Grecia, quel vertice notturno tra Hollande e Renzi

Dopo le 17 ore di vertice tra i leader europei per cercare di trovare un accordo sul salvataggio di Atene, emergono nuovi retroscena e particolari su quella notte

Dopo le 17 ore di vertice tra i leader europei per cercare di trovare un accordo sul salvataggio di Atene, emergono nuovi retroscena e particolari su quella notte. Questa volta è protagonista il premier Matteo Renzi e il presidente francese Fracoise Hollande. A raccontare il curisoso siparietto è il Mattino. Secodno alcune indiscrezioni riportate dal quotidiano campano, Hollande nel cuore della notte avrebbe abbandonato, durante una pausa dei lavori, gli altri leader europei. Da solo ha attarversato il corrdoio e la terrazza che lo separavno dalla stanza degli italiani.

Lì c'erano Renzi e Gozi. Dopo aver bussato avebbe detto: "C'è Matteo?". Dopo qualche istante Renzi ha accolto Hollande che gli avrebbe detto: "Matteo, ascolta, come ne usciamo?". Renzi è rimasto in silenzio. Poi Hollande lo avrebbe incalzato: "Troviamo un accordo insieme". Dopo qualche minuto è cominciata una trattiva, poi allargata agli altri leader. E alle luci dell'alba è arrivato l'accordo con Tsipras.

Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 14/07/2015 - 16:06

osservate bene la foto, a sinistra un deficente votato dal popolo a destra un deficente.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mar, 14/07/2015 - 16:41

ma come,avete scritto che non contava una cippa ed ora scopriamo che e' stato fondamentale per trovare un accordo?

unosolo

Mar, 14/07/2015 - 18:48

ma chi ci crede , manco era invitato , anzi faceva da tappezzeria mentre gli altri decidevano , al più gli avrebbe anticipato le decisioni prese mentre venivano stilate il bella copia , come si usa ma solo dopo aver deliberato , quindi ? per chi spinge colui che ha trasmesso questa soffiata ? saranno amici è chiaro , se non dello stesso pd.