Hollande mette l'elmetto. Le Pen lo batte sul tempo

La leader del Front National è la prima a sfoderare le ricette contro i jihadisti

Alle 11 del mattino, dopo una notte insonne, François Hollande mette l'elmetto e chiama le cose col proprio nome: «Cari compatrioti, quello che è successo ieri a Parigi è un atto di guerra commesso da un esercito terrorista, Daesh, un esercito di jihadisti, contro la Francia, contro i valori che difendiamo in tutto il mondo, contro quello che siamo, un Paese libero che parla a tutto il pianeta». «È un atto di guerra, preparato, organizzato, pianificato dall'esterno con complicità interne», dice il presidente ancora visibilmente provato. Hollande promette: la «Francia sarà impietosa» contro i «barbari» dello Stato islamico che hanno rivendicato l'attacco. Gli fa eco più tardi il primo ministro Manuel Valls: «Sarà una guerra lunga e difficile. Ma la vinceremo Proseguiremo nei prossimi giorni la nostra azione in Siria». Intanto Hollande annuncia che parlerà domani al Parlamento riunito a Versailles e, in nome di quella «unità» e di quel «sangue freddo» che saranno necessari d'ora in poi, il presidente, come aveva già fatto all'indomani degli attentati del 7 gennaio, apre oggi le porte dell'Eliseo ai leader delle opposizioni. Alle 14 l'incontro con Nicolas Sarkozy, presidente dei Repubblicani. Alle 17 quello con Marine Le Pen, leader del Front National. In un clima di assedio, mentre il ministro dell'Interno Bernard Cazeneuve autorizza i prefetti a decretare il coprifuoco, mentre la Francia ha già ripristinato i controlli alle frontiere e proclamato lo stato d'emergenza, il capo dello Stato tenta la strada di un'unità politica che già dalle prime dichiarazioni lascia presagire invece un duro scontro su come la guerra all'Isis sarà affrontata, specialmente in casa, dal presidente e dal suo governo socialista.«Niente sarà più come prima» ha dichiarato a caldo il presidente del centrodestra Sarkozy riferendosi alla strage del 13 novembre. E niente rischia di essere più come prima anche nell'arena politica francese. Mentre i toni e la linea di Hollande si fanno più duri, l'unità e il sangue freddo invocati dal capo dello Stato si infrangono di fronte alle dichiarazioni di Marine Le Pen. La leader del Front National, simbolo della linea dura e della fermezza contro l'estremismo islamico ma ancora considerata da molti il simbolo di una politica estremista e pure razzista contro i musulmani, addirittura un virus che la Francia deve tenere lontano dalle sue istituzioni, alla fine si conquista ancora la scena come Cassandra di Francia.

È lei che, battendo tutti sul tempo, ha già in mente e invoca i primi provvedimenti da adottare sul territorio, hic et nunc. Primo: ripristino del controllo alle frontiere definitivo e non temporaneo. «È indispensabile che la Francia ritrovi il controllo dei propri confini nazionali». E «deve stabilire chi siano i suoi amici e chi i nemici». Secondo: «L'Islam fondamentalista deve essere distrutto, le moschee radicali devono essere chiuse». Terzo: «Vanno espulsi gli stranieri che predicano l'odio sul nostro territorio». Serve «privare della cittadinanza i terroristi francesi e espellerli dal Paese». Ultimo, ma non meno importante: «La Francia è stata resa vulnerabile, deve essere riarmata», dice madame Le Pen.I toni sono quelli di sempre ma l'impressione è che gli attentati possano modificare in maniera quasi definitiva la percezione dell'opinione pubblica e spostare ancora più a destra la linea del presidente socialista. Tra poche settimane si svolgerà un test importante, quello delle regionali e il Front National è candidato a vincere con Marine la guida della prima regione, Picardie-Nord-Pas-de-Calais, e ha messo l'ipoteca su altre due.Intanto i Repubblicani del centrodestra non hanno perso ieri l'occasione per l'ennesima diatriba interna sulla politica estera, la prova che l'unità non sarà impresa facile, nemmeno all'interno dei singoli partiti. Gli attentati danno a Jean-François Copé l'occasione per attaccare il rivale interno Sarkozy, addossandogli le colpe dell'avanzata islamista: «Abbiamo fatto la scelta di far cadere o indebolire regimi dittatoriali, nel Vicino e Medio Oriente, senza considerare che stavamo aggravando la situazione. La regione è sprofondata nel caos». Il leader dei centristi dell'Udi Jean-Christophe Lagarde, se la prende invece con Hollande: «Non ha strategia. Dall'11 gennaio non ha fatto nulla per condurre questa guerra. Si è perso troppo tempo. Per condurre questa guerra è necessario organizzare la popolazione civile. Non ci si può rimettere alle sole forze dell'ordine. Hollande chieda rapidamente una riunione d'urgenza della Nato. Siamo in guerra da gennaio».

