Immigrati, Europa e alleanze Ecco la ricetta di Tajani

Il presidente del Parlamento Ue attacca il Pd sullo ius soli e «spinge» Lega e Fdi verso il campo centrista

«L a legge sullo ius soli non può essere al centro di una volgare strumentalizzazione per prendere voti in una campagna elettorale di fatto già aperta. Per accogliere e integrare gli altri dobbiamo prima riscoprire la nostra identità e le nostre radici». Il presidente del parlamento europeo, Antonio Tajani, apre la seconda giornata della convention di Forza Italia, che ha organizzato a Fiuggi e subito manda un messaggio al premier Gentiloni: «Se fossi il capo del governo chiederei al Consiglio europeo, perché sua è la competenza, di affrontare a quel livello la questione della cittadinanza, perché siano fissate norme comuni. Oggi, infatti, chi diventa cittadino italiano, come tedesco o spagnolo, diventa automaticamente cittadino europeo».

Si attende Silvio Berlusconi, all'incontro che riunisce il quartier generale azzurro, tutti gli amministratori locali e rappresentati delle categorie professionali. E sono già in prima fila il segretario del Ppe Antonio Lopez-Isturiz White e la commissaria europea per l'Economia Marika Gabriel, che interverranno oggi, prima della chiusura affidata al Cavaliere.

Intanto si succedono al Palazzo della fonte dibattiti anche su immigrazione, terrorismo, sicurezza. Tajani accentua i toni moderati ed europei dell'approccio ai problemi che più preoccupano i cittadini e lancia segnali di equilibrata riflessione agli alleati del centrodestra. «Io credo nel dialogo - spiega -, non all'aggressività. E la solidarietà è importante. Alimentare la paura non serve, perché nasce da chi non ha chiari i suoi valori, la sua religione, il suo modello di vita. Non dobbiamo togliere il crocefisso dalle scuole o rinunciare alle nostre libertà, al nostro concetto della donna e della famiglia, ma chiedere a chi vuole integrarsi di condividere questi principi, di fare una scelta».

A Lega e Fratelli d'Italia il presidente dell'europarlamento ricorda che «l'Europa è nel Dna del centrodestra, da De Gasperi a in poi e i problemi dell'immigrazione vanno affrontati da tutta l'Europa, con investimenti maggiori di quelli attuali, con un grande piano Marshall per l'Africa e accordi con la Libia, senza far prevalere gli interessi e singoli Paesi, com'è stato per la caduta di Gheddafi. I flussi clandestini vanno fermati, ma con tutte le garanzie del rispetto dei diritti umani nei campi libici».

Il dibattito è acceso sulla questione. L'ex presidente del Senato, Renato Schifani, afferma che finora «l'Europa è stata debole sull'immigrazione e serve un cambio di passo»; la presidente del Comitato Shengen Laura Ravetto accusa il Pd di mettere lo ius soli «al centro di una guerra fratricida, tra ortodossi di Renzi e uomini di Franceschini e Orlando», mentre il deputato azzurro Francesco Paolo Sisto dice che la cittadinanza non si vince «come in un concorso a premi, prima viene l'integrazione che ne è il presupposto».

L'Europa nuova che tutti chiedono nel centrodestra, potrebbe nascere dal momento particolare creato dalla Brexit. L'inglese Charleston Tannock, del gruppo dei conservatori europei ma contrario all'uscita dura della Gran Bretagna dall'Ue, racconta con quante fake news i suoi connazionali sono stati convinti a votare «Leave», ma il costituzionalista Beniamino Caravita insiste che il processo è talmente complesso, lungo e costoso che potrebbe esserci un ripensamento dopo la possibile caduta del governo May. «Il messaggio per gli euroscettici - conclude Tajani, pensando alla Lega ma anche a Grillo - è che parlare di uscire dall'euro e dall'Europa è facile solo se non si valutano le reali conseguenze».

