Juncker "s'inchina" a Re Giorgio, poi il saluto pro forma a Renzi

Il presidente della Commissione a colloquio per quasi un'ora con Napolitano prima di iniziare gli incontri istituzionali

Il viaggio di Jean Claude Juncker a Roma segue uno "strano" itinerario. Prima di iniziare gli incontri formali, il presidente della Commissione Ue è andato infatti innanzitutto a salutare Giorgio Napolitano.

Più che un saluto si è trattato di un vertice vero e proprio, visto che a Palazzo Madama per un colloquio riservato i due hanno parlato per ben 45 minuti, senza concedere ai giornalisti nemmeno una foto insieme. Quasi che volessero tenere l'incontro segreto. Le uniche due foto della chiacchierata le ha twittate lo stesso Junker: "Con il mio caro amico Napolitano. Sempre vivo il suo grande spirito europeo", ha scritto. Che volessero parlare della ormai famigerata telefonata con la quale l'Europa avrebbe chiesto a "Re Giorgio" di tenere a bada Renzi? Sta di fatto che solo dopo la "riverenza" a Napolitano Juncker ha iniziato il suo giro di visite.

Prima con il presidente del Senato Pietro Grasso, con il quale ha parlato di migranti, governance economica europea e Brexit. Poi con Laura Boldrini, che ha sottolineato: "Abbiamo tante cose da discutere, un'agenda piena di questioni urgenti". Solo nel pomeriggio Juncker ha visto Matteo Renzi.

E alla fine della conferenza stampa il premier italiano si è - al solito - vantato per i "successi" raggiunti dall'Italia in Europa, soprattutto sul fronte dei migranti: "L'Italia ha tenuto una condotta esemplare e potrebbe essere da modello i Paesi più esitanti. Non possiamo immaginare la solidarietà monodirezionale, o si è solidali sempre non lo si è mai", ha detto Renzi, "Mi auguro che Juncker possa vincere la sfida anche con altri capi di governo che non hanno la stesso sensibilità. Noi abbiamo fatto la nostra parte su hotspot, ma lo stesso non hanno fatto altri su ricollocamenti e rimpatri. Auspico che nei prossimi incontri vi sia una forte iniziativa europea".

E sulla flessibilità (tema di scontro con Juncker nelle scorse settimane) ha aggiunto: "L'Italia sta facendo più dei compiti a casa, sta dando dimostrazione di concretezza. Useremo la flessibilità che ci sarà consentita, non va messo in discussione. Ma chi si affida all'austerity commette un errore, oggi Juncker ha detto che è stupida. Sottoscrivo. Condividiamo la linea della Commissione sulla flessibili. Per noi il riferimento è quello che ha scritto la Commissione europea sulla flessibilità, non chiediamo di cambiare". Ma ha precisato: "La Commissione europea ha introdotto elementi di flessibilità che l'Italia giustamente utilizza in questo momento".

Commenti

edo1969

Ven, 26/02/2016 - 12:54

ahahah pagliacci

i-taglianibravagente

Ven, 26/02/2016 - 12:56

Dopo tutti gli orrori e gli scempi perpetrati alla nostra democrazia ci tocca vedere Napolitano essere ancora di fatto il vero capo dello stato. Tanto perche' sia chiaro a tutti dove stia il potere vero e quanto conti a questo mondo essere Massoni ( ..e di prima fascia)

vince50_19

Ven, 26/02/2016 - 13:55

Fra massoni.. Gli aspiranti li snobbano, quasi..

Duka

Ven, 26/02/2016 - 14:39

MI CHIEDO SE IL PRESIDENTE E' ANCORA LUI - quello nuovo è per caso indisposto ?

Una-mattina-mi-...

Ven, 26/02/2016 - 14:49

napolitano lo ha riconosciuto? No, perchè in giro è pieno di nonni che salutano senza sapere chi sia l'interlocutore.

amedeov

Ven, 26/02/2016 - 15:09

Siamo l'unica nazione ad avere due presidenti della repubblica( DELLE BANANE )

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Ven, 26/02/2016 - 15:22

Dopo la benedizione del Napolitano, il piccione Renzi e l'amico suo, "Jean Claude", si abbracceranno perché, dopo le finte baruffe, la "finta" europa conviene ad entrambi.

