Il Comune paga la festa di Repubblica

Il sindaco di Udine usa i soldi pubblici per ospitare il Festival del gruppo di De Benedetti. Gratis pure luce e bagni

Si sa come vanno queste cose: «Una mano lava l'altra e tutte due si lavano la faccia» come diceva Totò a Paolo Stoppa in Siamo uomini o caporali? E poi fra compagnucci un'intesa si trova sempre. Di sicuro l'hanno trovata il Comune di Udine e l'ingegner Carlo De Benedetti per organizzare «Il Festival de La Repubblica » in programma a Udine sabato 21 e domenica 22 marzo. Figuriamoci se il due volte sindaco rosso fuoco Furio Honsell (l'unico primo cittadino Pd d'Italia ad essere sostenuto oltre che da Sel persino dagli estinti Comunisti italiani) non si sarebbe inginocchiato i suoi sodali. La giunta dello Tsipras del Friuli-Venezia Giulia ha deliberato una sfilza di contributi e privilegi al festival di Repubblica attribuendo all'evento il «riconoscimento del carattere istituzionale». Non c'è di che meravigliarsi considerato che Honsell nel 2007 ha ricevuto persino l'onorificenza di Commendatore della Repubblica da Romano Prodi presidente del Consiglio. Qualche debito di riconoscenza deve averlo pure maturato. Ma il matematico di origine genovese prestato alla politica questa volta ha cannato i calcoli. La testata on-line Il Perbenista del Friuli-Venezia Giulia si è fatta passare sotto banco dal consigliere di opposizione Vincenzo Tanzi, la delibera 62 del 3 marzo 2015. Ebbene, per fare la festa a Repubblica e bella figura con l'Ingegnere, il Comune ha pensato bene di inzuppare le proprie manone nelle casse pubbliche dell'amministrazione dove confluiscono le tasse dei cittadini.

Per accogliere gli ospiti del giornalone amico, Honsell ha fatto i salti mortali facendo passare un evento mediatico-politico per istituzionale e pagando ogni spesa coi soldi degli udinesi. Ha concesso gratuitamente la ex Chiesa di San Francesco dove si svolgerà la due giorni dei «repubblichini», pulizie incluse (31 euro); ha predisposto personale nel corso di tutto il Festival (2.500 euro); ha messo a disposizione 380 sedie; ha aperto al pubblico i bagni dell'anagrafe (89 euro); fornirà gratuitamente la corrente elettrica (500 euro) e un info point da oggi al 22 marzo; dislocherà 50 transenne; ha concesso la riduzione del 50% dell'imposta sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni su tutto il materiale promozionale di Repubblica e la riduzione del 90% delle tasse di occupazione suolo pubblico. Un conto di oltre tremila euro: tutto gratis. Il Comune quantifica il mancato introito derivante da tutte queste agevolazioni in: 1.200 euro per la ex Chiesa di San Francesco; 108 euro per il suolo pubblico, 420 euro per le affissioni; 700 euro per l' info point e 400 euro per le sedie.

La delibera precisa, non si fosse capito, che queste spese sono a carico del Comune e che troveranno copertura «nei presunti capitoli del bilancio di previsione 2015 in corso di formazione». L'aspetto più fastidioso di tutto questo intrallazzo è che da una parte, il Comune di Udine chiede sacrifici ai commercianti e ai cittadini per contribuire, ad esempio, agli addobbi di Natale. Quotidianamente i vigili rifilano multe a raffica per colpa delle zone Ztl last minute . Agli ambulanti e alle pubbliche attività commerciali vengono fatte pagare tasse salatissime per suolo pubblico e pubblicità. Ma dall'altra all'ingegner De Benedetti regala tutto.

Forse quando il sindaco Honsell ha scelto di prostrarsi a quelli di Repubblica rimettendo il conto ai cittadini deve aver pensato di aver a che fare con un'associazione no profit di beneficenza e non invece con un grande gruppo editoriale di proprietà di un ricco e potente imprenditore politicamente schierato. Ma si sa, questo è il modello Tsipras. «Una mano lava l'altra e tutte due si lavano la faccia».

Commenti

denteavvelenato

Mar, 17/03/2015 - 09:27

Che schifo, quando la smetteranno di usare i soldi pubblici per i loro affari, questa vicenda mi riporta alla memoria quella volta che: La Sardegna alluvionata paga il reality di Mediaset: “E’ per il turismo” Cappellacci ha sborsato 950mila euro di soldi pubblici per "Sweet Sardinia", programma simile a "Uomini e donne". Ambientato sull'isola, è stato trasmesso sulle reti digitali di Berlusconi, ma nessuno l'ha visto. Neanche la conduttrice Alessandra Barzaghi

buri

Mar, 17/03/2015 - 09:44

chiaro esempio di danno erariale, i soldi pubblici non vanno usati per pagare le spese di una evento pubblicitario a favore di un giornale, qualsiasi sia il suo indirizzo politico

marco46

Mar, 17/03/2015 - 09:52

E' la tessera numero 1 del PD e non potevano fare altrimenti, diversamente al partito niente finanziamenti.

