Migranti, l'allarme di Lagarde: "In gioco il futuro di Schengen"

L'Europa si interroga sulla sospensione di Schengen. Renzi: "Tradisce l'idea di Europa". E la direttrice del Fmi: "Crisi dei rifugiati? O la va o la spacca"

Il flusso crescente di migranti e profughi, la paura del terrorismo e "La destabilizzazione delle società europee", come l'ha definita il primo ministro francese, Manuel Valls, sono i temi che spingono le autorità europee ad un possibile ripensamento del trattato di Schengen. E mentre alcuni paesi hanno già provveduto senza neanche aspettare il placet dell'Ue, reintroducendo i controlli alle frontiere, l'Italia si smarca e ribadisce il suo secco no: "Schengen è molto messo in dubbio e per noi è veramente triste", "La libera circolazione era il grande sogno europeo", ha dichiarato Matteo Renzi a Mantova.

Cos'è Schengen: Lo spazio Schengen è una zona di libera circolazione dove i controlli alle frontiere sono stati aboliti per tutti i viaggiatori, salvo circostanze eccezionali. Lo spazio Schengen è attualmente composto da 26 paesi, di cui 22 membri dell’Unione europea e quattro non membri (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera). L’area di libera circolazione è entrata progressivamente in vigore a partire dal 1985, data di un accordo di massima concluso da un gruppo di governi europei nella località lussemburghese di Schengen.

Non c’è "nessuna sospensione di Schengen sul tavolo" della Commissione europea. Lo ha chiarito la portavoce Natasha Bertaud in riferimento alle indiscrezioni della stampa italiana su una possibile modifica del codice sullo spazio europeo di libera circolazione delle persone che consentirebbe una durata massima di due anni dei controlli alle frontiere interne. A difendere il trattato, poco prima era stato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. In un’intervista a Rtl, venerdì mattina, aveva detto: lo stop a Schengen metterebbe a rischio il progetto europeo: "È giusto essere attenti contro il terrorismo, ma non è che sospendendo Schengen si bloccano i terroristi: alcuni terroristi di Parigi sono cresciuti nelle nostre città". Le stime sui costi di uno stop al trattato di Schengen, peraltro, sono "impressionanti", tanto più in quanto l’Europa è in una difficile fase di ripresa economica, ha rimarcato l’Alto rappresentante europeo per la politica estera e la sicurezza, Federica Mogherini. Un appello a "non minare" l’accordo di Schengen arriva anche dall’ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Intanto dalla Francia, che quest'anno è stata più volte colpita dal terrorismo, Il primo ministro francese Manuel Valls in una intervista alla Bbc, si è spinto a dire che "La crisi migratoria sta mettendo l’Unione Europea in grave pericolo". Valls ha spiegato che il Vecchio Continente non può accogliere tutti i rifugiati in fuga da quelle che definisce le terribili guerre in Iraq e Siria. "Altrimenti", ha detto, "le nostre società saranno completamente destabilizzate".

Quello sulla libera circolazione non è il solo tema europeo affrontato dal premier. Nell’ultima settimana il governo italiano è stato al centro di un braccio di ferro a distanza con la Commissione Ue, dopo le parole di venerdì scorso del presidente Jean Claude Juncker che aveva accusato Roma di offendere la Ue e innescato una polemica sui meriti dell’introduzione di forme di flessibilità nei bilanci nazionali introdotte negli ultimi mesi. L’Italia ha appena nominato un nuovo ambasciatore presso la Ue, Carlo Calenda. "A lui - ha spiegato Renzi - ho chiesto di creare un team molto forte e di farsi sentire, fare incontri e iniziative. Si è detto che il mio atteggiamento in Ue è sbagliato perché così parlano male di noi. Se smettiamo con l’atteggiamento di subalternità e cominciamo a dire che l’Italia ha energie e risorse fondamentali il rispetto arriverà naturale". Il capo del governo ha poi precisato di non volere le dimissioni del capo di gabinetto di Juncker, Martin Selmayr, protagonista di commenti negativi nei confronti dell’esecutivo Renzi: "Di mestiere non faccio il cacciatore di teste. Certo però l’impressione è che in Ue ci siano due pesi e due misure".

Durante un dibattito presso il forum economico mondiale, che si svolge nella città svizzera, la numero uno dell'Fmi, Christine Lagarde, ha sottolineato che "la crisi dei rifugiati, dalla mia personale prospettiva, un po' o la va o la spacca".

Commenti
Ritratto di Flex

Flex

Sab, 23/01/2016 - 12:41

Ma guarda questi politici. Dopo aver messo l'Europa in "ginocchi" dal punto di vista economico e sociale scoprono che i clandestini sono un problema. Devono aver "studiato e meditato" molto per arrivare a conclusioni che erano chiare a tutti, politici e interessati esculsi. Io penso che Schengen sia una buona cosa e le frontiere "Interne" devono rimanere libera per la circolazione altra cosa , invece, sono le "FRONTIERE EUROPEE" che andrebbero difese ad oltranza da ogni "invasione" qualunque sia la motivazione.