Commenti
Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 17/09/2017 - 08:26

Sull'Europa Tajani ha ragione da vendere. Bisogna essere realisti ed evitare le facili ricette populiste e sovranisti. Brexit è un incubo per gli inglesi e non abbiamo ancora visto niente.

mstntn

Dom, 17/09/2017 - 08:38

La supponenza pd vuole che l'Europa si adegui a loro non il contrario.

VittorioMar

Dom, 17/09/2017 - 09:27

...LA POLITICA DEL "NON FARE" E DEL "VOGLIAMOCI BENE" TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE !!

czlsha

Dom, 17/09/2017 - 09:29

Di certo in questa situazione ius solo non e una soluzione alle problematiche immigratorie,credo che la chiave dovrebbe essere la integrazione , i paesi che accolgono questi profughi devono avere la consapevolezza di responsabilita di sistemarli e integrali nella nuova societa da una parte per i benefici di questi immigrati da un'altra e per la sintonia della propria societa che potrebbe essere la garanzia di sicurezza e porre un consistente argine al terrorismo

Ritratto di Muk

Muk

Dom, 17/09/2017 - 10:02

Negli ultimi 20 anni si sono alternati i due mostri neoliberisti. Non voterò mai la lega sino a quando sarà alleata di forza italia.

carpa1

Dom, 17/09/2017 - 10:04

".... fissate norme comuni. Oggi, infatti, chi diventa cittadino italiano, come tedesco o spagnolo, diventa automaticamente cittadino europeo»." Ci sarà da ridere, quando finalmente verrà affrontato il problema a livello europeo con quei paesi, giustamente preoccupati per il lassismo di governi idioti come il nostro, che hanno chiuso i loro confini al traffico di clandestini. Vorrò vedere con quali maggioranze riusciranno a far passare una legge non voluta dai popoli ma solo da imbecilli al governo (per pura convenienza politica e che non ha nulla di contenuto umanitario) . Quello sarà il momento della verità per l'europa tutta: o si abbandonano queste idiozie come lo ius sola e si mettono delle regole stringenti sugli asili, rigidamente riservati a chi ne ha diritto, oppure sarà la fine definitiva di un tentativo tanto stupido quanto dannoso di creare un'unione che non ha capo né coda.

Iacobellig

Dom, 17/09/2017 - 10:36

LO FACCIANO CAPIRE A QUESTO GOVERNO DI NOMINATI SENZA TITOLO DI CIALTRONI E NON LEGITTIMATO, PRIMA CHE ASSUMANO ALTRE DECISIONI A DANNO DEL PAESE!

Marco_Cavedon

Dom, 17/09/2017 - 10:39

@Nahum. Vorrei anch'io vivere in un paese da incubo che ha la disoccupazione meno della metà rispetto alla tanto vostra amata e marcia eurozona. Per Tajani, un altro vergognoso fautore e sostenitore del superstato giacobino europeo che addirittura non dovrebbe consentire alle singole nazioni nemmeno di scegliere chi può diventare o meno loro cittadino, straparlando di identità europea (inesistente) e di radici cristiane che in verità il relativismo morale ed etico della maggioranza di paesi UE sono i primi a voler distruggere.

Luigi Farinelli

Dom, 17/09/2017 - 10:47

Tajani: "Riscoprire la nostra identità e le nostre radici...non dobbiamo togliere il crocefisso dalle scuole o rinunciare alle nostre libertà...al nostro concetto della famiglia." Altamente condivisibile! Poi però indica l'Europa come medicina mentre è proprio l'Europa, massonica e laicista, a brigare per cancellare le radici cristiane e le peculiarità nazionali; a imporre in maniera subdola e truffaldina spinte per aprire anche le scuole alle ideologie più anti-natura; a imporre il modello della famiglia promiscua al posto di quella tradizionale. Per non parlare dei vincoli economici demenziali con la scusa del debito pubblico e dello spread! Sono noti personaggi del carrozzone dell' Ue, fra cui Grandi Maestri della massoneria, a ostentare sfacciatamente i risultati della loro azione di sfascio totale di tradizioni civili e religiose in cerca della Repubblica Universale e dell' Uomo Nuovo, ossia del superamento della sovranità nazionale e di ogni principio morale.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 17/09/2017 - 10:49

Già: moderazione, integrazione, liberalismo, condivisione dei carichi migratori e bla bla dicendo. Qualcuno ha ancora voglia di appoggiare sul piatto questo vecchio disco in vinile?

