Grillo e l'asse coi cattolici: "Questi temi ci uniscono"

Ampia intervista di Avvenire a Beppe Grillo. "Noi al governo, sarà naturale. Non c'è una strategia. Vogliamo restituire il Paese alla gente"

Il quotidiano dei vescovi italiani, Avvenire, fa un'ampia intervista a Beppe Grillo. Il leader del Movimento 5 Stelle spiega che non esiste un strategia per arrivare a Palazzo Chigi: "Immagino questo risultato come un auspicabile fenomeno naturale, generato da gente decisa a scendere sulla terra, lontano dagli incantesimi degli agnellini salvati da Berlusconi e dalle palle seriali che vengono dal partito ora al governo. Un partito che ha solo un merito: mantiene al suo comando la persona che meglio lo rappresenta, il bugiardo Renzi".

E prosegue il proprio ragionamento dicendo di non usare il suo mestiere per convincere: "Sono semplicemente Beppe Grillo. Con le mie passioni, con i miei limiti, con le miei intuizioni. Lascio che tutto traspaia ed emerga per come è, evitando di vivere nell’enorme vergogna di ciò che ero prima di essere politico. Un comico può permettersi di fingere, un politico no". Ancora una volta, dunque, Grillo decide di stare a metà del guado: comico e politico.

Il leader pentastellato ribadisce che "l’Unione europea di oggi è un sacco contenente 27 popoli che si chiedono come ci siamo finiti dentro". E ancora: "È un blocco dalla natura indigeribile regolamentato da banche". Secondo Grillo l’Ue "è come una gita in bicicletta dove partono 27 persone completamente diverse, un paio di ciclisti professionisti e poi tanti dilettanti sino al novantenne che ha avuto due infarti. Arriverà primo il ciclista professionista più forte, gli altri - provando a tenere il ritmo - si sentiranno male o addirittura schiatteranno. La verità - prosegue - è che quest’Europa non ha futuro perché è una sorta di nave dei folli".

Inevitabile una riflessione su Donald Trump. Per Grillo il presidente Usa "è l’espressione plastica della fine della sinistra frou frou. La gente si è stufata degli Obama e dei Clinton, tutto il loro essere di sinistra trova sfogo nel concedere qualche diritto senza costi e sorridere bene davanti alle telecamere. Non importa come la pensi Trump - prosegue - oppure cosa abbia in comune con gli altri casi di esasperazione alle urne, la sua elezione è stata una sorpresa perché l’establishment americano è molto più ottuso di quanto si possa immaginare".

Uno dei temi su cui Grillo continua a punatre è il reddito di cittadinanza. "Non è una opzione, ma una fatale necessità". E prosegue assicurando che "non si tratta, anche se molti la interpretano così, di una misura basata su una logica assistenzialistica, ma di un ribaltamento delle priorità e della visione della società. Lo Stato che paga vitalizi ai politici e bonus super-milionari ai manager, che creano lavoro, ma spesso fanno anche grossi danni, deve occuparsi o no di garantire un "reddito di dignità" a tutti i cittadini?" . Infine Grillo riassume il senso del provvedimento elaborato dai suoi: "Noi proponiamo qualcosa che ormai è chiaramente inevitabile per redistribuire ricchezza e garantire decenza: basterebbe togliersi di dosso idee vecchie e stereotipate e guardare il mondo per quello che è".

Ora spazio a due temi etici, biotestamento e utero in affitto. "La gran parte delle posizioni etiche - spiega Grillo - trova le sue basi nell'ideologia di chi la esprime. Il Movimento è post-ideologico: non siamo qui a dire cosa è giusto e cosa è sbagliato per e su ogni argomento". Incalzato sul punto il leader del M5S sostiene che per il suo movimento "è fondamentale l'autodeterminazione, intesa come la possibilità data ai cittadini di essere cittadini". Per Grillo "il Movimento si è semplicemente impegnato a restituire il Paese in mano alla gente" e per tale ragione "non può essere connotato ideologicamente neppure su questioni definite etiche". Grillo chiude indicando qual è la priorità della sua creatura politica: "Per noi conta il ripristino della democrazia in Italia che oggi è sospesa, conta il rientro dei cittadini nelle istituzioni e assistere alla costruzione di una idea di futuro".

