Imam choc: con Salvini arriva il Califfo

La Lega chiede l'espulsione del religioso musulmano Ahamed Mohamed Scek Nur

Roma «Con Salvini premier arriva l'Isis». L'Imam attacca la Lega che lo accusa di minacciare il proprio leader e ne chiede l'espulsione.Il rappresentante islamico della comunità somala di Padova, Ahamed Mohamed Scek Nur, durante la trasmissione Prima Serata ha avuto un confronto piuttosto acceso con l'europarlamentare della Lega Nord Marta Bizzotto.

In chiusura di programma l'imam ha provocato la Bizzotto chiedendole quale fosse secondo lei la ragione per la quale i terroristi hanno colpito la Francia ma non l'Italia aggiungendo una inquietante postilla. «Per ora nessun attacco ma se in Italia vincesse la Lega, se Salvini diventasse presidente del Consiglio arriverebbe l'Isis anche qui», frase che suona inequivocabilmente come una minaccia. Immediata la reazione durissima a caldo della Bizzotto che ha invitato l'imam a rimangiarsi le sue parole, ricordandogli oltretutto che Salvini sarebbe eletto premier per volontà degli italiani che lo voterebbero in modo democratico. Tutta la Lega Nord ha espresso solidarietà al suo leader sollecitando il governo ad un intervento sul rappresentante islamico.

«Chiedo al ministero dell'Interno l'espulsione immediata di Ahmed Mohamed Scek Nur - attacca l'europarlamentare Lorenzo Fontana - Un imam che in tv proferisce quelle parole in un momento come questo passa quel confine sottile che corre tra una discutibile considerazione politica e una minaccia vera e propria. Credo che l'espulsione sia un provvedimento minimo».Anche il capogruppo del Carroccio a Montecitorio Massimiliano Fedriga chiede l'espulsione dell'imam per le sue «affermazioni di una gravità inaudita in un momento particolarmente delicato».

Commenti

piertrim

Dom, 22/11/2015 - 09:37

Per queste minacce si osserva come i mussulmani siano perfettamente incompatibili con la civiltà e la tradizione europea. Se non siete contenti di noi ospitanti e non ne capisco il perché, fate il favore di tornare da dove siete venuti.

swiller

Dom, 22/11/2015 - 09:55

piertrim. Concordo

buri

Dom, 22/11/2015 - 11:21

rimandate l'iman in Somalia, è uno straniero e si permette di interferire con la politica italiana, quidi fuori dei piedi

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Dom, 22/11/2015 - 12:14

Applicare un trattamento sanitario obbligatorio può essere assolutamente necessario!

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 22/11/2015 - 16:20

Piu che frase CHOC mi sembra una frase SCIOCCA!!!lol lol Pax vobiscum.PUBBLICHERETE???

Ritratto di 100-%-ITALIANA

100-%-ITALIANA

Dom, 22/11/2015 - 18:17

@ piertrim direi che sono incompatibili con la civiltà - Non vanno dimenticate le violenze che compiono nei LORO paesi ai danni dei LORO connazionali (specie se donne e/o bambini) con il LORO stesso credo - Comunque questo è il risultato del cieco buonismo che impera in alcuni settori italiani

Ritratto di mauri20-15

mauri20-15

Dom, 22/11/2015 - 21:03

Mi auguro che il nostro Governo prenda dei provvedimenti molto seri per questo personaggio che si permette di decidere chi deve o non deve essere eletto in Italia, che ricordo è il nostro Paese e non il suo dove è "meno" che un ospite. Questo soprattutto per rispetto al popolo italiano indipendentemente dalla sua orientazione politica.

rokko

Lun, 23/11/2015 - 09:56

Ma va, ho visto la trasmissione non mi sembra che fosse una minaccia, quanto piuttosto una forte perplessità dell'Imam sulle capacità di Salvini di tenere fuori l'ISIS dall'Italia. Dal punto di vista meramente economico, facendo una valutazione costi-benefici, considerando che sia l'Iman che Salvini sono due persone inutili, ma Salvini ci costa fior di quattrini mentre l'Iman no, io espellerei Salvini. Purtroppo non si può.

Maver

Lun, 23/11/2015 - 11:53

Sarebbe stato opportuno che qualcuno avesse chiesto a questo religioso islamico come fa ad essere così sicuro ed informato in merito alle scelte dell'Isis.

Maver

Lun, 23/11/2015 - 12:07

Noi italiani si ha l'impressione che il califfo, "bontà sua" abbia comunque intenzione di farci visita. Nel frattempo le nostre preferenze andranno a Salvini Presidente del Consiglio, sarà il nostro modo di "dargli il benvenuto". "Possiamo fare altro per il barbuto impiccione"?

squalotigre

Lun, 23/11/2015 - 13:23

rokko - certo non era una minaccia era un semplice avvertimento simile a quello che i mafiosi fanno a coloro che non pagano il pizzo. Io espellerei lei e gli esseri inutili come lei e lo manderei in un paese islamico dove insieme alla sua famiglia si troverebbe meglio che in Italia. D'altronde in uno stato dove un dirigente scolastico impedisce di cantare inni natalizi perché turberebbero gli alunni musulmani cosa si può aspettare? Magari che si festeggiasse il venerdì invece che la domenica perché non sono gli ospiti a doversi uniformare alla cultura del paese ospitante ma deve avvenire il contrario. Non ce l'ho con lei ma con le persone che le sono vicine e non la fanno ricoverare in TSO.

rokko

Lun, 23/11/2015 - 21:47

squalotigre magari per scrivere queste quattro mimchiate si è pure sforzato... Poveraccio. La tso lei ce l'ha dentro, non le occorre

rokko

Mar, 24/11/2015 - 06:56

E comunque, caro "squalotigre", il suo sogno di vedermi "espulso" è destinato a rimanere appunto, un sogno. Sono infatti uno di quei tartassati che avendo un reddito proprio alla fine dei conti paga più del 70% di tasse, parte delle quali destinate purtroppo a mantenere a vita i fancazzisti come Salvini ed i suoi colleghi parlamentari per permettergli di sparare minchiate in libertà. Oltre ovviamente ad accollarmi mezzo pensionato, come tutti i lavoratori italiani.