Grazie alle rate, +16% sulle pmi americane

Chi è abituato a investire prevalentemente in Bot, Btp e buoni postali, potrebbe non guardare di buon occhio l'investimento nelle small e mid cap americane o nelle azioni dei gruppi italiani esposti negli Usa: è indubbio che si tratterebbe di un passaggio brusco. Una soluzione che consente di sfruttare le potenzialità d'investimento sulle piccole e medie imprese americane e sulle azioni italiane più esposte agli Usa senza il pericolo di sbagliare il momento di entrata consiste nell'usare i piani di accumulo (Pac). Un'opzione che permette di comperare, mese dopo mese, in tutte le condizioni di mercato, sia quando gli indici salgono che quando le Borse scendono, e che consente di mediare il prezzo di acquisto. In questo modo, una correzione di mercato permette di comperare più quote e la successiva risalita consente di realizzare un guadagno complessivo maggiore a quello che si otterrebbe con un andamento lineare rialzista. Negli ultimi tre anni, per esempio, un investimento tramite piani di accumulo in fondi azionari Usa small cap avrebbe generato un rendimento medio annuo del +16% (a fronte di un rendimento del +15,2% annuo con un investimento in unica soluzione) mentre in fondi azionari Italia avrebbe prodotto un guadagno del 3,2% annuo (contro una perdita del 2% con il capitale investito tutto in una sola volta). È importante sottolineare che l'adesione a un Pac non prevede penalità in caso di interruzione dei versamenti: questo consente, tramite i consigli di un consulente, di scegliere un obiettivo di rendimento raggiunto il quale disinvestire.