Perlina

Ven, 26/02/2016 - 15:41

Due presidenti della repubblica, due papi, due babbi, due mamme e pensate un pò, otto nonni, ma in che razza di paese siamo, c'è qualcuno che me lo sa dire? Di sicuro in un paese che non ha più speranze.

giusemau

Ven, 26/02/2016 - 15:59

Sotto i cieli di Roma ..due Papi e due Presidenti..non c'è che dire..ad maiora

honhil

Ven, 26/02/2016 - 16:01

Per quei pochi che ancora negano il fatto che la democrazia in Italia sia ammalata, il percorso istituzionale Junckeriano li dovrebbe fare riflettere su quella loro testardaggine di volere ancora negare l’evidenza.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Ven, 26/02/2016 - 16:06

perlina Immagina che casino quando saremo,perchè lo saremo,islamizzati.. nopecoroni.it

Ritratto di centocinque

centocinque

Ven, 26/02/2016 - 16:37

La smettete di chiamare "re" quel ferrovecchio stalinista? l'unico Giorgio che merita l'appellativo di Re in questo sventurato paese si chiama ARMANI!

Rossana Rossi

Ven, 26/02/2016 - 17:00

Cara Perlina hai perfettamente ragione. Abbiamo tutto in copia. Peccato che ci sia un detto marinaro che dice: 'la nave con due capitani affonda' ed è esattamente quello che sta succedendo al nostro povero paesello a targa pd (imposta!)......

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Ven, 26/02/2016 - 17:04

Mentre il vecchio Napo confabulava con l'amico Jean-Claude, bevendo un goccetto, il Nostro-pdc dietro la porta origliando sproloquiava(come al solito)il PdR in carica sempre aitante e dinamico...dov'era? :-D

il veniero

Ven, 26/02/2016 - 17:10

??spiegatemelo . Pochi gg fa era un problema la flessibilità ..ORA ..VA BENE..?? Non capiscono che su queste ambiguità cresce l'euroscetticismo ? Preparatevi alla patrimoniale . PD cgil la vogliono e la faranno appena ce ne sarà la scusa .

Ritratto di apasque

apasque

Ven, 26/02/2016 - 17:11

Napolitano: uno spettro malefico che sovrasta l'Italia e tutta l'ammorba con i suoi interventi para-politici. Uno spettro che continua ad atterrire l'economia italiana e a strozzarne la democrazia.

MOSTARDELLIS

Ven, 26/02/2016 - 17:12

Cose da matti. Ma ci rendiamo conto che in Italia comanda ancora Napolitano? Junker ha dimenticato che è in visita ufficiale e che non può fare quello che gli pare? Che non può andare a trovare prima gli amichetti suoi e poi i rappresentanti del Governo italiano?

rosa52

Ven, 26/02/2016 - 17:22

ormai e' lampante che il Rais indiscusso di questo regime e' Napolitano ,se c'era qualche dubbio...

Fossil

Ven, 26/02/2016 - 17:33

I massoni fanno quello che gli pare ovunque si trovino...e frottolo scodinzola perchè non è allo stesso livello...ma prende ordini e mette in pratica...

Ritratto di nando49

nando49

Ven, 26/02/2016 - 17:37

La follia di questi uomini politici che si vantano ogni giorno di accogliere tutti i migranti è sorella della stupidità di voler poi "sbolognare" parte di questi disperati agli altri paesi europei che nel frattempo hanno alzato le barricate perché si sono resi conto che dell'invasione in atto. Come conseguenza le navi della Nato ci scaricano ogni giorno una valanga di profughi.

Ritratto di apasque

apasque

Ven, 26/02/2016 - 18:04

Tutto ciò mi ricorda quando la società americana, della cui filiale italiana ero il direttore generale, fu ristrutturata a livello mondiale. Cominciarono a circolare da noi i personaggi più impensabili: capi del personale, responsabili informatici, responsabili amministrativi etc. Si aggiravano per gli uffici, entravano in locali riservati, indicevano riunioni, intervistavano colleghi. Insomma, come Juncker, si facevano i caxxi loro, neanche fossero ai giardinetti! D’altra parte, l’Italia non era detta il giardino d’Europa?