"Ideologico cancellare il Natale"

Monsignor Nunzio Galantino, segretario della Cei, attacca chi pensa di cancellare o camuffare il Natale "scadendo nel ridicolo"

"Se questo è il Natale, trovo pretestuosa e tristemente ideologica la scelta di chi, per 'rispettarè altre tradizioni o confessioni religiose, pensa di cancellare il Natale o di camuffarlo scadendo nel ridicolo". Lo scrive monsignor Nunzio Galantino, segretario della Cei, sulla rivista 'Vita Pastorale' in riferimento alle polemiche degli ultimi giorni legate alla decisione del preside di Rozzano di non fare la classica recita natalizia.

Il segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana mette, poi, in evidenza che le parole chiave di questo Natale saranno "misericordia e accoglienza" e che, a tal proposito, "avremo la possibilità di viverlo nell'alveo di un altro evento ecclesiale di particolare valore: il Giubileo Straordinario della Misericordia che Papa Francesco ha fortemente voluto e proposto alla Chiesa intera".

Commenti
Ritratto di semovente

semovente

Lun, 30/11/2015 - 12:46

Monsignore, lei come tanti, deve vergognarsi perchè la frittata così com'è l'avete preparata e messa in tavola in prima persona. Si vergogni.

vittoriomazzucato

Lun, 30/11/2015 - 13:30

Sono Luca. Sono d'accordo con il commento "semovente". GRAZIE.

Ritratto di gian td5

gian td5

Lun, 30/11/2015 - 13:59

E' almeno mezzo secolo che la chiesa persegue, magari inconsciamente, questo fine scodinzolando alle sinistre, attualmente ci sono più comunisti in Chiesa che nel PD ed il peggio deve ancora arrivare, straquoto semovente.

Albius50

Lun, 30/11/2015 - 14:18

Mons. Galantino dovrebbe vergognarsi con tutte le critiche che in nome della Chiesa Cattolica ha mosso e muove contro la LEGA gli unici baluardi che si ergono in difesa della CRISTIANITA'.

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Lun, 30/11/2015 - 15:22

Questa persona deve solo scusarsi con sé stesso, cioè con il già presuntuoso Galantino che parlava di politica a sproposito......

HorstBierbrauer

Lun, 30/11/2015 - 16:06

Stesse soltanto per Lei, Eccellenza, il Presepe sarebbe già cancellato da tempo. Ma non sarebbe forse più decoroso starsene zitto e pregare, visto che siamo in Avvento ?

elio2

Lun, 30/11/2015 - 17:49

Ma questo monsignore cattocomunista, ancora parla? Perché invece non prende una posizione chiara e forte sui media, CONTRO questa distruzione sistematica dei nostri simboli, della nostra storia e della nostra civiltà, da parte dei decelebrati compagni, invece di scrivere un trafiletto nascosto tra le pagine di un giornaletto parrocchiale che ben pochi leggono? Ha forse paura della reazione degli amici che lo caccino dal club?

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 30/11/2015 - 17:57

Due fronti si scontrano e si sentono tante storielle. La realtà è che il Natale, nato come celebrazione religiosa e quindi diventato "festa", ovviamente religiosa, è ormai più una festa pagana che della comunità cristiana. Diciamo che è una festa di tutti, anche di quelli che non vanno in chiesa. Ma ora, grazie ad un rilancio sinistro anticlericale ed a un folle buonismo filoislamico, lo vogliono cancellare. Io penso che sia meglio il Natale che la preghiera di tutti venerdì, inginocchiati per le strade, adorando il Dio dell'Islam.

buri

Mar, 01/12/2015 - 10:39

Monsignor Galantino ha ragione ma dovrebbe anche richiamare all' ordine quella parte del clero, fra i quali ci sono anche prelati come il vescovo di Padova, pronti ad accettare ed in certi caso a promuovere questa tendenza