I buonisti copiano i "razzisti". Ora vogliono affondare i barconi

Hanno ricoperto di insulti gli esponenti del centrodestra, ma dopo la strage del Canale di Sicilia il dietrofront: "Pensavamo volessero sparare ai profughi..."

Che a farlo siano i marines dei Consubin o semplicemente dei droni telecomandati, l'idea di sabotare i viaggi della morte dalle coste libiche affondando i barconi dei trafficanti è ormai sul tavolo, condivisa da uno schieramento ormai vasto: dall'Unione europea a Francesco Rutelli, da Pierferdinando Casini a Massimo Cacciari, per finire con il premier Matteo Renzi. É una strada che gli stessi proponenti considerano non risolutiva, vista l'enorme pressione demografica e umanitaria dall'Africa settentrionale, ma considerata concretamente utile a fronteggiare l'emergenza e a impedire il ripetersi di stragi come quella di sabato scorso. «Opzione militare», ovvero affondare i barconi per togliere ai trafficanti i ferri del mestiere: su questa scelta c'è una vastità di consensi tale da interrogarsi su quale cortocircuito lessicale o pregiudizio ideologico abbia potuto innescare nei giorni scorsi la reazione furibonda alle prime uscite pubbliche a favore dell'affondamento.

A farne le spese per prima, come è noto, è stata la parlamentare del Pdl Daniela Santanchè, che per avere proposto l'affondamento si è scontrata non solo con una valanga di insulti personali, tra cui quello del vignettista Vauro, ma persino con l'indignazione di Alba Parietti: la quale poi ha fatto retromarcia, «credevo che volesse affondarli con i profughi a bordo». Eppure basta sfogliare le raccolte dei giornali e l'archivio delle notizie di agenzia per rendersi conto che la strategia di colare a picco la flotta delle organizzazioni criminali è da tempo una delle idee sul tavolo, anche da fonti non sospettabili di insensibilità umanitaria. E viene anzi da chiedersi se era indispensabile il sacrificio di altri settecento sventurati perché si passasse (ammesso che ora ciò avvenga) dalle parole ai fatti.

Di dare la possibilità alla Marina Militare di affondare i barconi aveva parlato senza che nessuno si scandalizzasse il ministro Angelino Alfano nell'agosto 2014, annunciando che la norma sarebbe stata inserita nel decreto legge sull'immigrazione. E il 7 gennaio scorso, in un'intervista al Giornale , l'ex sindaco di Roma ed ex presidente del comitato parlamentare di vigilanza sui servizi segreti, Francesco Rutelli, aveva dichiarato testualmente: «L'Europa deve distruggere le barche gestite dai trafficanti di uomini prima che prendano il mare. L'Italia lo ha già fatto negli anni Novanta, in Albania». Anche lì, silenzio: nessuno si indignò con Rutelli, Vauro non gli dedicò vignette, la Parietti non insorse, ma, quel che è peggio, nessuno mosse un dito.

C'è voluta l'ecatombe di Lampedusa perché di misure concrete si tornasse a parlare, e che tra queste tornasse a venire indicata ai primi posti l'opzione militare: che può certamente avere contenuti più vasti, ma che nell'attacco alla logistica dei clan di trafficanti di esseri umani ha un elemento chiave. Eppure le reazioni, almeno fin quando non sono scesi in campo i portavoce della Ue a dire la stessa cosa, sono state furibonde. E quasi lo stesso vale per il «blocco navale» proposto dal leader leghista Matteo Salvini, tacciato di «sciacallo» dal governo e di «sciocchezza» dal Vaticano, ma oggi ufficialmente nel novero delle proposte operative e fatto proprio in diretta tv da Massimo Cacciari.

Gli sgangherati precedenti di Salvini, le violenze verbali anti-Islam della Santanchè autorizzavano a credere che intendessero proporre l'affondamento dei barconi con i migranti a bordo? Difficile crederlo, soprattutto leggendo con la doverosa attenzione quanto i due hanno dichiarato a botta calda sulla tragedia nel canale di Sicilia. Certo, il fatto che in passato esponenti leghisti avessero fatto dichiarazioni crudamente esplicite («sono contento se affonda un barcone», Erminio Boso) ha contato: inevitabilmente.

Commenti
Ritratto di sekhmet

sekhmet

Ven, 24/04/2015 - 09:05

Affondare cosa? Non dimentichiamo che con una fucilata hanno soffiato un barcone alla nostra marina. Sekhmet.

elgar

Ven, 24/04/2015 - 09:11

Significa che il cdx e Salvini avevano ed hanno tuttora ragione. Ora cominciano a capirlo pure lorsignori. Se non si spuntano le unghie agli scafisti arrestandoli e distruggendo i barconi subito non se ne esce fuori. A tutti coloro che parlano poi di razzismo perchè non hanno mai detto nulla all'Europa tutta che non li vuole? Che stanzia un po' di soldi sì ma di fatto se ne frega o almeno se ne è fregata finora? Ipocrisia e ottuso buonismo hanno portato questi risultati. Ora, piano piano ci stanno arrivando pure loro. Meglio tardi che mai.

