La grande euforia dei grillini: "Siamo un partito di governo"

Dal quartier generale del M5S scelgono già gli assessori. Raggi: "Pronta a diventare il primo sindaco donna di Roma". Parte la corsa alle alleanze e c'è chi strizza l'occhio pure alla Lega

Virginia Raggi ce l’ha fatta, battendo tutti e andando al ballottaggio con un margine che a scrutinio ancora in corso è tra i 10 e i 15 punti. La conquista della capitale ora appare davvero a un passo, soprattutto perché l’esponente grillina al secondo turno potrebbe contare sul voto in funzione anti-Renzi degli elettori di centrodestra orfani di candidati della propria area. Un risultato ben superiore alle aspettative per il Movimento Cinque Stelle alla sua prima sfida importante. Successo reso più rotondo anche dai risultati di Torino con la Appendino al ballottaggio contro il sindaco uscente del Pd Fassino.

«A Roma la squadra di assessori è completa, manca solo una casella - assicurano dallo staff della candidata - tutti i ruoli apicali sono stati già individuati, ma i nomi li faremo solo a ridosso del ballottaggio, o sarebbe come mandarli al macello ». È racchiuso in questa risposta, sollecitata dopo l’ennesimo attacco arrivato dal fronte del Pd, tutto l’ottimismo ma anche la tensione che ha regnato nel comitato elettorale in attesa dei risultati definitivi. Virginia Raggi, tornata dal Festival dell’Economia di Trento è andata prima dal marito e dal figlio di 6 anni, poi a stemperare la tensione mangiando una pizza. Arriverà solo a notte avanzata, parlando, emozioanta, quando l’orologio segna quasi le 2: «Sono pronta a governare come primo sindaco donna di Roma».

Il quartier generale grillino è uno stabile moderno nel cuore del popolare quartiere Ostiense, un dedalo di stanzette distribuite su due piani, e quel terrazzo con vista sul gazometro comparso in molti degli spot elettorali delle scorse settimane. Qui si concentra l’attenzione dei media, non solo italiani (El Pais sarà la prima testata straniera a dare la Raggi vincente a Roma): oltre 160 le testate giornalistiche accreditate, fra giornali, radio, tv e web, tutti convocati per la conferenza stampa in una sala da soli 20 posti. L’effetto sardine è assicurato e i mugugni si sprecano. Qualcuno ironizza anche su una ipotetica visita dei vigili del fuoco. «Non avevamo abbastanza soldi per fare diversamente », si difendono dallo staff. E guardando alle cifre fin qui spese dai vari candidati, solo l’alfiere della sinistra Stefano Fassina pare esser stato più «sobrio» di Virginia Raggi. Lei, campionessa di crowdfunding, con 116mila euro ricevuti da 5,274 donatori, sul sito ha rendicontato in tempo reale uscite per oltre 144mila euro. In compenso abbonda l’entusiasmo dei volontari. Circa 25 persone, fra i 20 e i 40 anni, tutti convinti che la Raggi sarà primo sindaco donna di Roma, «perché la gente è stufa di tutta questa malapolitica, tocca a noi giovani cambiare», dice Marco, imprenditore di 25 anni.

Ad affiancare Virginia Raggi per la conferenza stampa conclusiva di questa infinita giornata elettorale, anche alcuni big del partito. «Siamo la prima forza politica di Roma, Renzi non può non tenerne conto », -scandisce Alessandro Di Battista sciolta la tensione dopo i primi risultati che vedono la Raggi oltre il 35%. E conferma: «Annunceremo la squadra degli assessori». All’attacco pure Luigi Di Maio: «è finita la storiella degli incompetenti, questo voto mostra la fiducia degli italiani sul Movimento 5 stelle come forza di governo». I risultati incoraggianti intanto spingevano anche il portavoce della Raggi, Augusto Rubei, a sbilanciarsi. Se vincete con chi farete un governo? «Lì bisogna vedere chi ti dà i voti, quali sono le proposte..», taglia corto. Nessuno lo ammette, ma sarebbe il partito del Carroccio, che a Roma ha sostenuto la Meloni, il candidato più credibile per un’intesa. Il peggior incubo di Renzi.