Ritratto di d-m-p

Anonimo (non verificato)

FRANZJOSEFVONOS...

Sab, 23/01/2016 - 13:42

ANCORA SCHENGEN? HAI UNA ETA' SEI VECCHIA FATTI LA CALZETTA A CASA

moshe

Sab, 23/01/2016 - 13:49

pecoroni ignoranti, prima ci avete fatto invadere, ora gridate al lupo !!! siete dei delinquenti e la rovina dell'Europa !!!

Ritratto di Giano

Anonimo (non verificato)

maurizio50

Sab, 23/01/2016 - 14:14

Riferite alla Befana in fotografia che il 6 Gennaio è passato e che non ha più motivo di stare alla ribalta!!!

agosvac

Sab, 23/01/2016 - 14:30

Egregio flex, lei dice una cosa giustissima: Schengen riguarda la libera circolazione degli europei all'interno dell'Europa, non riguarda le frontiere esterne. Pertanto, resti il trattato di Schengen e si chiudano "ermeticamente" le frontiere esterne!!! Tutto il contrario di quello che stanno facendo i burocrati europei. Tra l'altro molti di quelli che oggi vogliono soprassedere a Schengen, gli integralisti islamici ormai ce li hanno dentro ed hanno, addirittura , la loro stessa cittadinanza! Ci avrebbero dovuto pensare qualche decennio fa!!!!

Ritratto di Rames

Rames

Sab, 23/01/2016 - 14:46

Madamina, il catalogo è questo Delle belle che amò il padron mio; un catalogo egli è che ho fatt'io; Osservate, leggete con me. In Italia seicento e quaranta; In Alemagna[2] duecento e trentuna; Cento in Francia, in Turchia novantuna; Ma in Ispagna son già mille e tre. V'han fra queste contadine, Cameriere, cittadine, V'han contesse, baronesse, Marchesane, principesse. E v'han donne d'ogni grado, D'ogni forma, d'ogni età......

HappyFuture

Sab, 23/01/2016 - 14:47

Mentre non si fa altro che parlare di Schengen e dei migranti, la risposta di Mme Lagarde dà la misura di quanto sia in agenda il "problema":"la crisi dei rifugiati, dalla mia personale prospettiva, un po' o la va o la spacca"! A Davos ci stanno banchieri, e ai banchieri si chiedono soldi o i soldi te li chiedono i banchieri. Matteo col "cappello in mano" starà chiedendo l'approvazione delle sue "manovre"! Dovrebbe invece "manovrare" per ricevere un pò di soldi dai banchieri, per tirar fuori la nazione dalla palude. Vuoi vedere che Tsipras riesce a tornare a casa con un pacco di soldi in tasca.... e matteo con "le pive nel sacco"?

Klotz1960

Sab, 23/01/2016 - 15:26

Non sono affari che la riguardano e le sue opinioni sono irrilevanti. Il Giornale fa molto male a dare pubblicita' a questa qui, come alla Boldrini.

Ritratto di echowindy

echowindy

Sab, 23/01/2016 - 15:27

UN FUNERALE DECOROSO SUL FUTURO DI SCHENGEN, FACILMENTE PREVEDIBILE, RIPRESTINEREBBE SICUREZZA E FIDUCIA IN EUROPA E SENTIRSI MENO OPPRESSI DALLA INVADENTE SOFFOCANTE GIGANTESCA MASSA DEI PROFUGHI. SE POI L'ABROGAZIONE DEL TRATTATO DI SCHENGEN VUOL DIRE ANCHE MANDARE A CASA A CALCI IN CULO VERSIONE “RONALDO-MESSI” PARASSITI PIANTONATI A BRUXELLES PER FAR LA GUARDIA ALLE LORO DORATE POLTRONE...BEN VENGA IL MIRACOLO DEI CALCIATORI.

mila

Sab, 23/01/2016 - 15:30

Di difendere le frontiere ESTERNE non ne parla nessuno. Evidentemente non hanno ricevuto nessun fax in proposito da Washington.

venco

Sab, 23/01/2016 - 15:57

Abbiamo capito, come i nostri sinistri anche i vertici UE sono nemici e traditori dei cittadini europei.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 23/01/2016 - 16:22

Ma è ancora al mondo questa lecchina da strapazzo?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 23/01/2016 - 16:27

e non lo sapevate che se ne chiamavate 500mila ne arrivavano a milioni? La libera circolazione era consentita chi era in Europa non da chi arrivava da tutto il mondo. Ma ci fate o ci siete?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 23/01/2016 - 16:29

essì, ora se 2 miliardi di cinesi ed un miliardo di indiani gli passano nella mente di venire in Europa noi li ospiteremo tutti!!!

GENFRI.BO

Sab, 23/01/2016 - 16:31

Mamma che mostro; oltre che sxxxxxi sono anche brutti questi eurotecnocrati del menga.