Opaline67

Ven, 24/04/2015 - 10:06

NON E' COSA NUOVA CHE SULLA MAGGIORANZA DELLA SINISTRA, ANCHE SU QUELLI CHE SPESSO SALGONO IN CATTEDRA ATTEGGIANDOSI A SACCENTI SAPIENTONI,GRAVINO, A TUTT'OGGI,UNA PATOLOGICA PREVENZIONE VERSO GLI ''SPIETATI''PISTOLERI DI DESTRA, OLTRE A UN'IGNORANZA GRETTA E UN'OTTUSITA' MENTALE CHE A ME GIUNGONO INQUIETANTI. DEVI SOTTOTITOLARGLI PERFINO LA PUNTEGGIATURA E SE GLI PARLI DI ''STRUTTURA GRAMMATICALE DEL PERIODO'' PENSANO AD UN ''PERIODO'' TEMPORALE NON BEN DEFINITO DI CHISSA' QUALE EPOCA, CHE NON SI SA COSA POSSA MAI AVERE A CHE FARE CON QUELLA MISTERIOSA ENTITA'ALIENA DI NOME GRAMMATICA

Rossana Rossi

Ven, 24/04/2015 - 10:53

Le capre rosse sono da sempre la nostra rovina. Quel che è la povera Italia adesso ne è un esempio più che evidente........italioti svegliatevi!!!!

rcropelli@hotmail.it

Ven, 24/04/2015 - 10:54

mettiamo renzi e alfgano su barcone..e vediamo chi se li prende!! basta islamici nelle nostre strade!!

Perlina

Ven, 24/04/2015 - 11:06

I buonisti sanno pensare!? Questa si che è veramente una bella notizia. Da ora possiamo dormire sonni tranquilli.

Beaufou

Ven, 24/04/2015 - 11:28

@ Perlina: i buonisti non sanno pensare. Ma quando la cosa vien loro ripetuta un numero sufficiente di volte, la imparano (loro direbbero che la "interiorizzano"), come avviene con i cani di Pavlov o le scimmie ammaestrate. I cani e le scimmie però sono un po' più ricettivi dei buonisti, e si perde meno tempo...

VittorioMar

Ven, 24/04/2015 - 11:28

Dirlo va bene,e farlo che è difficile almeno che non abbiano(strano)quache idea efficace!!Dove è finito il buonismo e l'accoglienza?Stanno perdendo consenso elettorale?Ben venga!!Si sono accorti anche loro che ci prendono per FESSI?

igiulp

Ven, 24/04/2015 - 11:28

D'impeto, si lasciano prendere dall'ideologia. Poi, ripensandoci bene si accorgono che gli altri non dicono poi delle minch....te. Allora diventano loro i portatori del giusto pensiero. Veramente una categoria di sfigati, questi rossi.

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Ven, 24/04/2015 - 11:54

Ora vorrei vedere una vignetta di Vauro con la sua faccia al posto di quella della Santanchè. Ma capisco che è chiedere troppo a un Vauro qualsiasi.

Giovanmario

Ven, 24/04/2015 - 12:20

stranamente.. non mi sembra che i francesi abbiano fatto proposte concrete su come risolvere il problema dei barconi.. piuttosto parrebbe stiano alla finestra aspettando che noi italiani facciamo la solita entrata da leoni e l'uscita da co@@ioni e cioè far imbestialire i libici con l'affondamento dei pescherecci e regalare di conseguenza il gas e il petrolio a sarkò che molto probabilmente tornerà all'eliseo nel 2017 proprio grazie a questo risultato..

VittorioMar

Ven, 24/04/2015 - 12:20

..credo che comincino a temere che possano entrare in casa loro!Non tutto il male viene per nuocere

Libertà75

Ven, 24/04/2015 - 13:16

La Parietti fa bene a chiedere scusa, ha parlato in quanto impreparata (come spesso capita a sinistra) e con una buona dose di non conoscenza della materia (alias ignoranza, cosa normale a sinistra). Va ricordato che il razzismo è sempre sinonimo di ignoranza e gli ignoranti sono spesso razzisti.

Ritratto di Cobra31

Cobra31

Ven, 24/04/2015 - 13:20

Stanno perdendo un mare di voti. Per questo copiano i razzisti.