Lo ius soli ora è un problema. Tensione fra Pd e governo

Il caso Rimini spacca i dem. Zanda: fiducia in autunno L'ira del centrodestra: «Non regaliamo la cittadinanza»

Ius soli, ora o mai più? Passano le settimane, si moltiplicano gli appelli, s'infiammano i dibattiti, ma la via per approvare la nuova cittadinanza diventa sempre più stretta. Un mese fa Paolo Gentiloni aveva annunciato il rinvio limitato, tattico, della legge, promettendo che sarebbe stata comunque riproposta in autunno. Ora però la scadenza si allunga ancora: nonostante i proclami, tutto sarà rimandato a dopo la Finanziaria. Ufficialmente per avere le mani più libere, in realtà perché in Senato ci sono mille ostacoli e pochi voti di margine e, se il governo va sotto sullo ius soli, rischia di saltare anche la legge di bilancio. Su molti punti del testo ci sono dubbi anche nella maggioranza e i fatti di Rimini certo non aiutano. «Lo ius soli è una follia - dice a Cernobbio Matteo Salvini - L'Italia è il Paese europeo a legislazione vigente che concede più cittadinanze nel 2015 e 2016. Non si capisce perché occorre regalarne altre per diventare la sala parto d'Europa».

Margini sempre più sottili quindi per una legge contrastata, che molti italiani sembrano non gradire. Sarà per questo che su Rimini Matteo Renzi ha scelto la linea dura. «Chi è colpevole paghi qualunque sia il colore della pelle - tuona dalla festa dell'Unità di Pesaro - Chi ha commesso un reato deve pagare fino in fondo, senza possibilità di sconto o di incertezza». Il segretario del Pd ritwitta poi Stefano Bonaccini, il presidente dell'Emilia Romagna, che ha annunciato che la Regione si costituirà parte civile nel processo. Marco Minniti si congratula con il capo della polizia. E pure il Guardasigilli Andrea Orlando, leader della minoranza interna, invoca «pene congrue e tempestive». Il ministro della Giustizia ha persino telefonato al procuratore di Rimini Paolo Giovagnoli per «complimentarsi del lavoro svolto» e per ringraziare la magistratura e le forze dell'ordine. Ma nel Pd non tutti la pensano allo stesso modo: «Lo ius soli sarà approvato entro l'autunno prima della legge di bilancio. Fiducia? Penso sarà questa la strada», ha tuonato il capogruppo a Palazzo Madama Luigi Zanda.

Ma ormai la pentola è scoperchiata e Lega ne approfitta per spostare il dibattito dalla certezza della pena allo ius soli. «È a questa gente che vogliamo regalare la cittadinanza? È questa l'Italia che vogliamo regalare ai nostri figli?», si chiede il vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli. Poi rincara: «Ovviamente adesso spero che i giudici non abbiano la solita mano leggera». E il deputato segretario della Lega Lombarda, Paolo Grimoldi, definisce «risorse boldriniane» i quattro africani accusati dello stupro. «A proposito come diceva la signora Boldrini? Nel 2014 li chiamava l'avanguardia del nostro futuro e del nostro stile di vita. Bel futuro che ci aspetta con questi qui, bello stile di vita... Poi non vada a piagnucolare in TV se sui social viene continuamente sommersa di insulti».

Irene Pivetti chiede misure drastiche: «Adesso castrateli. Non vogliamo leggere fra poche settimane - argomenta - che questi quattro animali saranno già fuori grazie a qualche cavillo legale». E Laura Ravetto, Forza Italia: «Nessuno si azzardi a dire che quelle bestie sono da considerare dei 'minori non accompagnati». Con lo ius soli, conclude il vicepresidente di Montecitorio Maurizio Gasparri, «gli stupratori di Rimini sarebbero degli italiani». In questo quadro il cammino della legge appare sempre più impervio. L'attivismo di Minniti, gli accordi con la Libia e il calo degli sbarchi non riescono a controbilanciare la situazione. Meglio dunque essere prudenti, stanno pensando a Palazzo Chigi e al Nazareno, meglio forse rimettere in frigorifero la legge e salvare la manovra. Lo ius soli? Se ne riparlerà semmai l'anno prossimo.

