo zoccolo duro di fan (è pur sempre il leader di uno dei maggiori partiti italiani). Pochi selfie alla Versiliana, niente folle adoranti nelle tappe del suo Avanti!, che già a fine luglio - notava La Stampa - era stato messo in saldo del 15% dalla Feltrinelli, una promozione estiva, mentre il sito Bergamonews calcolava cinicamente che «in sette librerie di Bergamo, che avevano una disponibilità totale di più di un centinaio di copie, ne sono state vendute meno di 50». Già, come va il libro? I dati della Nielsen davano une vendita settimanale, a luglio subito dopo l'uscita tra i 5-8mila copie, mentre nell'ultima settimana di agosto monitorata siamo al 1700 copie in sette giorni, al terzo posto nella classifica delle saggistica. A spanne, dovremmo essere sulle 40-50mila copie, una cifra ragguardevole per un libro di un politico (gli altri si fermano a numeri molto più bassi), ma forse non il successo di popolo che Renzi e Feltrinelli si attendevano, con il libro delle verità a lungo attese, iper-pubblicizzato con le anticipazioni, uscito in piena estate tra festival culturali e le feste Pd.

Anche il sistema di monitoraggio di Google sulle ricerche web (Google Trends) su «Renzi», registra un traffico ai minimi storici. Poca gente lo cerca su internet. L'effetto déjà-vu dell'ex innovatore della politica nazionale è confermato dalle ultime apparizioni televisive. Anche qui, se una volta Renzi faceva impennare lo share, nell'ultima prima serata (da Mentana su La7) ha convinto il telecomando solo di 713mila persone, share del 3,82%, pochino. C'è da lavorare sulla comunicazione per ritrovare lo smalto perduto, non a caso Renzi ha richiamato l'addetto stampa del periodo della rottamazione, il fiorentino Agnoletti. Tutti sul treno, con la speranza che fermi di nuovo a Palazzo Chigi.

Commenti
Ritratto di makko55

makko55

Gio, 31/08/2017 - 23:16

Ma scusate preso come era a far rinascere litaglia è riuscito anche a scrivere un libro? Ma chi è mandrake ?

federik

Gio, 31/08/2017 - 23:42

....chi è 'sto Renzi?

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Ven, 01/09/2017 - 00:29

E' finito come finiscono tutti i pagliacci.

Popi46

Ven, 01/09/2017 - 05:44

Ho tanto l'impressione che sia bollito. Ha vissuto un suo momento magico,ma la sua inconsistenza culturale,in particolare politica, non gli farà fare tanta strada

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Ven, 01/09/2017 - 08:53

Speriamo paghi almeno il biglietto. Ormai gli resta solo lo zoccolo duro, così detto proprio perché costituito da gente dura "de capoccia" che ancora non ha capito che Renzi è un bluff.

Duka

Ven, 01/09/2017 - 08:53

Credi a uno che ha il doppio dei tuoi anni: Cercati un onesto lavoro e vai a lavorare.

falco41

Ven, 01/09/2017 - 09:54

Renzi in treno mi ricorda Lenin. "Mala tempora currunt" per lui.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 01/09/2017 - 10:00

Vattene via parassita

Augusto9

Ven, 01/09/2017 - 10:01

UN PALLONE CHE SI E' SGONFIATO! SPERIAMO DI NON AVERLO PIU FRA I PIEDI A FARE ALTRI DANNI!

Iacobellig

Ven, 01/09/2017 - 10:04

QUESTO BUFFONE INCOMPETENTE FALLITO DEVE ANDARSENE E NON FARSI PIÙ VEDERE.

Tarantasio

Ven, 01/09/2017 - 10:22

... sentirne il nome suscita un moto di repulsione viscerale, emotiva e irrazionale... chissà perché...

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Ven, 01/09/2017 - 10:33

@Duka: chissà nelle statistiche Renzi risulta un disoccupato o uno in cerca di lavoro, anche se quello che vuole fare lui tutto è fuorché lavorare!

VittorioMar

Ven, 01/09/2017 - 10:52

... SERVE L'OBOLO PER MANCANZA DI FINANZIATORI !!

ex d.c.

Ven, 01/09/2017 - 11:17

Purtroppo seguiamo poco la politica, altrimenti avremmo capito subito che Renzi, con la sua ambizione,è entrato nel PD anzichè in FI solo perchè in quel partito privo di leadership avrebbe avuto vita facile, mentre in FI sarebbe arrivato al massimo al ruolo di portavoce. Ha riproposto le riforme di Berlusconi, indisponsabili per il Paese e bocciate dal suo partito, creando solo confusione tra gli elettori che, dai risultati delle ultime elezioni, sembra abbiano finalmente capito di votare l'originale