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 15/11/2015 - 09:26

stiamo vivendo 100 anni di pecora piuttosto che un giorno da leone, finchè non aboliscono i diritti umani. Lo avete visto i diritti umani di queste bestie? Continuate a fare i buonisti, continuate, continuate!

linoalo1

Dom, 15/11/2015 - 09:27

Hollande,quale Principale Imputato,se ha un po' di pudore,dovrebbe dimettersi!!!Francesi,svegliatevi!!!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 15/11/2015 - 10:02

E perchè mai Hollande dovrebbe dimettersi????????????????????????????

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 15/11/2015 - 10:02

cugini francesi, buttate via hollande, ed eleggete marine le pen! solo cosi potrete rimettere le cose a posto! fidatevi di lei! è l'unica che ha la capacità di rimettere a posto gli errori fatti da hollande, un patetico cre.tino di sinistra che pensava di far felice gli islamici ....

Klotz1960

Dom, 15/11/2015 - 10:04

L'unica che ragiona in Francia e' la Le Pen. Ma le valanghe di fannulloni mantenuti dallo Stato sociale francese giustamente non si fidano di lei. Se si tagliano i sussidi agli islamici, poi si taglieranno anche a loro. Quindi meglio votare a sinistra e continuare a non lavorare, e pazienza se ogni tanto scoppia qualche bombetta. Non si puo' mica avere tutto, no?

antipifferaio

Dom, 15/11/2015 - 10:05

In pratica la Le Pen parla già da Presidente in pectore. I francesi si rendono conto che per uscire dal pantano sarà Lei a perndere le redini della Francia e probabilmente a dare le linee guida sulla sicurezza e sull'economia all'Europa ormai distrutta dalla politica aguzzina e inefficace della Merkel. Gli altri stati sodali e sottomessi alla cultura terzomndista seguiranno a ruota. Elimintao "schengen"...eliminata di fatto l'europa (e volutamente minuscola) merkeliana e germanocentrica. Come cambiarono gli USA dopo l'11 settembre, cambierà questa Europa ammalatasi col peggiore dei virus: la sinistra filoislamista.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 15/11/2015 - 10:05

Mi lamento del buffone cacciaballe a palazzo Chigi ma anche in Francia non scherzano. Si sono scelti un Bel pagliaccio sinistro per farsi governare. Deve essere genetico, gli idioti da manuale finiscono a sinistra. Adesso chiudono, forse, la stalla dopo che i buoi sono scappati. Eppure e tutto cosi' chiaro, basta essere onesti e non ideologizzati, gli islamici sono feccia, siamo incompatibili, non si puo vivere assieme. Marine ha ragione sui provvedimenti, quindi non li faranno mai.

fisis

Dom, 15/11/2015 - 10:16

Marine Le Pen, una speranza per la Francia. In prospettiva anche per l'Europa intera.

apostata

Dom, 15/11/2015 - 10:41

Gli stessi che non si accorgono che hollande è poco più di un pinguino, non si accorgono che sarkozy è un personaggio orribile, privo di scrupoli, che assieme ad altri personaggi detestabili come lui (con obama, napolitano e comunisti italiani) destabilizzò i paesi arabi, non per cercare primavere, ma solo per libidine di petrolio, mentre Berlusconi era sotto accusa perché tentava di salvare la situazione.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 15/11/2015 - 10:43

LA LE PEN E' L'UNICA DONNA CON LE PALLE, PURTROPPO IN ITALIA NON ABBIAMO UNA COL SUO CARISMA, SE CI FOSSE SBRANEREBBE RENZI IN UN BATTER D'OCCHIO, IL BUFFONE SCOMPARIREBBE IN MEZZO ALLA BOLGIA COMUNISTA.