Luigi Farinelli

Dom, 17/09/2017 - 10:57

Dall'articolo: "L'inglese Charleston Tannock, del gruppo dei conservatori europei ma contrario all'uscita dura della Gran Bretagna dall'Ue, racconta con quante fake news i suoi connazionali sono stati convinti a votare Leave"!!!! Sarebbe facilissimo elencare le VERE FAKE NEWS inventate con fantasia quasi ammirevole dagli europeisti senza se e senza ma (tipo George Soros, il chè è tutto dire), per creare allarmismi incredibili, minacce di crisi apocalittiche in ogni campo e mistificazioni bevibili solo da chi ormai sotto i fumi della propaganada mediatica martellante condotta con mezzi immensi non è più capace di avere chiaro lo scopo di questa Europa globalista, nemica delle sovranità nazionali, ultra-laicista e implicata in azioni geo-politiche (come quella contro la Russia) che dire demenziali è pochissimo!

Luigi Farinelli

Dom, 17/09/2017 - 11:11

"Il messaggio per gli euroscettici - conclude Tajani, pensando alla Lega ma anche a Grillo - è che parlare di uscire dall'euro e dall'Europa è facile solo se non si valutano le reali conseguenze". Allora proponete FINALMENTE un dibattito DEI CITTADINI E NON DELLE ELITE EUROPEISTE E GLOBALISTE proprio per poter valutare le "reali conseguenze", soprattutto per il mantenimento di questo mortifero e luciferino carrozzone votato alla distruzione dei popoli europei così come li conosciamo. Ma chi propone dibattiti PUBBLICI su questi temi viene imbavagliato dalla grancassa mediatica di regime e tutte le critiche sono classificate fake news. In questo centro-destra ci saranno sempre cittadini che di questa Europa non ne possono più (a ragione veduta) ma che saranno sempre etichettati come "populisti", "razzisti", "nazionalisti" per partito preso.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 17/09/2017 - 11:30

@Marco_Cavedon - eccezionale risposta al solito comunista invasato, ma tanto non riesce o non vuole capire, come loro classico. Sottoscrivo tutto quanto hai scritto in toto.

Cheyenne

Dom, 17/09/2017 - 12:04

TAJANI SAREBBE UN OTTIMO PREMIER MA SULLA BREXIT DISSENTO. L'EUROPA HA UN SENSO SE C'E' SOLIDARIETA' INVECE OGNUNO FA QUELLO CHE VUOLE E IL DUO MERKEL-MACRON TIENE IN OSTAGGIO GLI ALTRI. IO CREDO CHE IL GRUPPO DI VISEGRAD ABBANDONERA' E COSI' SI SFASCERA' IL GIOCATTOLO PIU' INUTILE E COSTOSO AL MONDO

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 17/09/2017 - 12:34

Farinelli mi dica per piacere quali sono,o no le fake news europee e in che modo hanno influenzato il referendum del Brexit

Luigi Farinelli

Dom, 17/09/2017 - 15:56

@ Nahum: è forse sceso oggi dalla luna? Ma ripercorra questi ultimi anni e di quelle autentiche truffe mediatiche ne troverà caterve, a cominciare dai tg (dalla RAI a TGCom) che ormai non si rendono più neanche conto di quanto siano al di fuori della realtà pensando che tutti i fruitori delle loro sparate non abbiano un minimo di capacità critica. Per non parlare dei giornali di regime come Repubblica e il Corsera! Potrei sommergerlo di attacchi contro queste balle mediatiche semplicemente facendo copia incolla con i miei commenti degli ultimi anni. Faccia lei invece uno sforzo, ricercando negli archivi dei giornali, mantenendo l'onestà intellettuale per rimanere imparziale e vedrà quante cose e scoperte farà che le sono sfuggite!

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 17/09/2017 - 18:54

Io ci provo ma vedo uno scenario differente ...