"Hanno malmenato le nostre donne e i nostri anziani"

Ecco il racconto shock di Livia Morini, esponente del Comitato dei residenti di Casale San Nicola, sul blitz della polizia per forzare il loro blocco contro l'ingresso dei profughi nella ex scuola Socrate

"Sin dalle prime ore della mattina sono arrivate le camionette della polizia e dalle dieci tutti i poliziotti erano già in tenuta antisomossa". Potrebbe sembrare lo scenario di un blitz ordinato contro dei pericolosi terroristi e invece è solo il preludio del racconto di quanto avvenuto stamane a Roma per bocca di Livia Morini, un esponente del Comitato dei residenti di Casale San Nicola, il quartiere residenziale dove il prefetto Franco Gabrielli ha ordinato la carica contro i manifestanti che si oppongono da settimane all'arrivo dei profughi nella ex scuola Socrate che ora dovrebbe fungere da centro d'accoglienza.

Quindi alla fine hanno vinto loro?

Si, ma sono passati sopra le nostre donne e perciò abbiamo dovuto indietreggiare. Le donne che erano in prima linea sono state malmenate, tutti noi siamo stati maltrattati.

Ci sono stati feriti?

Feriti gravi, per fortuna no ma una decina di persone ha riportato escoriazioni e contusioni. Un anziano, trapiantato di cuore si è sentito male ed è stato portato al San Filippo Neri. La nostra è stata una resistenza passiva. Un esponente locale di Fratelli d'Italia, Giorgio Mori, è stato trascinato in questura solo perché stava tentando di difendere alcune donne dalle cariche della polizia. Vogliono far passare la diceria che abbiamo lanciato chissà cosa ma io ho visto solo lanci di bottigliette di plastica vuote.

Ma la presenza di Casa Pound vi inquieta?

Guardi, Casa Pound è stata a resistere pacificamente insieme a noi, secondo le nostre modalità legali e civili di resistenza passiva. Poi, a un certo punto, non ho più visto nessuno di loro. Chi manifesta con noi, facendo una lotta civile, è il benvenuto. Chi agisce con azioni non legali non lo fa con il nostro consenso e appoggio, ma è una scelta sua personale.

Non avete cercato il dialogo?

Certo ma è stato tutto inutile. Ci hanno detto: "fateci passare e poi dialoghiamo". Come si fa a dialogare a cose fatte?

Se avesse qui davanti a lei il prefetto Gabrielli cosa gli direbbe?

Gli chiederei un po' di equilibrio e di pazienza. Questa zona non è idonea e lui lo sa.

Quali azioni intendete compiere ora?

Ancora non lo sappiamo, siamo ancora tutti molto scombussolati e sotto shock.

Commenti

gigetto50

Ven, 17/07/2015 - 17:59

.....certo che ora i clandestini (profughi forse....per ora solo clamdestini...) potranno tranquillamente fare la p...i' in testa a tutti...

Anonimo (non verificato)

luigi1947

Ven, 17/07/2015 - 18:23

Vergogna !!!! abbiamo un governo di burattini, bisogna trovare il modo di mandarli a casa, con le buone o con le cattive!

Raoul Pontalti

Ven, 17/07/2015 - 18:36

Non sono solo i palestinesi che si fanno scudi di donne, anziani e bimbi, anche i destricoli. Bravi! Adesso che avete abbaiato alla luna in pieno giorno e litigato con gli accalappiacani andate pure a cuccia.

vince50

Ven, 17/07/2015 - 18:37

i poliziotti hanno malmenato i manifestanti,c'è ben poco da aggiungere.Quando capiranno che dovranno malmenare in altre direzioni,allora forse qualcosa cambierà,ma questo è un sogno.

unosolo

Ven, 17/07/2015 - 19:30

la colpa ce l'hanno i Prefetti che decidono dove piazzare la merce , questa è gente che ha necessità non merce da sbattere in giro della Nazione cavolo , portate queste persone nelle vicinanze delle abitazioni dei ministri o dei parlamentari che appoggiano il governo a spada tratta specie quelli che tutte le sere sono in tv a difendere l'occupazione senza regole , vicino casa del PCM no ? ci saranno disposizioni visto che non ce li portano .

Ritratto di hardcock

hardcock

Ven, 17/07/2015 - 19:32

Armatevi e combattete per le vostre case

lupo1963

Ven, 17/07/2015 - 19:40

Sei anche ebreo oltre che zecca pontalti ?

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Ven, 17/07/2015 - 20:28

Mentre scrivo, qui di fianco a casa scoppia una rissa tra risorse nordafricane che passano la giornata al bar come sempre. Inseguimenti per strada, lancio di bottiglie, pugni e calci, due di loro in lotta si sono schiantati su una mia finestra (per fortuna c'era il cancello di metallo). Fuggi fuggi di mamme e bambini dalla vicina gelateria. Mi domando perché queste mamme portano via i bambini, è in atto una bellissima manifestazione di cultura che potrebbe insegnare tanto ai pargoli, il mondo in cui vivranno quando cresceranno.

Tikitaka

Ven, 17/07/2015 - 22:33

Non c'è nulla da aggiungere oltre che dire che è un paese di m.....a!

Tipperary

Sab, 18/07/2015 - 06:07

...le cattive.

buri

Sab, 18/07/2015 - 10:06

episodi simili non fanno altro. che alimentare la rabbia della gente che si vedono obbligati ad ospirare i clandestini, e presto o tardi quella ribellione si estenderà a tutto il paese, e cosa farà il governo per fronteggiare la rivolta? manderà polizia e carabinieri a disperdere i manifestanti? è molto probabile e cos' segnerà on ulteriore sconfitta dello stato, ma èercjé non possiamo fare come gli altri paesi, i rifugiati da paesi in guerra vanno accolti, gli altri respinti e basta!

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Sab, 18/07/2015 - 19:19

Questo Gabrielli che vuole fare carriera politica nel PD , non può fare le prepotenze ai residenti italiani , sono loro che votano e la carriera se la può scordare , a meno che non pensa di prendere voti dagli estracomunitari e quindi elimina gli italiani per fare posto agli stranieri potenziali elettori suoi e del PD.