Commenti

Efesto

Lun, 06/06/2016 - 08:49

Pericolosissimo un partito governato attraverso un blog informatico con criteri di selezione opachi e con un dirigente (Di Maio) che afferma "non vedo l'ora di applicare a tutti i politici le regole che abbiamo noi". Questo è comunismo reale con guida di vertice e sacerdoti (magistrati di sinistra) pronti a garantirne il rispetto delle regole. Che poi queste siano reali caz...te poco importa: sono regole. Avremo il reddito di cittadinanza così chi non vuole lavorare può vivere senza essere povero alle spalle degli altri. Probabilmente avremo la distribuzione di statodei generi necessari. Il MOLOCH (Casaleggio associati) sarà il faro della verità, onestà e giustizia.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 06/06/2016 - 08:59

IMMAGINIAMO se Di Battista, Di Majo, Taverna, decidessero di formare, singolarmente, un proprio partito, cosa ne sarebbe del Movimento 5 stelle? ECCO, questa è la considerazione che si deve fare, guardando a quei vomitevoli di scissionisti meloni larussa e compagnia cantando, creati da SILVIO BERLUSCONI e, come ladri fuggire col 'malloppo' raschiando il fondo del barile degli elettori mentecatti. -riproduzione riservata- 8,58 - 6.6.2016

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 06/06/2016 - 09:00

A Roma un "governo" Lega-M5S....che pacchia per il bulletto di rignano,cominciano a tremare le gambe? Direi che questo è un voto sul suo (s)governo......Marino docet.Ah ah ah ah

Renee59

Lun, 06/06/2016 - 09:19

Siete un partito anticristiano islamico.

marygio

Lun, 06/06/2016 - 09:59

buffoni al governo e avanti con altri buffoni. a un passo dal baratro

Ritratto di Rames

Rames

Lun, 06/06/2016 - 10:17

Vi manderei tutti in Siberia a pascolare renne.Sul serio.

Dordolio

Lun, 06/06/2016 - 10:32

Non avevo mai sentito parlare la Raggi fino a stanotte, apprezzandola peraltro esteticamente come bella donna. Ma sono rimasto esterrefatto, nell'ascoltarla. Emozionata, certo è comprensibile visto il successo ottenuto, ma il lessico banale ed il comportamento erano quelli di un'atleta di volley adolescente della mia parrocchia. E si sta parlando del molto probabile prossimo sindaco della Caput Mundi. Ma siamo messi proprio così male? Non posso giudicare l'altrui probità, ma è come se l'amministratore onesto di un piccolo condominio di Cernusco dicesse: "Ora vado a dirigere Buckingam Palace. Ne ho i numeri e le competenze". Peccato che non si rida.

Beaufou

Lun, 06/06/2016 - 10:55

A Roma vince la Raggi. E allora? L'hanno votata i Romani, quindi va benissimo così. Che poi la Raggi sappia raddrizzare la situazione (disastrosa) di Roma, è tutto da vedere: personalmente non ci scommetterei, ma lasciamole provare. Magari è meglio di quel che si credeva, e se riesce almeno a scardinare un certo tipo di spartizione "alla romana" del potere, avrà anche i suoi meriti. Sempre che i suoi la lascino fare, il che non è detto. Chi vivrà vedrà.

Ritratto di ..hope...

..hope...

Lun, 06/06/2016 - 11:24

nel M5S c'è la PARTE MIGLIORE del paese che lotta contro il REGIME per riconquistare la libertà

il_viaggiatore

Lun, 06/06/2016 - 12:37

Ottimo. Con l'esempio Raggi a Roma, tra un anno ci saranno nuove elezioni.

Ritratto di unpaesemigliore

unpaesemigliore

Lun, 06/06/2016 - 12:50

Partito di governo??? su quali basi??? forse fondato su quattro ragazzotti che se non era per il M5S erano disoccupati qualunque??? oppure su un burlone/illuminato da chissà quale Dio??? oppure da uno spirito dell'oltre tomba??? .... fatemi capire. Per favore.

vabbeh

Lun, 06/06/2016 - 12:56

@Renee59 - ma non scrivere minchiate, va. Magari neanche vai in chiesa la domenica. Ma mi faccia il piacere.

vabbeh

Lun, 06/06/2016 - 13:03

@unpaesemigliore - un programma di governo, basato sui 5 punti che hanno dato il nome al movimento. Capito?