I leader sono per Madrid. Quel "soccorso rosso" che tifa per Barcellona

Da Bruxelles sostegno a Rajoy e silenzio sui suoi metodi. Corbyn e Maduro con i "ribelli"

Gli indipendentisti catalani, nel giorno in cui la polizia mandata da Madrid usa la mano forte per impedire lo svolgimento di un referendum anticostituzionale, lamentano il silenzio dell'Europa. Vorrebbero che da Bruxelles si levassero voci a difesa del loro diritto all'autodeterminazione, e magari di denuncia della «violenza di Stato spagnola». E condannano una presunta posizione di indifferenza rispetto alle vicende catalane, soprattutto nel momento in cui queste rischiano di prendere una piega drammatica.

Le cose però non stanno esattamente così: la lagnanza può essere fondata con riferimento all'aspetto della violenza, che appare eccessiva in un teatro europeo, ma certamente non rispetto a una presunta indifferenza. I vertici europei e quelli dei principali Paesi dell'Unione, infatti, hanno preso da diversi giorni una posizione unanime e molto chiara in favore della legalità (ovvero della tutela degli interessi di tutti i cittadini spagnoli e non solo di quelli catalani) e quindi dell'uso degli strumenti per la sua difesa che in base alla Costituzione spagnola sono nelle mani del premier di Madrid.

Risalgono a non più tardi di due-tre giorni fa inequivocabili dichiarazioni del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker («Siamo molto impegnati nel rispetto dello Stato di diritto: la Corte costituzionale spagnola ha emesso una sentenza, il Parlamento spagnolo ha preso una decisione. Noi ci atteniamo a questo») e di quello del Parlamento europeo Antonio Tajani, secondo il quale «il referendum è inaccettabile perché va contro la Costituzione e perché è stato convocato con un colpo di mano ai danni delle opposizioni». Per Tajani, inoltre, «la Spagna non è un regime dittatoriale a cui ribellarsi richiamandosi a principi di libertà. Non è la Germania anni Trenta e non è l'Unione Sovietica». Nette anche le prese di posizione di Angela Merkel, che ha telefonato al premier spagnolo Mariano Rajoy per sostenerlo, e di Emmanuel Macron che ha espresso «fiducia in Rajoy in quanto unico interlocutore in Spagna».

È interessante, piuttosto, notare come a schierarsi in favore dei secessionisti catalani siano stati i rappresentanti di due filoni: quello dei movimenti politici autonomisti o indipendentisti, e un certo «soccorso rosso» internazionale che sceglie sempre di stare dalla parte di chi si ribella. Nel primo gruppo troviamo, accanto alla leader scozzese Nicola Sturgeon e ai baschi e ai sardi che si sentono fratelli dei catalani, anche i leghisti italiani da Salvini a Maroni a Calderoli, con quest'ultimo che arriva a invitare il governo italiano a interrompere le relazioni diplomatiche con Madrid. (Ma alla fine unica in Italia a prendere apertamente le parti della Spagna unitaria è Giorgia Meloni, che difende il concetto di patria come estremo baluardo alla «deriva mondialista»).

Nel secondo gruppo incontriamo vecchie conoscenze dell'estrema sinistra antioccidentale nel dna: il leader laburista britannico Jeremy Corbyn («La violenza della polizia è scioccante, cessi subito»), l'ex ministro delle Finanze greco Yannis Varoufakis («Madrid dovrebbe essere la migliore amica dei catalani e invece usa la forza»), fino allo spudorato autocrate chavista venezuelano Nicolas Maduro: l'uomo che chiude il Parlamento per tappare la bocca all'opposizione e che manda le sue squadracce armate ad ammazzare i dimostranti dileggia «Marianito Rajoy» e lo chiama «repressore e persecutore dei diritti del popolo catalano».

Commenti
Ritratto di adonf

adonf

Lun, 02/10/2017 - 08:17

Allucinante, riuscite sempre e solo farne una questione di destra/sinistra. Non ne capite niente di quello che sta succedendo, non avete mandato neanche un vero giornalista ad indagare. Vi limitate ad aizzare i lettori per scrivere commenti sull'unica realta che amate : la destra contro la sinistra. Questo non é giornalismo.

rokko

Lun, 02/10/2017 - 09:22

Che articolo idiota, non avete capito nulla.

ben39

Lun, 02/10/2017 - 10:37

comunisti ieri fascisti oggi. Le dittature sono uguali e si somigliano nonostante diverse denominazioni. Hanno preso per i fondelli il sistema democratico che rappresentano sulla carta, ma tanto si sapeva che oggi nella EU si difendono solo le banche...

pinux3

Lun, 02/10/2017 - 11:56

Adesso i laburisti britannici sono diventati "antioccidentali"? Magari invece l'ex agente del KGB Putin è diventato il più "autentico" difensore dei valori dell'occidente (come ha scritto qualcuno)...Va beh, meglio lasciar perdere...

Ritratto di lucabilly

lucabilly

Lun, 02/10/2017 - 12:11

Un articolo demenziale. Qui non si colora politicamente quello che e` successo. Dementi. Qui si tratta di poter esercitare un diritto fondamentale che e` il voto. Un diritto che dovrebbe essere dato per scontato in Europa. Invece, I pagliacci burocrati europei fanno il tifo per un manganellatore di persone inermi, salvo poi criticare la polizia quando si tratta di anarchici, distruttori o invasori terzomondisti. Abbiamo visto le stesse scene in Turchia. Non e` accettabile in Europa. Mi fate vomitare.

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 02/10/2017 - 13:07

Ottimo articolo invece che dice cose vere e ben documentate ... chi non lo apprezza torni alle sue tanto amate fake news e alle bufale formato famiglia che siete soliti ingurgitare senza alcuno spirito critico. Un encomio a Calderoli che ci stupisce ancora per acume e senso dello stato ... vai così ...

Ritratto di lucabilly

lucabilly

Lun, 02/10/2017 - 14:23

Nahum, lei e` ubriaco.

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 02/10/2017 - 15:33

Lucabilly, se lo dice lei ...

Ritratto di lucabilly

lucabilly

Lun, 02/10/2017 - 15:46

uno che scrive le oscenita` che lei ha scritto non e` sobrio. Non ha letto ne' l'articolo, ne' ha coscienza di quello che e` successo in Spagna ieri, senno` non "ragionerebbe" cosi.

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 02/10/2017 - 15:59

io l'ho letto e sono convinto di quello scrivo se no non lo scriverei. la mia opinione vale la sua e non mi permetto di dirle che é ubriaco o drogato ...

krgferr

Lun, 02/10/2017 - 16:58

Resta il fatto che se prima di ieri i Catalani avevano poche ragioni ed interessi per andarsene dalla Spagna ora non ne hanno più alcuno per restarvi; la riflessione è che in Spagna come in Italia la politica è divenuta il mestiere delle mezze calzette. Saluti. Piero