Il direttore di Avvenire: sui grandi temi sintonia tra M5S e cattolici

In un'intervista al Corriere della sera il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, spiega che quando il suo giornale ha "sollevato il caso di Serravalle speravamo che si riaprisse il dibattito sul lavoro domenicale. Sono lieto che sia avvenuto anche con il contributo del Movimento 5 Stelle" . Quanto alla presa di posizione di Luigi Di Maio contro il lavoro nei giorni festivi, Tarquinio osserva che "è una dimostrazione di sensibilità. Ha capito che il problema non aveva cittadinanza nel dibattito politico ma nella vita delle persone". E ad una precisa domanda (Il M5S può essere un interlocutore del mondo cattolico?) il direttore di Avvenire risponde in modo inequivocabile: "Lo è già. Sono tanti i cattolici che partecipano alle iniziative del Movimento. Se guardiamo ai grandi temi (dal lavoro alla lotta alle povertà), nei tre quarti dei casi abbiamo la stessa sensibilità".

Commenti

ex d.c.

Mer, 19/04/2017 - 12:45

Non diverte più , ma preoccupa molto

marco.olt

Mer, 19/04/2017 - 12:56

Un programma del M5S che non sia ambiguo ed univoco esiste? Questi sono gli argomenti da trattare in ordine di priorità: 1)Lotta alla immigrazione clandestina e rimpatri; 2)Sicurezza e ordine pubblico; 3)Lotta agli sprechi e riduzione dei costi della politica e dello Stato; 4)Crescita e sviluppo economico; 5)Rinegoziazione dei trattati europei; ecc. ecc.

squalotigre

Mer, 19/04/2017 - 12:57

Mi si vuole una buona volta spiegare perché il lavoro festivo non dovrebbe essere consentito? Mai ho potuto rispettare non solo la domenica ma neanche la Pasqua, il Natale o il Ferragosto. Quest'anno pur ricoprendo un ruolo apicale a Pasqua sono rimasto in ospedale per più di 15 ore consecutive perché alcuni interventi urgenti non rispettano le festività. Altrettanto si può dire per gli operai addetti a lavori a ciclo continuo. I sindacati perché non si preoccupano dei disoccupati anziché cercare di far fallire le aziende che per assumere ed assicurare il lavoro devono fare utili. E la Chiesa non conosce le risposte di Gesù ai farisei che lo accusavano di fare miracoli di sabato? Ma per favore...

agosvac

Mer, 19/04/2017 - 12:59

Strano che i 5 stelle si scoprano improvvisamente cattolici. Finora se non proprio atei erano stati agnostici!!!

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mer, 19/04/2017 - 13:08

i 5stelle sono il trionfo del vago. non dicono nulla di concreto e cercano di piacere a tutti. inoltre, sono appoggiati da poteri economici e politici stranieri. servono ad incanalare il voto di protesta su un binario morto. a Torino e Roma non fanno nulla, solo che a Torino il comune va avanti anche da sé, a Roma invece regna il caos

Tipperary

Mer, 19/04/2017 - 14:40

Perché Tarquinio, la Cgil e i sindacati in genere , la sinistra, da sempre mondialisti e globalizzatori alzano adesso le barricate al lavoro domenicale e fedtivo? È la globalizzazione bellezze! Non lo sapevate ? Tutto e il contrario di tutto? Vi fa comodo quando vi danno il lavoro le multinazionali ma contestate il come? I soliti c..i bianchi democristiani. La rivina di questo sfortunato paese.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 19/04/2017 - 15:20

Ma sull'invasione islamica cosa ne pensa, questo genio della comico-politica? E' d'accordo con bergoglione, di portare in qua mezza africa, oppure no?

manfredog

Mer, 19/04/2017 - 15:28

..mah, nella vita è stato sempre così, per chiunque; quando uno se la vede brutta va..in chiesa a pregare..!! mg.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Mer, 19/04/2017 - 16:25

