I dubbi di Bertolaso riaprono la partita del centrodestra a Roma

Continuano le fibrillazioni tra Salvini e Berlusconi: "Ora convergere su Meloni o Marchini". Malumori in Forza Italia, domani vertice

Roma - Un po' il pressing degli alleati; un po' il feeling traballante con i quadri di Forza Italia; un po' che lo stesso Bertolaso in privato ammette di essere disposto al passo indietro «ma solo se me lo chiede il Cavaliere»; fatto sta che la posizione di Mister Emergenze appare fragile. Ufficialmente Berlusconi continua a sostenerlo a spada tratta ma i borbottii nel partito proseguono. E nell'ipotesi, per ora smentita, che Bertolaso si ritiri, alcuni spingono perché si converga sulla Meloni, altri su Marchini. Maggiore chiarezza si avrà domani mattina quando Bertolaso incontrerà tutti i parlamentari azzurri di Roma.

Si segnala poi, segno che le diplomazie sono sempre al lavoro per trovare una semplificazione del quadro politico, un Marchini in totale difesa del Cavaliere e contro il Carroccio: «Ormai Salvini si è autoproclamato nell'ordine: 1) grande conoscitore dei romani ed esperto sondaggista al punto da decidere chi e come voteranno; badante di Berlusconi al punto da proclamarsi mediatore tra Berlusconi stesso e Bertolaso. Ma Berlusconi non mi sembra abbia bisogno di badanti e tutori, anche perché a differenza di Salvini, nella sua vita ha dimostrato di saper vincere; capo di Forza Italia al punto da dettargli la linea. Con simpatia gli consiglio prudenza e un po' di umiltà». Una nota che sembra scritta da un forzista.

Ma ieri è stato soprattutto il giorno del grande gelo con la Lega. L'imputato è Salvini, reo di aver usato l'accetta con una frase che non è piaciuta affatto in quel di Arcore. Eccola: «Sono qui per ribadire la mia totale disponibilità a fungere da mediatore, anche in questa fase di incomunicabilità tra Berlusconi e Bertolaso, perché il centrodestra vinca a Roma». Poco importa che dopo il capo del Carroccio abbia sottolineato di essere disposto a «trovare la quadra» perché «a me interessa unire, annodare, cambiare, rilanciare Roma dopo il disastro di Marino e le false promesse di Renzi».

Insomma, con la Lega è freddo polare e la proposta di fare il «mediatore» tra il Cavaliere e il suo uomo proprio non è andata giù. Così, parte una nota della fidatissima Deborah Bergamini che fa trapelare tutto il fastidio di Berlusconi: «Ringraziamo Salvini per essersi proposto come mediatore, ma facciamo fatica a capire cosa ci sia da mediare dal momento che noi abbiamo rispettato la parola data e gli accordi presi, mentre Salvini e Meloni no». Punto. E un altro fedelissimo, il senatore Marco Marin, rincara la dose: «Gli avversari sono il Pd e i 5 Stelle ma Berlusconi è imprenditore e uomo di sport che ha ottenuto fior di risultati. La competizione e il merito sono nel suo dna e noi siamo con lui». Insomma, ancora tutto fermo. E i sondaggi non aiutano: «Ce ne sono di variabili che alimentano il dibattito, ma allo stato la situazione è immutata: Bertolaso è in campo e Berlusconi ritiene che lui sia il candidato migliore», dice Maurizio Gasparri. E anche Mister Emergenze ribadisce: «Ho il pieno sostegno dell'ex premier».

Commenti
Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Ven, 08/04/2016 - 08:53

Ma non potrebbero mettere in evidenza i punti che li uniscono al posto di quelli che li dividono? Di norma non si cercano le complicazioni ma le soluzioni. Troppi galli nel pollaio stonano.!

acam

Ven, 08/04/2016 - 09:15

non giudico ma osservo che i vertici di fi si stanno karahikando a una manciata di settimane dal voto. è tutto detto PD M5S FI i buoni stanno a guardare

tonipier

Ven, 08/04/2016 - 09:27

" INCLINATO QUESTO TASTO DELLA BRAMOSIA DELLA POLTRONA... POTRA' FINIRE TUTTO L'APPARATO COMPRESA l'ERA BERLUSCONIANA"

peter46

Ven, 08/04/2016 - 09:27

Vi prego,aspettate il 15 per 'trombarlo'...mi sono già 'speso',in altro articolo ed in tal senso giorni fa,non è che per farmi un dispetto lo 'trombate' già da lunedì,vero?Egr Meloni...la Pivetti da anni e per sempre ormai rimarrà colei che "non voleva abbandonare l'ufficio,e il pagamento da parte nostra degl'impiegati assegnategli per legge,di ex PDC" come un Bertinotti qualsiasi,quando anche Fini ha 'sloggiato' seguendo l'esempio di Casini....questa è 'zavorra':non farti,prima d'iniziare',portare a fondo.D'accordo che è in quota lega,ma la 'faccia' la metti tu e 'qursta' non è ...valore aggiunto,ma 'vuoto a perdere'.

ex d.c.