Dordolio

Dom, 15/11/2015 - 10:50

Mi affascina la frase magica della Le Pen: "Privare della cittadinanza... ecc... ecc... ". Qualcosa che qui da noi non ha il coraggio di dire nessuno. E credo non sia nemmeno in una ipotetica agenda delle intenzioni dei vari Salvini, Meloni, Berlusconi e "Destra" assortita.

mifra77

Dom, 15/11/2015 - 11:05

Da Italiani, dovremmo prendere le distanze da questa guerra che non ci riguarda.Meglio sarebbe stato se Hollande avesse dichiarato che la sera del tredici novembre si è verificato un altro atto di ritorsione in risposta alle sue dichiarazioni di guerra ed ai suoi bombardamenti a pioggia e che gente innocente e soprattutto pacifista ha pagato con la vita o sulla sua pelle. Hollande che adesso finge di piangere e chiede la pietà del mondo intero sta facendo soprattutto la sua guerra di potere e conquista; nessuno glielo ha chiesto! Hollande adesso dovrebbe risarcire le vittime dell'alterigia tutta francese e pagare i danni morali derivanti dalla ritorsione provocata e che ha gettato nel panico tutta l'europa. Insomma, se Atene piange, Sparta non può certo ridere.

mifra77

Dom, 15/11/2015 - 11:12

Cosa aspetta Salvini a sottoscrivere il discorso della Le Pen e riportarlo in tutto e per tutto all'Italia?

Ritratto di thunder

thunder

Dom, 15/11/2015 - 11:40

La semplicita' e' sempre la cosa migliore,poiche' sono ospiti,chi delinque o crea problemi,SI CACCIA CON TUTTA LA FAMIGLIA E PARENTI.Scommettiamo che si calmano.

eglanthyne

Dom, 15/11/2015 - 11:46

Marine l'unica capace . . .

giovaneitalia

Dom, 15/11/2015 - 11:50

Grande Le Pen....Boldrini, impara da questa SIGNORA!

Ritratto di FanteDiPicche

FanteDiPicche

Dom, 15/11/2015 - 11:51

"Il medico pietoso fa la piaga cancrenosa".

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 15/11/2015 - 12:00

@gianniverde:....giusto,è stato votato,eletto dalla maggioranza dei francesi!!....Che se lo tengano,sino a quando cambieranno idea,....votando Le Pen!!@Klotz1960@fisis, gli altri che leggo al momento:...Concordo!!

claudioarmc

Dom, 15/11/2015 - 12:03

Hollande Sarkozy sono solo scorregge caricaturali di uno statista che insegue sempre gli eventi, esatti paladini di una sinistra come quella nostrana più interessata a fare soldi e gestire il potere che svolgere la sua naturale funzione di guida resposabile e attenta di una nazione

ismaele

Dom, 15/11/2015 - 12:08

Sarkozy avra' perso il sorrisino adesso? E' lui il complice di tutto questo. Per la sua smania di potere e di denaro ha imposto una guerra contro Gheddafi avallata dai pappamolli sinistroidi italiani (da Napolitano - il peggior presidente della Repubblica) in giu' ottenendo quale unico risultato una destabilizzazione continua e senza soluzioni in tutto il Nord Africa. E con lui il peggior presidente degli USA di sempre OBAMA che con la sua incapacita' politica e la sua visione miope ha completato il quadro stravolgendo la Siria e l'Iraq dando le basi per la nascita e la crescita dell'ISIS. ORA VOGLIONO LA GUERRA ? E CHI LA DOVREBBE FARE ? L'ONU? L'unico con le palle e' PUTIN e noi cosa abbiamo fatto? L'embargo economico..... abbiamo i politici che ci meritiamo!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Dom, 15/11/2015 - 12:34

Bravo "mifra77"!!! Proprio così!

