Via i ragazzi dalla strada Sport e musica si alleano

I valori educativi fondamentali dello sport si mettono al servizio della prevenzione del disagio sociale e psicofisico dei più giovani grazie a «Vincere da grandi», progetto sportivo ma anche culturale e sociale a sostegno delle famiglie italiane fortemente voluto da Coni e Gioco del Lotto. Un progetto che declina concretamente il principio del diritto allo sport per tutti e che nel contempo fornisce un servizio sociale alla comunità supportando le famiglie in difficoltà. Così, a partire dallo scorso maggio e fino al termine dell'anno giovani tra i 5 e i 14 anni appartenenti a famiglie residenti in aree disagiate e a forte rischio di emarginazione sociale hanno avuto e avranno la possibilità di conoscere e praticare gratuitamente numerose discipline sportive. Il progetto «Vincere da grandi» è partito da Roma (Foro Italico), dove i ragazzi hanno trovato ad attenderli e ad allenarli Carlo Molfetta, capitano della Nazionale italiana di taekwondo e oro olimpico a Londra 2012. A Napoli (Scampia) si è messo in gioco con i più giovani Giovanni Maddaloni, Presidente e Maestro dell'A.S.D. Star Judo Club, mentre a Palermo (Zen) ecco Rachid Berradi, atleta olimpico a Sydney 2000, tra i più forti azzurri del mezzofondo nonché Presidente dell'A.S.D. Atletica Berradi 091. Tappa finale sarà invece, il 1° dicembre, il quartiere milanese di Quarto Oggiaro. I partecipanti, identificati dalle associazioni sportive coinvolte nel progetto attraverso la rete socio-assistenziale territoriale, sono stati suddivisi per fasce d'età ed inseriti gratuitamente nei corsi di atletica, karate, pallavolo, basket, nuoto, calcio, tennis, badminton, vela, judo, ginnastica, taekwondo e rugby (con percorsi speciali per situazioni di disabilità), oltre ad aver partecipato a due settimane di centro estivo. Un obiettivo comune quello di Coni e Gioco del Lotto: promuovere lo sviluppo e la diffusione della cultura sportiva affinchè lo sport rappresenti un momento di incoraggiamento e trasmissione di valori sociali ed educativi quali il fair play, il rispetto, la sana competizione, la lealtà, la fratellanza sportiva e lo spirito di gruppo. Ma «Vincere da grandi» non è solo sport tanto che, grazie alla collaborazione tra Gioco del Lotto e il Sistema Orchestre e Cori giovanili e infantili in Italia, a 2500 ragazzi di Milano, Torino, Venezia, Firenze, Roma e Napoli è stata offerta un'altra fondamentale opportunità educativa. Proprio grazie al Gioco del Lotto e attraverso il progetto, il Sistema ha potuto infatti ampliare l'offerta didattica gratuita ed acquistare strumenti musicali per i ragazzi. Tanto più che Il Sistema Orchestre e Cori Giovanili e Infantili in Italia fa parte di uno straordinario network internazionale, El Sistema, fondato 40 anni fa in Venezuela dal Maestro José Antonio Abreu e avviato in Italia per iniziativa di Claudio Abbado. Un innovativo modello educativo in cui la pratica musicale collettiva è proposta come uno strumento privilegiato per la formazione della persona e del cittadino, favorendo il dialogo interculturale e l'inclusione dei soggetti a rischio di isolamento sociale. Esattamente come lo sport. Due facce di una stessa medaglia di vitale importanza per forgiare giovani caratteri che diventino i veri protagonisti e vincitori di domani.