Ius soli, tortura e droga: il governo insegue l'agenda di "Repubblica"

Accelerazione sui provvedimenti suggeriti dal quotidiano. Stretta dopo la sentenza sulla Diaz

L'agenda politica la detta Repubblica. O almeno così pare, considerata la marcia spedita di alcuni dei sei provvedimenti «suggeriti» al governo Gentiloni dal quotidiano di largo Fochetti. La riforma del processo penale è andata. Sul biotestamento e il codice antimafia si fanno passi avanti. Nell'ultimo mese si è accelerato su ius soli e reato di tortura. Le nuove norme sulla cittadinanza torneranno in Senato la prossima settimana, smaltita la sbornia amministrative.

Ieri, dopo la nuova condanna da parte della Corte europea dei diritti dell'uomo per le violenze al G8 di Genova, la commissione Giustizia della Camera ha dato il via libera alla discussione in aula sul ddl tortura. Passi avanti anche nella legalizzazione delle droghe leggere. Ieri mattina, presentando la relazione annuale della Dna di fronte ai senatori, il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti ha ribadito il suo sì. Politici e giudici sembrano aver preso sul serio gli ammonimenti da parte del quotidiano che fa capo alla famiglia di Carlo De Benedetti. Era stato il direttore Mario Calabresi, in un editoriale dello scorso 31 maggio, a sgridare i parlamentari che non si decidevano a mandare in porto leggi «che riguardano i diritti dei cittadini».

Ieri dalla corte internazionale di Strasburgo è arrivata un'altra sentenza contro l'Italia per i fatti della scuola Diaz di Genova. Mancano, secondo la Cedu, leggi adeguate a punire e ad evitare gli atti di tortura commessi dalle forze dell'ordine. Il ricorso, presentato da 42 persone di varia nazionalità, tutte torturate nella notte tra il 20 e il 21 luglio 2001, ha anche portato alla condanna dell'Italia per non aver perseguito in modo adeguato i responsabili. Sull'onda del verdetto, la commissione Giustizia della Camera ha rotto gli indugi, dando incarico al relatore Franco Vazio (Pd) di riferire in aula il prossimo 26 giugno. Gli emendamenti sono stati respinti in blocco e il testo è pronto per la quarta lettura.

Il super procuratore Roberti ha ribadito a palazzo Madama il punto di vista della Dna sulla cannabis: favorevole, «prendendo atto del fallimento delle politiche proibizioniste» e della necessità di «concentrare le risorse dello Stato su fenomeni più gravi del traffico di droghe leggere». La levata di scudi è stata immediata. Maurizio Gasparri ha bollato come «sciocchezze» le esternazioni di Roberti, mentre Carlo Giovanardi ha parlato di «proclama ideologico» che non affronta le criticità messe in luce dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri. Il ddl nel frattempo è fermo in commissione a Montecitorio.

La madre di tutte le battaglie è quella sullo ius soli. Il testo, licenziato dalla Camera a ottobre del 2015, è all'ultimo miglio. La bagarre di giovedì scorso in Senato, con le proteste furibonde dei leghisti, ha imposto un rinvio del voto a dopo i ballottaggi delle amministrative. Dice Roberto Calderoli: «La sinistra sbaglia a illudersi che lo ius soli sia una garanzia di integrazione, perché la concessione della cittadinanza deve essere un punto di arrivo».

Commenti

maurizio50

Ven, 23/06/2017 - 08:35

L'assurdo è che le scelte politiche di un paese come l'Italia vengano decise non da un organo politico regolarmente eletto dai suoi cittadini, bensì da un governo mai eletto, sostenuto da un Parlamento delegittimato; il tutto ispirato da un ristretto nucleo di radical chic di sinistra, riuniti intorno ad un giornale di impronta massonica!!!!

giorgio48

Ven, 23/06/2017 - 08:57

invece che allo ius soli pensino ai giovani senza lavoro che vanno a morire all'estero pur di lavorare

Totonno58

Ven, 23/06/2017 - 09:01

Beh, per quanto riguarda la tortura, l'agenda di Repubblica può anche farci un baffo..sono le continue(GIUSTISSIME) condanne che vengono dall'Europa (l'ultima, per ora, è arrivata ieri) ed un briciolo di senso civico che spero ci sia ancora rimasto...del resto se a qualcuno piace uno stato dove la tortura non è un reato c'è ancora scelta in questo pazzo mondo...

Ritratto di mrmapo

mrmapo

Ven, 23/06/2017 - 09:05

non volere più un caso Cucchi, un caso Bolzaneto, voler chiudere i CARA è semplicemente non voler vivere in uno Stato simile all'Arabia Saudita. Altro che Repubblica.

Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Ven, 23/06/2017 - 09:10

Il perseguimento dello stato etico propugnato dal giornale partito, La Repubblica, porta alla catastrofe, alla base di tale modello utopistico vi dovrebbe essere in concreto una istituzione che sulla scorta di una presunta superiorità morale detta la linea pubblica, sacrificando cinicamente il diritto del singolo. In altre parole, poiché il modello hegeliano non ha mai dato frutti nella realtà, si parla di stato totalitario, ben conosciuto nel secolo scorso grazie ai regimi comunisti e tuttora vivo e vegeto, anche se diversamente declinato, in tutti i paesi islamici.

istituto

Ven, 23/06/2017 - 09:22

Governo di CATTOCOMUNISTI pappa e ciccia con il SINISTROIDE giornale per eccellenza. Speriamo di liberarcene con le ELEZIONI o caduta anticipata del governo.

carpa1

Ven, 23/06/2017 - 09:42

Il cdx deve capire, una volta per tutte, che se cala le braghe di fronte a queti provvedimenti assurdi e deleteri per la convivenza civile, non ha speranze di ottenere i voti utili a spazzar via questi idioti traditori dei veri valori di civiltà che non sono certo queste moderne invenzioni studiate a tavolino per consentire ai cosiddetti "progressisti" di continuare a fare i loro porci comodi a scapito delle persone per bene e rispettose degli altri. Fare rispettare quelle leggi che oggi sono calpestate col beneplacito di una magistratura schierata a sx; questo è il dovere di chi sta al governo e non inventarsi derive degne di balordi che non sanno più che inventare per finire sui giornali in cerca di boccaloni che credono ancora agli asini che volano. E nella malaugurata ipotesi che comunque passino queste leggi, il dovere del cdx dovrà essere quello di revocarle nei primi 100 giorni di governo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 23/06/2017 - 09:50

Ancora pochi mesi, ancora pochi mesi.

alberto_his

Ven, 23/06/2017 - 09:56

Ius soli moltissimo discutibile; norme su tortura e legalizzazione droghe leggere decisamente auspicabili. Naturalmente occorrerà vedere come verranno stesi i ddl e cosa passerà poi effettivamente, se qualcosa passerà

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 23/06/2017 - 10:02

Mi raccomando di non scordare anche il ricongiungimento familiari,affini e collaterali fino alla settima generazione,se no le risorse soffriranno per tale mancanza!!Ciaparatt!!

manfredog

Ven, 23/06/2017 - 10:31

..un governo sempre più in mano a pochi, ricchi, potenti e manipolatori, per la sottomissione di molti, deboli, schiavi e..convinti. mg.

Cheyenne

Ven, 23/06/2017 - 10:45

IL PROSSIMO GOVERNO DI CENTRODX AVRA' DA LAVORARE 7 GIORNI SU 7 PER SMANTELLARE LE PORCATE DEI SINISTRI

Giorgio Colomba

Ven, 23/06/2017 - 10:46

Un governo "abusivo" che si appecorona ai suggerimenti di un quotidiano diretto da un signore il cui padre è stato assassinato su "moral suasion", tra gli altri, di colui che di detto quotidiano è il fondatore...

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 23/06/2017 - 10:51

Se il problema è demografico basta abolire l'aborto mica importare gente che stava. Se il problema è il costo dei carcerati basta istituire i lavori forzati mica legalizzare il fumo. Il resto di tortura poi è una zozzeria, già adesso le guardie pagano e ripagano gli "errori". L'anarchia è al potere e con essa i ricchi prepotenti.

dan75

Ven, 23/06/2017 - 11:03

gasparri e Giovanardi gli ultimi proibizzionisti collusi con la mafia che ancora resistono, ma ancora per poco mi fa sorridere la risposta di Gasparri.....sciocchezze le definisce!!!!!!! poi Givanardi vive in un mondo tutto suo,dove i dati non contano niente,conta solo punire il consumatore,deve pur garantire la clientela a suo fratello che gestisce ben 3 centri di recupero.

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 23/06/2017 - 11:05

A PALAZZO CHIGI C'E' GENTILONI O DE BENEDETTI?

Tuthankamon

Ven, 23/06/2017 - 11:09

Dal governo Monti fino a Gentiloni il vero programma è quello! Gli elettori possono mugugnare (per ora), ma non possono disturbare i manovratori (a Roma, Bruxelles e ... altrove)!

Una-mattina-mi-...

