L'altolà di Berlusconi: "Fi non cambia nome. I frazionisti durano poco"

Il leader non teme scissioni e avverte Toti. Sicurezza, assist alla Lega: sì a qualche misura

Non teme una scissione in Forza Italia; non vuole cambiare nome alla sua creatura né tantomeno formare un partito unico tipo Pdl; non crede che Matteo Salvini si alleerà per le europee con il M5S e neppure con i conservatori del Ppe.

Silvio Berlusconi chiarisce la sua interpretazione del quadro politico, nel libro di Bruno Vespa «Rivoluzione. Uomini e retroscena della Terza Repubblica», che uscirà il 7 novembre (Rai Eri Mondadori).

Per il leader azzurro l'alleanza di centrodestra ha dunque ancora un futuro, il rapporto con il Carroccio tiene e Fi deve mantenere la sua identità nella coalizione, senza trasformarsi nella «seconda gamba alleata dei leghisti» che vorrebbe Giovanni Toti.

E proprio al governatore della Liguria Berlusconi risponde, indirettamente: «Quanto a un nuovo partito, non credo ci sia davvero questo rischio. Qualche volta una posizione di continuo dissenso serve a ottenere qualche titolo di giornale, ma la storia di Fi e del centrodestra dimostra che tutti i frazionisti sono durati, politicamente, pochissimo. Vi sono esempi troppo noti perché qualcun altro sia davvero tentato di imitarli».

Il Cavaliere precisa che, così come non vede possibilità di scissione, non ha nessuna intenzione di appoggiare fusioni con la destra di Fdi. «Francamente - spiega - mi sembra difficile mettere insieme le diverse formazioni politiche che fanno parte del centrodestra. I partiti devono mantenere la propria identità, costituire una coalizione per conquistare la maggioranza dei voti per dare vita a un governo di centrodestra». E il suo partito non cambierà nome. «A 25 anni dal suo battesimo, il nome Forza Italia lo troviamo sempre più giusto», dice. L'Altra Italia è solo la definizione di quel mondo di voti dispersi da riconquistare, che il 4 marzo o si è astenuto o ha voluto punire «la politica tradizionale».

La prospettiva del leader azzurro di tornare al governo con il centrodestra si poggia sulla convinzione che presto la Lega romperà il patto con i 5S e farà cadere l'esecutivo gialloverde, «un'armata Brancaleone», in cui l'idea di uno «stato etico», conferma il timore di una «deriva autoritaria».

Per le elezioni europee il Cav non sembra preoccupato da un'alleanza tra i partiti di governo. «Sarebbe - spiega - la continuazione di un matrimonio che l'attuale esperienza di governo ha dimostrato innaturale». E poi, sottolinea, Salvini gli ha dato «l'assicurazione assoluta che per la Lega l'opzione politica del futuro era e rimane il centrodestra». Una coalizione che oggi «conquisterebbe la maggioranza assoluta» e la cui solidità è dimostrata «dal patto rinnovato per le elezioni regionali».

Neanche Berlusconi considera concrete minacce quelle sovraniste in Europa. Per Salvini, dice, sarebbe «difficile» allearsi con la parte conservatrice del Ppe, un partito «fortemente europeista», che però vuole «essere il motore del cambiamento» dell'Ue, per arrivare ad una politica estera e della difesa comuni.

L'opposizione al governo, avverte il Cav, è reale e Fi non voterà provvedimenti dell'attuale maggioranza, «tranne, forse, alcune misure sulla sicurezza, ma devono essere realmente efficaci, non semplici norme manifesto e rispettose dei diritti dei cittadini».

Su Mediaset, Berlusconi assicura che la scalata dei francesi di Vivendi è stata bloccata e l'azienda «resterà certamente italiana», anzi si espanderà «per essere più competitiva nel mercato globale».

Commenti

pilandi

Lun, 05/11/2018 - 09:02

chi visse sperando morì seduto, in posizione ricurva, su un trono di porcellana

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 05/11/2018 - 09:15

sempre valido ! sempre ! anche dopo di lui, le idee andranno avanti lo stesso!

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Lun, 05/11/2018 - 09:36

47 morto che parla

elpaso21

Lun, 05/11/2018 - 10:05

"non ha nessuna intenzione di appoggiare fusioni con la destra di Fdi": ma la Riforma della Giustizia quando la fa?

baio57

Lun, 05/11/2018 - 10:07

Ultimamente il Berlusca è un po' sfigato,vedi il Monza calcio ,da quando è presidente ha perso 5 partite di fila....In politica più o meno siamo lì....

contravento

Lun, 05/11/2018 - 10:44

CON LA CADUTA DEI VECCHI PARTITI, FINALMENTE CI SARA UNA EUROPA LIBERA.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 05/11/2018 - 10:49

Grande è Silvio con queste sue riflessioni, degne di una superiore personalità. Splendido tutto il suo staff politico, garante di equilibrio e democraticità. 10,49 - 5.11.2018

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Lun, 05/11/2018 - 11:02

Con l'autorità conferitami dall'elettorato di FI che nel giro di 8 mesi sono riuscito a dimezzare io, Silvio Berlusconi, vi dico...

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 05/11/2018 - 11:19

Chi di speranze vive..

ispettore

Lun, 05/11/2018 - 11:26

Caro Silvio stai facendo una becera opposizione sullo stile rancoroso del PD: Auguri...

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 05/11/2018 - 11:37

Poveri italiani, per la prima volta han visto gratis i campionati del mondo e neanche se ne sono accorti. Stanno per fermare un terzo delle loro auto e continuano a parlare di morale ed evasori. Votano un movimento di canaglie che azzera la difesa nei processi e neanche lo sanno. Il fascismo è il loro regime, l'hanno nel sangue e se lo meritano.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Lun, 05/11/2018 - 12:15

@ispettore, piu' che opposizione rancorosa mi pare che Berlusconi stia dando aiuto alla Lega dicendo quello che i leghisti non possono per il famoso contratto.

fifaus

Lun, 05/11/2018 - 14:25

mauriziogiuntoli: questo non è fascismo, né quello autoritario dello Stato Etico né quello della terza via corporativa. E' semplicemente la manifestazione dell'"interesse particulare" così ben descritto dal Guicciardini cinquecento anni fa. Purtroppo...

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 05/11/2018 - 14:39

Vai, che con il 7% forse, spacchi il mondo. Che tristezza, che brutta fine.

Pinozzo

Lun, 05/11/2018 - 16:28

La domanda e': ma lui mente coscientemente, come radio cairo che annunciava vittorie sfavillanti mentre i soldati egiziani scappavano scalzi nel sinai dai carri israeliani, o crede davvero nelle baggianate che dice (con il suo misero 5% ormai non conta piu' nulla)? Perche' se fosse la 2a, sarebbe preoccupante per la sua salute mentale.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 05/11/2018 - 16:48

Ma veramente non capisce, o fa solo finta? Se Salvini, come lui auspica, fa cadere questo Governo, come pensa che finirà? Pensa forse che il p.d.r., notoriamente allergico alle urne, scioglierà le camere? Pia illusione! Le alternative saranno solo due, a quel punto: o un governo tecnico targato troika, o un accordo grillini-pd... e allora sì che stiamo freschi!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 05/11/2018 - 16:58

fifaus# E cosa altro è il conseguimento del "particulare" che Guicciardini descrive nelle Istorie se non fascismo? Non certo il liberalismo. Noi ci siamo arrivati per itinere democratico. Aggiunge che è la plebe a volere il tiranno e la democrazia si presta, il liberalismo no.