I banchieri nella loro trincea: "Non c'è alcuna emergenza"

All'assemblea annuale dell'Abi volti distesi e tranquilli e nessuna autocritica in attesa dell'intervento pubblico

Volti distesi, nessuna espressione di disappunto, ostentazioni di sicurezza. L'assemblea dell'Abi, la Confindustria delle banche, ieri avrebbe potuto essere caratterizzata dai toni del dramma visto che il sistema del credito è sul banco degli imputati nel tribunale della finanza globale.Invece no, tutto tranquillo. L'assenza prevista dei vertici del Monte dei Paschi ha anche stemperato il clamore.

Le sofferenze? «C'è un'esagerazione», ha chiosato il Ceo di Intesa, Carlo Messina, sintetizzando così le parole dei tre protagonisti dell'assise: il governatore di Bankitalia Ignazio Visco, il ministro dell'economia Pier Carlo Padoan e il padrone di casa, il presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, ieri confermato per un altro biennio. «Il sistema è in grado di coprire» gli squilibri dei non performing loans (Npl), ha aggiunto Messina sottolineando che si è «sulla giusta strada». Rischio sistemico? «Non siamo preoccupati», gli ha fatto eco l'ad di Ubi, Victor Massiah, mentre il suo omologo di Bper, Alessandro Vandelli (che sta per lanciare una cessione di Npl a impatto zero sui conti) s'è un po' lamentato delle nuove regole: «Se si cedono sofferenze, i crediti che rimangono sono di migliore qualità, eppure si tende a chiedere sempre un'ulteriore copertura», cioè aumenti di capitale.

Il resto lo ha fatto il numero uno di Via Nazionale. «Il problema dei crediti deteriorati non è un'emergenza per il sistema bancario» perché quegli oltre 200 miliardi, al netto delle svalutazioni, sono solo 87 e per altro ben coperti da garanzie. Ma soprattutto, «a fronte del rischio di un'elevata incertezza, un intervento pubblico non può essere escluso», ha rimarcato Visco, di fatto rassicurando la Borsa e anche la platea. Sereno il presidente della Consob, Giuseppe Vegas, tranquillo il grande «creatore» di Intesa Giovanni Bazoli, quasi sorridente Roberto Nicastro, presidente delle quattro banche «risolte», che presto saranno vendute in blocco. Soddisfatti gli esponenti dei due istituti citati direttamente dal governatore. Lodato per la fusione con Bpm l'ad del Banco, Pier Francesco Saviotti («Abbiamo fatto da cavia», ha scherzato). L'arrivo di Mustier a Unicredit (rappresentata dal presidente Giuseppe Vita) è stato salutato da Palazzo Koch come «premessa per migliorare».

La gelida compostezza del ministro dell'Economia, Pier Carlio Padoan, pareva quasi dissonante. «Il governo lavora per individuare tutti gli strumenti utili per gestire le criticità», «la flessibilità delle nuove norme Ue va sfruttata», «bisogna evitare di rispondere a nervosismo con nervosismo». Le sue frasi erano tutte misurate quasi a non voler irritare la Commissione Ue.

Ma al Palazzo dei Congressi di Roma ieri l'Europa sembrava davvero lontana, se non nemica. «Occorre che venga rivisto il bail in per ciò che contrasta con la Costituzione italiana», ha ribadito Patuelli riferendosi alla tutela del risparmio prevista dall'articolo 47. Patuelli ha fatto di più, non solo rinfacciando alla Germania i suoi 247 miliardi di aiuti pubblici, ma dicendo che il sistema bancario va bene così com'è visto che il numero dei dipendenti e degli sportelli è inferiore a quello di Berlino e di Parigi. Le ristrutturazioni, a differenza di quanto auspica Visco, possono aspettare. Non a caso ieri il presidente Abi ha ottenuto il plauso di tutti i sindacati, Fabi in primis, circostanza strana quando si parla di relazioni industriali.

La crisi bancaria nasce dalla recessione, è vero, ma vi sono stati anche comportamenti fraudolenti nell'amministrazione del credito, superstipendi non giustificati dai risultati e dividendi pagati per accontentare gli azionisti. Ieri, però, quasi nessuno l'ha ricordato.

Commenti
Ritratto di Enrico1949

Enrico1949

Sab, 09/07/2016 - 09:16

sono le stesse rassicurazioni sentite dai soloni economisti alla vigilia del crollo della Leeman Brothers e prima del collasso della economia grazie ai derivati a cui solo un massiccio aiuto statale ha limitato i danni e di cui paghiamo ancora ora le conseguenze . Ma qui siamo sotto il cappello UE -FMI che ha già detto che gli aiuti statali sono vietati:ma non vi preoccupate, hanno già la soluzione migliore ( per loro , naturalmente )

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 09/07/2016 - 09:23

L'emergenza c'è ed è contrastata dall'aleatorio "story telling" del "tutto va ben madama la marchesa". Infatti chi ha commesso gli ammanchi di cassa delle banche, è ancora in condizione di reiterarli, invece di essere escluso dal consesso della vita civile. Si sospetta che tale truffa internazionale sia stata commessa dalla famigerata associazione di stampo camorristico, la sedicente "Ditta". Perseverare nella presa in giro contro gli italiani è una colpa gravissima, riconducibile all'alto tradimento, qualora un Tribunale, non necessariamente ordinario, emetta un verdetto in tale senso, peraltro evidente.

marygio

Sab, 09/07/2016 - 09:43

i dividendi? ma se tutte le banche del mondo distribuiscono dividendi. questi hanno allegramente rubato e/o gettato miliardi in azioni scriteriate

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Sab, 09/07/2016 - 09:47

Possono dire quello che vogliono ma contano come il 2 di picche. Il destino e segnato, il 2017 sarà un anno molto difficile per tutti e l'EU sparirà!

