La grillina Lezzi: "La ripresa? Merito del caldo"

Secondo la deputata grillina Barbara Lezzi "quello che ha fatto marciare la produzione industriale sono i numeri di giugno, perché a giugno si è consumata molta più energia perché ha fatto molto più caldo"

L'aumento di produzione industriale? È merito del caldo, parola della deputata grillina Barbara Lezzi che, con un video postato sul suo profilo Facebook, ha contestato i toni trionfalistici di Matteo Renzi sui dati economici diffusi oggi.

“Quello che ha fatto marciare la produzione industriale sono i numeri di giugno, perché - è la teoria della deputata dei Cinquestelle - a giugno si è consumata molta più energia perché ha fatto molto più caldo. E allora i consumi per i climatizzatori, per la catena del freddo, per l’aria condizionata delle macchine hanno fatto aumentare, esplodere la produzione industriale. A giugno 2017, rispetto all’anno precedente, il consumo di energia è aumentato del 9,8%. Per una questione di emergenza e di vera necessità".

Ma, se da un lato è vero che il consumo di energia è aumentato a giugno, dall'altro lato l'Istat ha spiegato che l'aumento di produzione industriale ha riguardato la produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+18,5%), della fabbricazione di mezzi di trasporto (+13,6%), della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+12,1%) e della fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+10,8%). Per quanto riguarda la crescita del PIL, l’Istat spiega che “la variazione congiunturale è la sintesi di un aumento del valore aggiunto nei comparti dell’industria e dei servizi e di una diminuzione nel settore dell’agricoltura. Dal lato della domanda, si registra un apporto positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un limitato contributo negativo della componente estera netta”.

Commenti

manfredog

Gio, 17/08/2017 - 00:05

..be'..anche quello che ha dichiarato lei, probabilmente, è..'merito' del caldo..!! mg.

Ritratto di ElioDeBon

ElioDeBon

Gio, 17/08/2017 - 05:06

E' vero, il caldo fa brutti scherzi: sul cervello dei Grulli!!

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 17/08/2017 - 07:30

Caro signor Corridori! quin non ci sono sparate ..., anzi le ricordo come l' italia sia ancora sotto di sette punti rispetto al 2010 e soprattutto come se lei debba per forza attaccare qualcuno, attacchi quel paao collazborazionista di Monti che ha distrutto con l' aiuto dei un emerito inconfessabile, il tessuto economico italiano aprendo le porte a goverrni ineletti ed anche ai grillini obbligati a raccontarci ogni giorno un poco di verità evidenti e mal celate.

Romolo48

Gio, 17/08/2017 - 07:40

Già siamo in una situazione penosa ... ma se questa accozzaglia di improvvisati andasse al governo saremmo veramente in tragedia.

emigratoinfelix

Gio, 17/08/2017 - 10:10

e state a pubblicare le farneticazioni di questa senatrice per caso?noi a Lecce la conosciamo bene,prima di essere miracolata dalla tastiera e ritrovarsi senza nemmeno sapere come a Palazzo Madama era una signora nessuno,senza praticamente arte ne parte.pero' apprese subito dopo l'elezione:infilo' un suo parente come assistente parlamentare....

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Gio, 17/08/2017 - 10:33

Lungi da me il credo grillino, però penso che la senatrice si sia espressa male, o sia stata mal interpretata. Se è vero che un indice di sviluppo è anche il consumo energetico, allora può essere vero che tale indice sia falsato dall'anomalo uso di energia elettrica da parte dell'utenza privata. Equazione: più caldo / maggior uso dei condizionatori / maggior consumo di elettricità. Conclusione trionfalistica governativa: maggior consumo di elettricità = aumento dell'attività industriale. Sbagliato! Semplicemente, faceva caldo. Sekhmet.

Ritratto di cuginifabio

cuginifabio

Gio, 17/08/2017 - 18:04

E' SICURAMENTE PIU PLAUSIBILE CHE LE SPARATE DEL FIGLIOLO DI BERLUSCONI IL QUALE AD OGNI DATO POSITIVO SI AUTODETERMINA IL MERITO. CREDO CHE SIA PIU' VERO IL DATO FORNITO DALLA LEZZI, CERTAMENTE PIU' CREDIBILE DI QUEI FANFARONI DI TROMBONI DI ALTRI SCHIERAMENTI. IO CREDO CHE LA CRESCITA ITALIANA NON SIA NELLE PRIORITA' DI NESSUN PARTITO ORA COME ORA. SI SENTE PARLARE DI SCHIERAMENTI DI DIVORZI DI INCIUCIO DI COALIZIONI MA DI ELETTORI MOLTO MA MOLTO POCO PROGRAMMI POI NON SE NE PARLA PROPRIO, STIAMO SPROFONDANDO NELLA C..... E QUESTI VEDONO ANCORA TUNNEL CON LE LUCI IN FONDO E I MEDIA CHE FANNO? SICURAMENTE NON QUELLO PER I QUALI SONO PAGATI E MOLTI ANCHE CON SOLDI PUBBLICI. CHE SCHIFO DI GENTE, INCREDIBILE.