Grignani torna in libertà ma deve firmare

Arresto convalidato e obbligo di firma per Gianluca Grignani che è stato rimesso in libertà al termine dell'udienza per direttissima, in mattinata, presso il tribunale di Rimini. Il cantante è accusato di resistenza e lesioni aggravate per aver aggredito due carabinieri, sabato scorso, mentre si trovava in vacanza con moglie e i figli a Riccione. Il suo difensore ha chiesto i termini a difesa ed in attesa del processo fissato per settembre, Grignani come stabilito dal giudice avrà l'obbligo di firma per tre volte a settimana.
Davanti al giudice monocratico di Rimini, il cantante, si è giustificato così: ««Soffro di attacchi di panico, non ho assunto cocaina recentemente e ho solo bevuto qualche birra». «Mi sono arrabbiato con mio cugino - ha spiegato- che vedendomi agitato ha mandato via mia moglie e i miei figli. Temevo per la mia incolumità. Ho paura che mia moglie chieda il divorzio». Grignani, ha anche detto di voler risarcire i due carabinieri feriti, che si costituiranno parte civile.