MgK457

Sab, 23/01/2016 - 16:42

MANDIAMO I POLITICI EUROPEI A VIVERE IN MEDIO ORIENTE OPPURE IN AFRICA CON LE LORO RISORSE STUPRATRICI E TERRORISTICHE.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 23/01/2016 - 16:51

la stupida lagarde forse si è accorta che la politica di sinistra non collima per nulla con i fatti ! è ben evidente l'errore dei recenti fatti (ma anche fino a 20 anni fa)! ora piu che mai, sembra che la sinistra europea non si riconosca piu nella sinistra di renzi :-) chissà come mai, ritorna la sensazione che berlusconi aveva già previsto e che non fu neanche considerato? :-)

giovanni PERINCIOLO

Sab, 23/01/2016 - 16:54

D'accordo, salviamo pure il Trattato di Schengen ma aboliamo subito la convenzione di Dublino che é una cazzata madornale e non per nulla é stata voluta da quei paesi che non corrono i rischi che corriamo noi e la Gracia!

pierluigi57

Sab, 23/01/2016 - 17:08

lagarde la tua unica fortuna e' che il tuo predecessire fosse un sessuomane altrimenti non esisteresti. stupida serva degli usa.

Ritratto di computerinside

computerinside

Sab, 23/01/2016 - 17:26

Basta Schengen!Ad ogni paese la libertà di regolarsi come vuole contro l'invasione dei clandestini... Rimandare da subito indietro tutti i migranti economici...tenersi dopo attentissimi controlli solo qualche profugo di guerra(donne e bambini),gli uomini smettano di comportarsi da vigliacchi e tornino nei loro paesi a combattere per la libertà e la giustizia.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Sab, 23/01/2016 - 18:23

Se fosse stata chiusa, non ci sarebbero stati certi attentati. Potete dimostrare il contrario ?

Ritratto di alejob

alejob

Sab, 23/01/2016 - 18:43

Lagarde, sei una grande IGNORANTE, ti ho osservata quando sei andata in UCRAINA a rompere le scatole perché entrasse in EUROPA, promettendo che sarebbero diventati tutti RICCHI. 1000 Euro ai pensionati e 5000 agli Operai, da queste BUGIE è nata la RIVOLUZIONE. Nessuno vuole la chiusura di SCHENGEN, ma questo TRATTATO è stato interpretato in un'altro modo. Tutti hanno creduto che l'INTERPRETAZIONE sulla LIBERA CIRCOLAZIONE "FOSSE" solo del POPOLO dell'UNIONE e non del mondo INTERO. Questa invasione SENZA FINE, da TUTTI VOI con faciloneria AVALIATA, avrà gravi conseguenze non OGGI o DOMANI, ma tra qualche DECENNIO per la SOPRAVVIVENZA INDICENA. L'Europa diventerà peggiore dell'America, dove un TERZO degli ABITANTI sono sulle SPALLE di chi lavora. Complimenti Sig/ra Lagarde, ha fatto proprio CENTRO.

sorciverdi

Sab, 23/01/2016 - 18:53

Chissenefrega di Schengen, del FMI e anche di lei?!

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Sab, 23/01/2016 - 19:01

Ma 'sta qui l'ha eletta qualcuno o la messa li gente come Soros? Ormai, del termine democrazia, se ne è fatta carta da culo!

Ritratto di SAXO

SAXO

Sab, 23/01/2016 - 19:26

La MATRONA della fariseocrazia mondialista.

istituto

Sab, 23/01/2016 - 20:26

Intanto spero vivamente che la Gran Bretagna esca dall'Europa. Sarebbe l'inizio di un effetto Domino. Ed infatti i Kapò della UE hanno paura del referendum inglese. A ruota seguirebbe l'Austria. E poi sarebbe la fine di questo MOSTRO che é la UE.

istituto

Sab, 23/01/2016 - 20:55

A proposito di SCHENGEN. Noto ormai da tempo un "affollamento"delle RISORSE AFRICANE qui a Milano e nell'Hinterland. Al Centro Commerciale di Vignate ad esempio ce ne sono due ben vestiti che "presidiano" le due scale mobili chiedendo l'elemosina con i loro cappellini da baseball. Sono entrambi alti e messi bene fisicamente. Bracce rubate all'agricoltura. A Milano,gli africani si stanno moltiplicando presidiando bar e negozi. Ovviamente i questuanti di etnia africana stanno soppiantando quelli di altre enie...UBI MAIOR,MINOR CESSAT..

Furgo76

Sab, 23/01/2016 - 23:10

beh io spero che il suo futuro sia fare a maglia a casa. forse fa meno casini.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 24/01/2016 - 00:14

Dal trattato di Schengen alla situazione attuale schengherata. Possibile che non vogliano capire che gli Stati al bordo dell'Impero Europa sono i primi che si sobbarcano le problematiche della "invasione" già preannunciata dai "messaggi" ammonitori provenienti dalle zone d origine degli stessi migranti?