I «demiurghi» del vetro all'opera A Murano l'arte si mette in mostra

L'isola di Murano è nota in tutto il mondo soprattutto per due motivi: l'arte vetraria (esplosa dal '400 al '600 e rinata nel '900) e la vicinanza a Venezia. Sabato 12 e domenica 13 luglio la capitale del vetro si animerà con la manifestazione aperta a tutti «Murano Glass Masters». Promossa dal Consorzio Promovetro (www.promovetro.com - associazione di promozione e tutela del vetro di Murano), in collaborazione con La Gare Spa e con la Fondazione Musei Civici di Venezia, col patrocinio del Comune di Venezia e col supporto di Venini, la manifestazione ha come obiettivo la valorizzazione della tradizione vetraria e la tutela del marchio di origine Vetro Artistico Murano istituito dalla regione Veneto e gestito dal consorzio Promovetro. Proprio Venini, azienda e marchio fondato da un milanese nel 1921, ha contribuito a portare il nome e il prestigio di Murano nel mondo e si è occupata dell'illuminazione del lussuoso La Gare Hotel Venezia (ex vetreria) ristrutturato e inaugurato un anno fa. Il programma per questa festa è ricco e vario: il Museo del Vetro, dove si terrà la mostra «L'incanto del vetro» sabato 12 luglio resterà eccezionalmente aperto dalle 21 alle 23. Anche la Scuola Abate Zanetti, dove si insegnano tecniche e metodi della lavorazione artistica tradizionale e contemporanea, presenterà i migliori pezzi della sua collezione. Inoltre le fornaci dei vetrai associati a Promovetro rimarranno aperte per l'intero weekend, offrendo al pubblico adulto e ai bambini dimostrazioni dal vivo della creazione di oggetti meravigliosi da parte dei «demiurghi» maestri vetrai. Previste anche visite guidate ai tesori dell'isola: la basilica SS. Maria e Donato, la chiesa di S. Pietro Martire, e la possibilità di degustare prodotti e piatti tipici, grazie al «menù del Vetro», messo a punto dai ristoratori, da apprezzare tra musica e concerti.