Hawking sepolto a Westminster La voce spedita in un "buco nero"

L'Agenzia spaziale europea (Esa) ha annunciato che la voce registrata del defunto astrofisico Stephen Hawking è diretta verso un buco nero: il brano di un discorso che implorava l'umanità di salvare la Terra è stato inviato nello spazio. «È un passaggio molto emozionante», ha dichiarato l'esperto senior dell'Esa Mark McCaughrean. «Non stava parlando di andare fra le stelle per salvare l'umanità, stava parlando di salvare il nostro pianeta.»

L'estratto registrato della voce sintetizzata di Hawking - musicata dal compositore greco Vangelis - è stato inviato da una radio con una parabola di 35 metri situata alla periferia di Madrid, negli stessi minuti in cui le ceneri del celebre astrofisico venivano sepolte con una solenne cerimonia nell'Abbazia di Westminster a Londra accanto ai giganti della scienza Isaac Newton e Charles Darwin.

«Abbiamo puntato il piatto dell'antenna nel buco nero più vicino alla Terra», noto come 1A 0620-00. «Il segnale dovrà percorrere circa 3.500 anni luce per arrivarci». «È un gesto simbolico», ha aggiunto McCaughrean, sottolineando che il segnale sarà molto debole nel lontanissimo momento in cui arriverà a destinazione.

Hawking, i cui bestseller sull'universo lo hanno reso una celebrità a livello mondiale, è morto nel marzo scorso all'età di 76 anni dopo una vita di scoperte pionieristiche. «Siamo felici di avere un piccolo ruolo nell'onorare la sua famiglia, è stato un piacere lavorare con loro», ha detto McCaughrean emozionato.

Commenti

rise

Sab, 16/06/2018 - 14:47

Un gesto inutile e di arroganza umana di fronte alla verità della morte. L' uomo che si crede talmente importante da poter sfidare il creato con i suoi gesti di sfida all' ignoto, che era ed è restato tale.