I Cie trasformati in centri permanenti Uno per Regione

Non si chiameranno più Cie, ma Centri permanenti per il rimpatrio. Saranno centri di piccole dimensioni, 1.600 posti sul territorio nazionale, uno per Regione, collocati fuori dai centri urbani e vicino alle principali infrastrutture di trasporto. Saranno controllati dal garante per i diritti delle persone private della libertà personale per minimizzare i rischi di violazione dei diritti, frequenti nei Cie. Per Minniti con le nuove norme si intende favorire «un modello di accoglienza il più possibile diffusa». Un orientamento concordato con l'Anci, che passa attraverso la riduzione dei Cie, più esposti a criticità gestionali per una questione di numeri.