Ira dei pm: sugli sms siamo disarmati

Tradito lo spirito delle donazioni. Ma la procura archivia: «Leggi deboli»

Rieti - Niente su cui indagare. Anche se i soldi raccolti con gli sms solidali non sono, in effetti, mai arrivati ad Amatrice, la direzione presa da quelle donazioni è legittima. E pazienza se diverge dalla volontà dei «donatori» Per questo è non solo scontata ma pure imminente l'archiviazione del fascicolo aperto sabato scorso a Rieti dal procuratore capo, Giuseppe Saieva, dopo la denuncia lanciata dal sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi.

Il battagliero primo cittadino della cittadina, partecipando ad Atreju, a Roma, aveva raccontato come quei soldi donati dagli italiani all'indomani del sisma - una trentina di milioni di euro, non certo bruscolini - non fossero arrivati ad Amatrice, venendo invece destinati dalle Regioni, con la benedizione del comitato dei garanti, al finanziamento di opere e restauri anche al di fuori del cratere del sisma. E già lunedì pomeriggio Pirozzi era stato ascoltato in procura nel capoluogo sabino, ribadendo che aveva semplicemente constatato come nemmeno un euro di quei denari frutto della generosità degli italiani sarebbe, alla fine della fiera, finito ad Amatrice.

Ma, appunto, come scritto anche ieri dal Giornale, le responsabilità di quella decisione sono squisitamente politiche, e i soldi non si sono volatilizzati, semplicemente hanno preso le strade che l'iter scelto dal governo italiano e le strategie anche politiche delle singole regioni hanno trovato più convenienti. Evidentemente Amatrice e il suo sindaco si sono ritrovati fuori da queste strategie. E di fronte a questo quadro la procura reatina, suo malgrado, è rimasta senza frecce al proprio arco.

«Ci sono le coperture di legge», si limitano a sospirare adesso in procura, confermando che il fascicolo d'indagine è in pratica già bello e pronto per l'archiviazione.

E dunque la spartizione secondo «coperture di legge» può andare avanti indisturbata. Con buona pace di quanti hanno con un piccolo gesto contribuito a mettere insieme quel gruzzolo con le proprie donazioni da 2 euro, e non avrebbero probabilmente mai immaginato di finanziare il restauro di una scuola in un comune al di fuori del cratere e dove il sisma non ha - fortunatamente - mietuto vittime.

Lo slancio e il grande successo della raccolta fondi è stata frutto dell'emozione del momento. L'utilizzo di quelle somme segue invece altre logiche. Parafrasando Pascal si potrebbe dire che «il cuore ha delle ragioni che le Regioni non conoscono». Perché non sembra confutabile che queste ultime abbiano scelto dove spendere quei soldi senza tener conto dei sentimenti di chi ha donato pensando di aiutare le popolazioni terremotate, a cominciare da quella di Amatrice che, per copertura mediatica, è stata di fatto la città-simbolo del terremoto. E il comitato dei garanti di emanazione governativa ha vidimato la scelta.

Tutto in regola, almeno per la legge, costretta suo malgrado a fare spallucce. Per tutto il resto ci sono sempre le urne.

Commenti

silvano.donati@...

Mer, 27/09/2017 - 08:49

chi avrà il coraggio di chiederci donazioni la prossima volta...gli sputeremo in faccia... e certo sapremo chi votare...

VittorioMar

Mer, 27/09/2017 - 08:49

.. HANNO PERSO UN DONATORE !!..INSISTETE SULL'ARGOMENTO!..VOGLIO SAPERE DOVE SONO FINITI E A CHI I SOLDI VERSATI !!..SCIACALLI !!...CHE INCOMPETENZA COLPEVOLE !!

moshe

Mer, 27/09/2017 - 09:10

... Magistrati ...

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 27/09/2017 - 09:14

CHE SCHIFO !

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 27/09/2017 - 09:42

Mi chiedo chi siano i fessi che ancora credono alle donazioni solidali.

Ritratto di orione1950

orione1950

Mer, 27/09/2017 - 09:48

NON DONATE PIU'!!! cosí facendo, date solo soldi ai partiti per le loro clientele! Se siete delle persone oneste, pagate già le tasse e dovrebbero già bastare!

Ritratto di pascariello

pascariello

Mer, 27/09/2017 - 10:52

E'dal tempo della missione Arcobaleno del 99 in Albania che ci fottono così,"Ho bisogno di te" ed altri slogan pietistici e poi i soldi finiscono nei soliti usi clientelari agli "amici degli amici" ! A proposito di Arcobaleno l' inchiesta del magistrato Emiliano l' hanno fatta finire come d' uso in prescrizione

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 27/09/2017 - 10:53

Era scontato che fosse legittima la linea presa dalle donazioni nella patria del sudiciume mafioso e della prepotenza fascista nel mondo.

Fossil

Mer, 27/09/2017 - 10:55

Io non faccio nei donazioni tramite sms perché sono inaffidabili. Ci sono tanti sisteminpercfar arrivare il denaro a chi volete, ma lasciate perdere questo sistema...

veromario

Mer, 27/09/2017 - 11:04

la prossima volta fate voi le raccolte,qualsiasi giornale otv purche restino fuori i oilitici.

veromario

Mer, 27/09/2017 - 11:05

la prossima volta fate voi le raccolte,qualsiasi giornale o tv purche restino fuori i politici.

Ritratto di llull

llull

Mer, 27/09/2017 - 11:36

Abbiamo già dimenticato lo scandalo delle donazioni della "Missione Arcobaleno". Oggi si tratta delle donazioni via SMS. Il denominatore comune è sempre il PD. Sarà un caso?

lividanddisgusted

Mer, 27/09/2017 - 14:28

Ben gli sta ai fessi che hanno donato con gli sms, chi crede ancora alla beneficienza è un idiota. Croce rossa, caritas, Cei, theleton, ong: sono tutte organizzazione mafiose che i vostri soldi se li RUBANO! quindi SMETTETE DI FARE DONAZIONI!!! Ma tanto la madre degli idioti è sempre incinta, se vi piace farvi fregare continuate cosi.