Dordolio

Dom, 15/11/2015 - 12:39

E' anche vero il vecchio detto: "Se non sai mordere, non abbaiare". Se qui da noi siamo al livello di non saper nemmeno fare bau forse sarebbe meglio tenere un profilo basso. Però i Peshmerga li stiamo addestrando e armando noi, si è detto. Qualcuno comunque ha detto, forse non sbagliando, che noi siamo al sicuro perchè rappresentiamo la porta da cui entra tutta la feccia possibile. Facciamo comodo, quindi. Non so però se questo sia un pregio, o ci metta del caso in una posizione di un qualche vantaggio, nella prospettiva....

CALISESI MAURO

Dom, 15/11/2015 - 13:44

per distruggere la nostra civilta' e religione, dovevano fare eleggere parlamenti asservite e merd...e come premier, li hanno comprati quasi tutti. in parallelo hanno fatto il lavaggio del cervello ai popoli europei. Per favore leggete il libro di Aldous Huxley ( mondo nuovo / ritorno al mondo nuovo ) leggetelo e fatelo girare. ah i piscioni forse non lo capirebbero comunque, quindi il messaggio e' per le persone libere rimaste.

routier

Dom, 15/11/2015 - 15:41

In Francia hanno Marine Le Pen, in Italia abbiamo Laura Boldrini. COME INVIDIO I FRANCESI !

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 15/11/2015 - 15:45

Le soluzioni indicate da Marine Le Pen sono troppo deboli. Certamente va bene togliere la cittadinanza ai terroristi francesi ed espellerli, va bene cacciare chiunque predichi l’odio ma CONTINUA A FARE LA DISTINZIONE TRA ISLAM FONDAMENTALISTA E ISLAM MODERATO. Vuole cacciare SOLO i fondamentalisti e chiudere le loro moschee ma NON gli altri, il che significa semplicemente che siamo da capo a zero. L’islam è UNO SOLO, il Corano è lo STESSO, l’apparenza pacifica è data solo dalla loro convenienza temporale. Loro sono come l’esercito che aspetta che le avanguardie sfascino il portone per poter irrompere liberamente. Se alcuni di tali AVANGUARDIE muoiono, troveranno sempre tra di loro chi li sostituirà per il bene di tutto “l’esercito”. La Francia a causa delle conquiste coloniali, ha finito per permettere a molti islamici, di tali colonie, di divenire francesi ma persistere nell’errore è cosa che rinvia solo di un po’ di tempo lo STESSO IDENTICO PROBLEMA.

fisis

Dom, 15/11/2015 - 16:26

@stock47 Le soluzioni proposte da Marine Le Pen a lei paiono troppo deboli. Potrebbe darsi. Può anche essere che il problema risieda nell'Islam tout court, come diceva Oriana Fallaci e come lei propende a credere. In questo caso, come dice lei, i terroristi islamici sarebbero solo l'avanguardia di un esercito il cui fine ultimo è comunque quello di "sfondare" le società europee. Il suo dubbio è legittimo. Sta di fatto però che, in questa fase storica, il modello di un partito come quello di Le Pen è l'unico realisticamente realizzabile per via democratica. Per questo quel modello di politica va sostenuto, in Francia, come in Italia, come nel resto d'Europa. Ciò non toglie che, una volta conquistato il potere, se la situazione di pericolo islamico dovesse persistere, quel modello non possa essere perfezionato e adattato.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 15/11/2015 - 16:52

@stock47:....concordo!!

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 15/11/2015 - 18:34

fisis, comprendo la convenienza politica e che tutto non si può ottenere di colpo da cittadini abituati al politically correct e altre fesserie simili. Se non gli bastano 140 morti casuali in meno di un anno allora hanno dei seri problemi di comprensione del pericolo. Vedrà che a forza di bombette e sparatorie alla fine ci arriveranno a capirlo, peccato che ci saranno stati ulteriori morti innocenti. Potrebbe esserci perfino un ecatombe se dovessero usare un arma di distruzione di massa. A noi toccherà sicuramente con il Giubileo che inizia l'8 Dicembre, a Roma non hanno altro che l'imbarazzo di dove agire, ci sarà da stare allegri!