Ven, 23/06/2017 - 11:38

CHIARAMENTE I BOIARDI E I LORO SODALI COMBINANO TUTTO FRA DI LORO: del popolo gliene IMPORTA UNA MAZZA

marygio

Ven, 23/06/2017 - 11:42

di fatto ad oggi hanno governato le procure e questi nemici del paese di repubblica. non avessero rotto gli zebedei a berlusconi oggi eravamo come la germania.

i-taglianibravagente

Ven, 23/06/2017 - 12:28

TRADITORI dell'Italia e degl'Italiani.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 23/06/2017 - 12:35

---per il reato di tortura finalmente l'italia diventerà un paese civile e non una derivazione cilena---quello che succedeva nella caserma di massa carrara venuto fuori qualche giorno fa sarà solo un pallido ricordo---caramba che si divertivano a picchiare non solo gli stranieri --ma pure i ragazzi magari trovati un pò alticci --di ritorno a casa da feste e similari--così come diventeranno un ricordo le stanze bianche o lisce delle carceri --dove secondini sadici si divertono a picchiare senza motivo i detenuti per vincere l'ozio e l'inedia--per non parlare del g8 ove ne sono accadute di ogni---swag ganja --gasparri ritirati perchè sei inutile--

ILpiciul

Ven, 23/06/2017 - 13:02

Sarebbe bello sapere dove, gli italiani (e non solo) anti italiani, pensano di nascondersi il giorno dei conti. Politici, giornalai, strilloni, capi bastone etc. In Antartide? Ormai il mondo è piccolo e ogni sfintere della terra è raggiungibile. Quando le scorte (vostre guardie coi nostri soldi) si gireranno dall'altra parte cosa farete? Sarete agnellini in preda al terrore. Poveri sfigati, padroni di tutto e contenti di niente.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Ven, 23/06/2017 - 13:20

Quasi il 60% deglil italiani non vanno a votare. Questi sono i menefreghisti, razza bruttissima, in pratica dei simi parassiti della società civile. Noi siamo governati da pseudo governi che racimolano a mala pena una maggioranza compossta da....... mi vien voglia di vomitare ad elencarla. Sta di fatto che rappresenta si e no il 20% degli aventi diritto al voto. Una minoranza, una vera minoranza che pero' si arroga il diritto di brutalizzare, violentare, sodomizzzare ed inquinare il nostro povero Paese l'Italia.Per questi soggetti non conta la nostra storia, essi sono come i talebani, distruggono il nostro passato. Meditate

LostileFurio

Ven, 23/06/2017 - 13:24

Gentiloni... avra' la pensione assicurata al Circo .....

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Ven, 23/06/2017 - 13:26

EE continuo. Distruggono il nostro passato, la nostra storia, la nostra civiltà, la nostra lingua che é la più bella del mondo.Distruggono la nostra identità di uomini e donne italiani/e. Seminano odio politico razziale, usano la disonestà come fosse una virtu'. Basti pensare alla famosa frase " I migranti rendono più della droga " Il che vuoo dire che conoscono bene talee mondo. La droga! Sono lorro i primi ad essere drogati di potere fine a loro stessi. Siamo stritolati da una PIOVRA maledetta. Apri gli occhi popolo italiano. Adieu de la France

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Ven, 23/06/2017 - 13:29

Una testa di cavolo - tale procuratore Roberti - dice di essere favorevole alla liberalizzazione della droga (nel frattempo quella leggera in attesa di quella pesante) perché «si prende atto del fallimento delle politiche proibizioniste». Costui o chi per esso ha provato a prendere spacciatori e loro capi per appenderli ad una corda? Ecco, prima di affannarsi a dire che le "politiche proibizioniste hanno fallito", provi ad applicare in maniera massiccia questa facile e micidiale soluzione. Poi vedremo se le politiche proibizionistiche avranno fallito. Con buona pace dei masturbatori europei che se lo menano con le scemenze su tortura e diritti vari. (r)

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 23/06/2017 - 13:31

i ragazzi magari trovati un pò alticci --di ritorno a casa da feste e similari-- SIIII, meglio lasciarli liberi di ASSASSINARE,guidando ubriachi o drogati "fracichi"gente INNOCENTE che va per i ca... suoi

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Ven, 23/06/2017 - 14:54

elkid come al solito sei fuori strada...G8 se non volevi che succedesse niente non dovevi andare a fare le barricate...non dovevi alzare un estintore da lanciare contro una camionetta dei Carabinieri...Ma siccome a Te come ai Black Block non fanno niente si continua così....Torna a fare il nulla nel Tuo Comune...Povero DE-MENTE

Totonno58

Ven, 23/06/2017 - 16:24

semperfideis...deduco che non leggi i giornali dal luglio 2001...meglio accussì, campi fesso e cuntento!

manente

Lun, 26/06/2017 - 08:04

NO allo "ius soli", NO al "gender" e NO al CETA. Gentiloni ... te ne devi andare tu e quel vecchio farabutto di Scalfari servo di Soros !!!!