Commenti

VittorioMar

Lun, 04/09/2017 - 08:54

...PERVICACE OSTINAZIONE !!

istituto

Lun, 04/09/2017 - 08:58

Se dovesse passare lo IUS SOLI questo sarà la loro tomba politica perché le ELEZIONI diventeranno un REFERENDUM pro ( voto a PD E M5S) IUS SOLI o contro ( voto a Lega- Fratelli di Italia - Forza Italia- Liste di Destra ed italiani moderati) IUS SOLI. Comunque hanno bisogno di questa legge perché gli servono nuovi elettori e schiavi a buon mercato con cui sostituire gli italiani. Il diavolo ha fretta perché gli è rimasto poco tempo. Lo stesso Schulz compagno di merende della Merkel adesso è CONTRO L'ENTRATA DELLA TURCHIA IN EUROPA. SI STANNO SPOSTANDO TUTTI A DESTRA ADESSO , CHISSÀ PERCHÉ....

falco79

Lun, 04/09/2017 - 09:04

Il PD ci ha anituato a tutto ed il contrario di tutto, credere che il PD non accontenti la sua costola di radical chic in questa materia e' credere alla luna, la faranno comunque , ennesimo voto di fiducia e via, non hanno nessun scrupolo, anzi la faranno con maggiore spoccheria, rimarra' la contromossa del referendum abrogativo, si spera almeno in quello.

Celcap

Lun, 04/09/2017 - 09:08

Dai approvatelo che poi alle elezioni non ci sará lotta. Prenderete i voti dei vostri iscritti (che continuano a diminuire) e forse neanche tutti se hanno una testa pensante. Vorrei anche ricordare ai dementi del M5s che il comico da villaggio turistico ed il suo amico di merende e gli altri decelebrati inneggiavano ai "profughi" prima, essendo d'accordo per l'accoglienza. Poi loro (che sono più furbi) hanno capito che era una cosa stupida e stanno facendo una frenatina. Meditate gente, meditate.

ipsedixit2017

Lun, 04/09/2017 - 09:35

ipsedixit2017 lo ius soli è, a mio avviso, da dimenticare così come lo ius culturae; non vi sono le condizioni sociali per adottare simili leggi; buona parte di coloro che sono arrivati sui barconi sono dediti alla criminalità o lavorano in nero data la crisi ldel lavoro in Italia, anzi bisognerebbe inasprire le norme attuali! conferire la cittadinanza a questa gente significa anche permetter loro di recarsi ovunque in Europa senza problemi! per di più non dovrebbero neanche rinunciare all'altra cittadinanza di cui sono in possesso, un bel regalo alla criminalità!

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 04/09/2017 - 11:00

Con tutto quello che sta capitando voler insistere da parte del PD è una cosa incredibile. Arroganti come sempre e anti italiani. BISOGNA IMPEDIRLO AD OGNI COSTO. Questa gentaglia deve mettersi in testa che non sono i padroni dell'Italia e nemmeno i più onesti... Sono i più indecenti, quello sono.

Fjr

Lun, 04/09/2017 - 11:36

Ma guarda adesso tutti a invocare la legge quando da mesi ormai anni entrano ed escono come vogliono adesso che non possono più nascondere il fallimento di scelte scellerate tutti a gridare al lupo al lupo,come al solito se lasciamo i recinti aperti....

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Lun, 04/09/2017 - 11:47

Lo JUS SOLI in questo momento storico di immigrazione di massa e continui stupri da parte degli immigrati è una vera follia. Se la sinistra insisterà nel suo sciagurato intento, probabilmente (si spera) perderà le prossime elezioni.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 04/09/2017 - 12:00

Se mettono la fiducia, per non andare a votare, su questa cosa grave per l'Italia, dovrà essere cancellata dal primo governo che sostituirà questi che vogliono vendere la nazione con tutto quello che ci sta dentro.

Ritratto di cicopico

cicopico

Lun, 04/09/2017 - 12:02

mi vergogno di essere italiano,questi politici ci hanno venduto,siamo sputtanati a livello mondiale.siamo la barzelletta d'europa.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Lun, 04/09/2017 - 13:08

Provateci a farlo passare e sara' GUERRA !!!!!

Santippe

Lun, 04/09/2017 - 13:12

Ma questo Luigi Zanda dove vive? Ancora non ha capito nulla di quello che sta succedendo? Infatti, a guardarlo bene, la sua testa sembra fatta di marmo, all'esterno, ma soprattutto all'interno. Capire vuol dire entrare dentro:ma come si fa a far entrare qualcosa in una testa di marmo?

agosvac

Lun, 04/09/2017 - 13:18

Lo ius soli sarebbe una legge nata morta! Infatti, visto che non la vuole la stragrande maggioranza degli italiani, farla approvare con le fiducia, ammesso che la raggiungano, sarebbe un'arma a doppio taglio. Un referendum abrogativo vinto sarebbe devastante per il PD!!! In effetti , francamente, non riesco a capire il perché di tanta insistenza.Un Governo serio non può promulgare una legge invisa alla stragrande maggioranza degli italiani, rischiano di dimezzare i loro eventuali voti, dato che siamo molto vicini alle elezioni politiche!!!

semelor

Mar, 05/09/2017 - 18:29

Partito Democratico con quale DEMOCRAZIA intendono imporre una legge che lastragrande maggioranza degli italiani non vuole. Guai a voi, non azzardatevi, volete la guerra? E.guerra sia!