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 09/07/2016 - 10:23

Se lo dice lui con quella faccia li', possiamo stare tranquilli. Comunque la storia è infarcita di gente che ostentava sicurezza,per nulla preoccupata dei rischi e poi.......

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 09/07/2016 - 10:32

Se le banche non avessero il tranello della borsa internazionale, avrebbero più stabilità e meno pensieri. Giocando in borsa i pensieri, i grattacapi li danno ai risparmiatori, i quali non si sentono più sicuri di avere il danaro nelle banche. il gioco d`azzardo, dovrebbe essere vietato, SPECIALMENTE SE SI GIOCA CON IL DANARO ALTRUI!!!

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 09/07/2016 - 10:36

Ci credo che per loro non c'è nessuna emergenza...hanno nella pancia delle loro banche ancora miliardi di euro dei poveri Pantalone!!!

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Sab, 09/07/2016 - 11:12

Non si capisce a cosa servano tutte queste chiacchiere. Shauble ha detto che nessuna - NESSUNA - delle richieste (lui le chiama pretese) dell'Italia verrà neppure discussa, figuriamoci accettata. Inutile perdere tempo, la Germania dice NEIN, NEIN, NEIN a qualsiasi regola che non abbia deciso autonomamente. E facile capire Salvini quando dà ragione alla Merkel ("fa gli interessi del suo paese"), più difficile è capire renzi, ma forse "capire" e "renzi" non possono stare nella stessa frase.

Beaufou

Sab, 09/07/2016 - 11:22

Il mondo del lavoro è in fibrillazione, la società civile non sa a che santo votarsi, la politica è sull'orlo di una crisi di nervi. Però i banchieri sono tranquilli e sorridenti. Avranno anche self control e nervi saldi, questi qui, ma propendo a credere che non stiano capendo una mazza di ciò che sta succedendo. Prima o poi si sveglieranno. Quando cominceranno a vedersi in giro mitra e nodi scorsoi, forse... Ahahah.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 09/07/2016 - 11:40

L'emergenza é di quelli che lasciando i soldi in quell'associazione a delinquere chiamata ABI,a fronte di un tasso irrisorio che non copre neanche le spese,si ritrovano spennati e pronti per il forno. nopecoroni.it

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Sab, 09/07/2016 - 12:15

Nel Belpaese "Non c´é nessuna emergenza" ... Tutto segue al meglio nella patria della mafia e del fascismo nel mondo ... L´indiscutibile autoritaritarismo della vigliaccheria e della ottusitá prepotente nella "politica" e nella "giustizia", la umiliazione della veritá nella "informazione" e nella "cultura" ... Quale emergenza di governo in un popolo di vili e ignoranti pecoroni?

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Sab, 09/07/2016 - 12:19

Nel "Belpaese" "Non c´é nessuna emergenza" ... Tutto segue al meglio nella patria della mafia e del fascismo nel mondo ... L´indiscutibile autoritaritarismo della vigliaccheria e della ottusitá prepotente nella "politica" e nella "giustizia", la umiliazione della veritá nella "informazione" e nella "cultura" ... Quale emergenza puó mai esistere nel governo di un popolo di vili, ottusi e ignoranti pecoroni?

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Sab, 09/07/2016 - 12:23

Nel "Belpaese" "Non c´é nessuna emergenza" ... Tutto segue al meglio come mai nella patria della mafia e del fascismo nel mondo ... Il sudiciume autoritaritario della vigliaccheria e della ottusitá prepotente nella "politica" e nella "giustizia", la piú volgare censura della veritá nella "informazione" e nella "cultura" ... Quale emergenza puó mai esistere nel governo di un popolo di vili, ottusi e ignoranti pecoroni?

maurizio@rbbox.de

Sab, 09/07/2016 - 13:54

Quanti indignati qua sopra. Vorrei un lanciafiamme. Le banche italiane sono tra le migliori del mondo. Tra le migliori! Del mondo! Ricordatevi che il problema è l'Euro e solo dopo un banchiere incapace.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 09/07/2016 - 13:57

............tanto ci sono milioni di italioti idioti che possono pagare........

DuralexItalia

Sab, 09/07/2016 - 14:06

Tranquilli tutti: José Manuel Barroso è stato nominato come presidente non esecutivo di Goldman Sachs. Ex presidente della Commissione Europea, in carica dal 2004 al 2014, Barroso rivestirà il prestigioso incarico di alto dirigente della banca d'affari USA portando in dote l'esperienza maturata a capo della UE per un decennio. Ma cosa volete che contino le beghette da 4 soldi di casa nostra? C'è o non c'è la UE a vigilare su noi tutti (ironia)? E quindi, tutti tranquilli...

luna serra

Sab, 09/07/2016 - 14:42

per questo signore la legge sulle banche è anticostituzionale invece fregare la povera gente è costituzionale

puntopresa10

Sab, 09/07/2016 - 15:17

Come possono risolvere i problemi,sono le stesse persone che le hanno creati?

puntopresa10

Sab, 09/07/2016 - 16:10

Allora,fintanto che non capiremo,che i banchieri non apprezzano i risparmiatori e l'intera crisi finanziaria globale deriva da questo.Domanda:in che modo il banchiere guadagna denaro?Aspetto risposte

DuralexItalia

Sab, 09/07/2016 - 16:26

@puntopresa10: Prendendo denaro pubblico ovvero banche centrali e reinvestendolo comprando titoli di debito sovrano?