@agosvac (12:59) Dove è scritto che il M5S si sta scoprendo cattolico? Non mi smbra qualcuno lo abbia dichiarato né che sia scritto nell'articolo. Forse è scritto nella tua testolina malata.

titina

Mer, 19/04/2017 - 17:14

domani lo strizzerà agli atei

eternoamore

Mer, 19/04/2017 - 19:07

QUESTA SPECIE DI ESSERE VIVENTE HA IL NASO LUNGO. HA CAPITO COME SI FA PER ANDARE AL GOVERNO.

giancristi

Mer, 19/04/2017 - 19:37

Anche Grillo comincia a intrallazzare con i preti. D'altronde Virginia Raggi si dichiara cattolica (se no certo non veniva eletta). Mi piace sempre più il vecchio Berlusconi. A lui piacciono le donne a pagamento E' un grande merito! Così non sarà mai ammesso a baciare la mano del papa!

mich123

Gio, 20/04/2017 - 05:02

É una scommessa vincente. Il Paradiso dell'Aldilà coi vescovi e il Paradiso in Terra con Grillo. E ci voleva tanto...

rossini

Gio, 20/04/2017 - 08:03

Caro Beppe Grillo, lasciali perdere i preti. Da loro riceverai solo fregature perché stanno sempre e comunque con la Sinistra e col PD. Impegnati piuttosto perché la Chiesa Cattolica versi le tasse sullo sterminato patrimonio immobiliare di cui è proprietaria. Decine e decine di migliaia di immobili accumulati nei secoli attraverso lasciti e donazioni ed ora di proprietà della Santa Sede, di Vescovadi, Parrocchie, Ordini Religiosi, Conventi e Santuari. E, giacché ci sei, impegnati più perché i due elettori non versino più l'8 per 1000.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Gio, 20/04/2017 - 08:22

@giancristi (19:37) Bergoglio non si rammaricherà se Berlusconinon sarà a,,esso a baciargli la mano, visto che a sinistra ce ne sono tanti che si affannano a baciargli una parte del corpo molto meno nobile.

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Gio, 20/04/2017 - 08:42

Niente di strano che una creazione innegabilmente massonica come il M5S possa trovare sintonia con la chiesa di Bergoglio visto che quest'ultimo è stato voluto da loro per occuparsi a pieno ritmo della protestantizzazione della Chiesa Cattolica. Come sempre possono ingannare chi cattolico non lo è mai stato, oppure chi nemmeno da piccolo ha mai aperto un libro di Catechismo.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 20/04/2017 - 09:27

Il buffone cosa ne pensa dell'invasione islamica che subiamo?

diesonne

Gio, 20/04/2017 - 09:27

diesonne i grillini hanno un pensiero unico :non tollerano la dissidenzaata ed escludono ogni riferiemnto religioso,sono laicisti e statalisti nella gestione del potere-il dialogo è parola vuota-chindetta le regole è solo il ridicolo capo,il cui pensare è riduttivo:comunica i suoi proclami sul sito-non datur argumentum è l'ipse dixit non può governare una democrazia

VittorioMar

Gio, 20/04/2017 - 10:21

....motivo valido per "GIUSTIFICARE" il voto contrario...!!!

krgferr

Gio, 20/04/2017 - 11:26

La concordanza di interessi fra Chiesa e Sinistre è conseguenza di un particolare momento storico che ha visto vari gruppi senza più capi (gli eredi del Marxismo e delle sue varie interpretazioni) e uno stuolo di capi con ormai pochi seguaci (i vertici religiosi, cattolici in particolare). La soluzione, il cattosinistrismo, ha tentato di curare, con poco successo a mio giudizio, le angosce dei primi e il terrore dei secondi. Ora l’occhiolino fra CEI e Grillini fa pensare che lo scolorirsi del mito 5S, da una parte, e la acclarata sempre minore capacità da parte della Chiesa di portare conforto al sempre più sparuto numero di fedeli rimasti, cospirino per dar origine ad una ulteriore comunione di intenti fra le due organizzazioni, operazione che, in ogni caso, non vedo come portatrice di sostanziali benefici per noi nel futuro. Saluti. Piero