Roberto Casnati

Mar, 17/03/2015 - 10:15

Altro illustre esempio d'amministrazione komunista!

Roberto Casnati

Mar, 17/03/2015 - 10:17

Cittadini di Udine avete votato questo ladro? E mo' tenetevelo!

Roberto Casnati

Mar, 17/03/2015 - 10:18

Quando scatta il connubio ebreo-comunista si può star sicuri che c'è sotto la fregatura!

Roberto Casnati

Mar, 17/03/2015 - 10:20

Carlo De Benedetti che potrà mai insegnare? Che potrà mai dire? Forse come si fan fallire le aziende portandone il ricavato "legalmente" in Svizzera?

blackbird

Mar, 17/03/2015 - 10:28

"si è fatta passare sotto banco dal consigliere di opposizione Vincenzo Tanzi, la delibera 62 del 3 marzo 2015" ma quale sottobanco! E' un atto pubblico, un giornalista che si rispetti dovrebbe andare ogni giorno nel suo Comune a trarre copia delle determine e delle delibere senza farsi passare le veline da nessuno! Anziché la somma, non eccessiva in sé, quello che stupisce è che un Comune senza bilancio dovrebbe spendere per dodicesimi e non a fronte di inesistenti poste di bilancio futuro!

vince50_19

Mar, 17/03/2015 - 10:35

Honsell goditi questo scorcio di "potere" ..

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 17/03/2015 - 10:51

Bene! Bravi! Pagategli anche il funerale, magari anticipato.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 17/03/2015 - 10:53

Una curiosità: quanto sarà costato finora?

Ritratto di fulgenzio1947

fulgenzio1947

Mar, 17/03/2015 - 10:58

Carlo, l'impunito, continua a colpire sia in piccolo che in grande. Non è mai colpa dei furbi, ma sono sempre i fessi che se la cercano.

Ritratto di fulgenzio1947

fulgenzio1947

Mar, 17/03/2015 - 11:07

Rispondo a Roberto Casnati I furbi non insegnano MAI ai fessi come diventare come loro. I furbi ci sono perché esistono i fessi e si premurano di spiegare loro come restare tali.

Ritratto di uccellino44

uccellino44

Mar, 17/03/2015 - 11:09

Forza friulani di Udine (non comunisti), datevi da fare e insorgete contro il vostro sindaco di belle speranze ed amico dei rossi...a vostre spese!!

giovanni PERINCIOLO

Mar, 17/03/2015 - 11:38

Manca una terza mano, quella che servirebbe a lavare l

giovanni PERINCIOLO

Mar, 17/03/2015 - 11:39

Manca una terza mano, quella che servirebbe a lavare le chiappe visto che sia il sindaco che la sua corte hanno la faccia come il c..o!

maurizio50

Mar, 17/03/2015 - 11:47

Va bè, ma qualcuno li avrà pure votati questi ultracomunisti del Friuli Venezia Giulia! Evidentemente le stragi di cui si son macchiati nella zona i partigiani rossi sono state ben accette da tali popolazioni, se dopo aver evitato per un pelo l'inglobazione nella ex Jugoslavia alla fine della guerra, ora non passa elezione che non votino la bandiera più rossa sul mercato. Solo esaltazione?????

ammazzalupi

Mar, 17/03/2015 - 11:47

La FESTA. Sì, gliela farei io, la FESTA a questo porco! E' talmente ebreo che, per non spendere un euro, non si lava nemmeno la dentiera!!! Che schifo di animale!!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 17/03/2015 - 11:49

Vorrei vedere,colla tessera n°1 gli spetta di diritto,i komunisti sanno riconoscere i kompagni.!!!!!

angelomaria

Mar, 17/03/2015 - 13:10

L'OORORE E SCHIFEZZE DEL NORTEST DEL PAESE!!!

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mar, 17/03/2015 - 14:27

Compagni di merenda ossequosi col padrone del gruppo L'espresso Repubblica nonchè tessera n. 1 del PD.

giovannibid

Mar, 17/03/2015 - 20:52

e questo PARASSITA DISTRUTTORE continua a succhiare soldi dalle istituzioni. VERGOGNA e la famosa magistratura contabile che fa? Ma niente dato che il parassita ha la tessera n° 1 del pd. CHE SCHIFOOOOOOO