Ven, 08/04/2016 - 09:48

Ritirare La candidatura di Bertolaso sarebbe un errore ulteriore. Comunque vada abbiamo regalato Roma al M5S.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 08/04/2016 - 09:48

"...altri su Marchini"? Ma cos'ha di centrodestra questo Marchini? Mi sa che andrà a finire come per Renzi, da tutti osannato come l'unto del Signore e poi....

antipifferaio

Ven, 08/04/2016 - 10:15

Sarebbe il caso di farla finita con questa manfrina e candidare ufficialmente la Meloni. In caso contrario F.I. si avvierebbe alla scissione, cioè la fine, e il Cav. a pensionarsi definitivamente.

odifrep

Ven, 08/04/2016 - 10:30

Spero che prevalga la ragione, per il bene del centrodestra.

luciano32

Ven, 08/04/2016 - 10:38

Salvini fara la fine di Fini, Alfano Fitto Casini tutti scomparsi nel nulla, ma tutti portati a galla da Silvio, Mi dispiace per la Meloni, o è mal consogliata o cerca qualche postoda consigliere comunale,

Ritratto di perigo

perigo

Ven, 08/04/2016 - 10:39

Capisco il compromesso politico per raggiungere "la quadra", capisco i sondaggi, capisco la situazione poco piacevole di un candidato, Bertolaso, prima accettato e poi rifiutato dai suoi stessi sostenitori, ma se fossi in Berlusconi, manterrei la decisione presa. La faccia ormai ce l'ha messa, e quindi continui sulla sua strada. Pur di non darla vinta a degli irresponsabili come Salvini e Meloni, farei mia la famosa massima: "muoia Sansone con tutti i filistei!".

fisis

Ven, 08/04/2016 - 11:37

Bertolaso è stata una scelta a perdere. Marchini il capellone a me sembra uno di sinistra, anche quando parla. L'unica candidata del centrodestra, con chance di vittoria, è attualmente la Meloni, che personalmente voterei subito se fossi romano.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 08/04/2016 - 12:00

Se Roma passerà ai grillini sappiamo chi dovremo ringraziare!

xgerico

Ven, 08/04/2016 - 12:05

@@@Classico articolo in cui si spiega chiaramente come i candidati del centro destra si stanno prendendo per il ku-lo tra di loro!

tonipier

Ven, 08/04/2016 - 12:20

" L'ONOREVOLE LA RUSSA PERCHE' TACE SU TUTTA LA VICENDA?"

no_balls

Ven, 08/04/2016 - 12:48

marchini non e' ne di destra ne' di sinitra.... E' uno semplicemente che ha la grana...... e tanti affari da curare. Come tutti quelli della cosidetta "societa civile"...... Mai uno che fa l'impiegato....solo palazzinari della societa' civile....

Miraldo

Ven, 08/04/2016 - 12:52

Berlusconi e Forza Italia esistono solo nei sondaggi. Passate in massa alla Lega di Salvini visto che è il primo partito di Centrodestra e con le idee molto chiare..........

grazia2202

Ven, 08/04/2016 - 12:58

Cui prodest. Roma, se dobbiamo esserci tirare un passo indietro evidenziando certi sondaggi non è male nè per il centro destra nè per F.I.. Cosa vogliamo fare: estinguerci al sole come coni gelato. il bello della politica sono gli ideali la forza la novità. l'elettorato è volubile aiutiamolo a comprendere che tutta la destra è unita. marchini è di destra? non lo so il nonno era soprannominato calce e martello e vi delle botteghe oscure era sua quando l'ha regalata al PCI. lui gioca a polo e mica è un tarlo. se lo ammette va bene altrimenti andasse per i fatti suoi. state uniti che vinciamo. e vincere a roma dovrà essere da esempio. un sorriso un abbraccio e via con al meloni.

Ritratto di Chichi

Chichi

Ven, 08/04/2016 - 13:26

Berlusconi, dopo aver fatto a pezzi la gioiosa macchina da guerra di Ochetto, insieme a Bossi ha saputo mettere insieme il centrodestra. Avrebbero potuto veramente cambiare l’Italia, liberandola definitivamente dall’egemonia politica e culturale comunista. Lo ha impedito, non tanto la forsennata persecuzione giudiziaria contro il Cavaliere, quanto gli omuncoli cresciuti all’umbra dei due leathers, mossi da una sola ambizione: sostituirsi ad essi. Pensavo che questi guastatori se ne fossero andati tutti all’ammasso PD. Purtroppo non è così. Molti sono rimasti a fare i sabotatori dall’interno. All’ottimo Bertolaso consiglierei di tenere duro. Se si baratta con questi signor nessuno, non solo la sconfitta è certa, ma la loro presenza renderà impossibile anche una valida opposizione.

Sise

Ven, 08/04/2016 - 14:20

Puntare sulla Meloni? No, grazie. Ha offerto uno spettacolo di tira e molla ridicolo e indecoroso e non la voterei nemmeno sotto tortura. In più avrebbe urgente bisogno di un bagno di umiltà.

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Ven, 08/04/2016 - 14:42

Mi pare che la strategia romana di Berlusconi sia confusa e velleitaria. Se, politicamente, capisco che deve differenziarsi dalla Lega sul piano nazionale, alle amministrative di Roma, insistere su Bertolaso come "suo" candidato (perdente, sicuramente) o immolarsi ai piedi di Marchini, in ambedue i casi mi pare effettivamente sia un suicidio elettorale di FI.

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Ven, 08/04/2016 - 15:30

Tranquilli, per il Cavaliere non ci saranno ripensamenti o passi indietro. Puntando su Bertolaso il nostro Leader ha fatto la cosa giusta pensando, non ai suoi consensi ma alla rinascita di Roma e al futuro benessere dei romani che ora dovranno decidere della loro sorte. Il cerino intanto si consuma tra le ditta della Meloni e di Salvini che incomincia a scottare....ma la soluzione c'è: fare retromarcia e buon viso a cattiva sorte!

Giovanmario

Ven, 08/04/2016 - 16:58

tutto 'sto casino per difendere l'indifendibile.. nè la meloni nè il nordico salvini hanno fatto cenno ad un radicale cambiamento (in meglio) dell'andazzo mafio-capitolino che si protrae da più di vent'anni a roma.. hanno tutti paura di bertolaso.. che non farebbe sconti a nessuno