Landini affonda la Fiom: meno iscritti e più spese

Da quattro anni l'ala dura della Cgil ha perso quasi 12mila tessere. Ma lo staff lo difende: colpa della crisi e delle aziende che chiudono

Dalle parti dell'entourage di Maurizio Landini, in questi giorni, la preoccupazione sta prendendo sempre più corpo. Ci si aggrappa alla speranza che «Coalizione sociale», la nuova avventura più o meno politica lanciata dal leader della Fiom, non si riveli quel fallimento che invece negli ultimi anni ha coinvolto il sindacato dei metalmeccanici legato alla Cgil. Bilanci alla mano, infatti, basta qualche dato per capire cosa è successo alla federazione da quando Landini, nel giugno del 2010, ne ha preso le redini. Il risultato più impressionante è che in quattro anni la Fiom ha perso per strada quasi 12 mila tessere. Una débâcle in piena regola, che dà ancora più nell'occhio se si analizza la serie storica.

Dall'ultimo bilancio consuntivo approvato dalla Fiom, risalente al 2013, si apprende che il sindacato di Landini ha chiuso con 351.663 iscritti. Lo stesso documento contabile non esita a dire che il conto è di 5.313 iscritti in meno rispetto al 2012. Ora, se si prende il bilancio consuntivo relativo a quest'ultimo anno si può realizzare che già quell'esercizio si era chiuso con 1.752 iscritti in meno rispetto al 2011. Negli ultimi tre anni disponibili, quindi, la sequenza è stata questa: 358.728 iscritti nel 2011, 356.976 nel 2012, 351.663 nel 2014. In totale fa 7.065 tessere in meno nel triennio in base ai bilanci reperibili della Federazione di Landini. Bisogna invece far riferimento a comunicazioni ancora più risalenti nel tempo per constatare come nel 2009, ultimo anno prima che Landini salisse in sella, il conto degli iscritti fosse arrivato a 363.507, in aumento rispetto ai 358.853 del 2008. Ma si è trattato dell'ultimo incremento fatto registrare dalle tessere dei metalmeccanici.

Con l'arrivo dell'attuale ispiratore di «Coalizione sociale», nel giugno del 2010, si comincia con la discesa, visto che lo stesso anno si chiude con 362.667 iscritti. Facendo l'ultimo calcolo, ecco il dato per certi aspetti choc. Landini arriva alla Fiom con un capitale di 363.507 tessere di fine 2009. Nel 2010 prende il timone. A fine 2013 il loro numero risulta crollato a 351.663. Il salasso è di 11.844 iscritti persi per strada in quattro anni. Una botta davvero pazzesca, che i documenti Fiom tendono a ricollegare alla crisi e alla chiusura di tante aziende. Spiegazione che coglie una parte di verità, ma certo non attutisce un'emorragia di tessere su cui in ambienti Fiom si sta da tempo svolgendo un'ampia riflessione (e chissà che nel 2014 il trend non sia peggiorato). Anche perché la situazione di liquidità della Federazione, come spiegano tutte le relazioni recenti, è alquanto traballante.

Da precisare che il sindacato a dicembre 2014 ha approvato il bilancio di previsione 2015 e il consuntivo del 2013. Bisognerà aspettare ancora un po', quindi, per avere il consuntivo 2014. Sta di fatto che le contribuzioni alla Fiom nazionale, nel 2012 e nel 2013, si sono tenute intorno ai 3 milioni e 200 mila euro. Ma le previsioni per il 2015 danno il dato in discesa a 3 milioni. E così il totale delle entrate rischia di scendere dai 3 milioni e 686 mila euro del 2012 ai poco più di 3 milioni previsti per il 2015 (anche se occorrerà aspettare i dati consuntivi per un confronto omogeneo). Landini ha chiuso gli ultimi tre esercizi con un leggero avanzo, grazie a un contenimento dei costi a cui però sono sfuggiti gli stipendi degli apparati della Fiom. Le retribuzioni sono passate dai 981 mila euro del 2012 a 1 milione e 116 mila euro del 2013. E la previsione 2015 parla di 1 milioni e 215 mila.

Insomma, chissà che Landini non abbia fondato il suo nuovo movimento anche per sfuggire al fallimento degli ultimi anni in Fiom.

Commenti

vinvince

Mar, 17/03/2015 - 10:44

.... ma è chiaro !!! I soldi degli iscritti non bastano più, adesso deve entrare direttamente in politica per poter affondare le mani in quelli dello stato, tanto le tasse non si abbasseranno mai : i caimani aumentano ogni giorno e la colpa sarà sempre data al CAV ....

Ritratto di echowindy

echowindy

Mar, 17/03/2015 - 10:52

DAL PUNTO DI COLORO CHE LO HANNO SCARICATO,‘ANTROPOLOGICO-MENTALE’, SI TROVAVANO DI FRONTE UNA PERSONA CON UN CERVELLO IMBEVUTO DI UNA IDEOLOGIA OTTOCENTESCA DA INCUBO, SERIAMENTE COMPROMESSA A LIVELLO PSICHICO, CON TURBE DI PROTAGONISMO, PER ACQUISTARSI SPAZIO SU GIORNALI E RIVISTE. IL VULCANICO LANDINI ACCETTI CON UMILTA’ LA SUA WATERLOO-END CHE GLI CONSIGLIA DI...SPARIRE NEL NULLA PER SEMPRE O MEGLIO, RITORNARE A SOTTOPORSI AGLI SFORZI DI UN QUALSIASI LAVORO COME TUTTI NOI COMUNI MORTALI.

Libertà75

Mar, 17/03/2015 - 11:33

E voglio difendere Landini! Landini è l'unico socialista vero di sinistra in Italia. Sì un socialismo alla "comunista", ma alla comunista berlinguer, nulla a che vedere con il komunismo alla PD-SEL che punta a fare affari con la finanza e a farli pagare alla povera gente. E' l'unico socialista di sinistra che parla di rivendicazione dei diritti dei lavoratori, quando il PD punta a ridurre stipendi, diritti, pensioni e benessere sociale! Non lo voterò, ma almeno son felice che in Italia rinasca una sinsitra per l'Italia e mi auguro che superi la "finta-sinistra" degli affari e degli interessi di bottega. Auguro a Landini un roseo futuro nell'interesse di questo Paese. P.S.: Landini non ti far dettare l'agenda da SEL o da qualche transfugo PD, ricordati che quelli non hanno mai pensato ai lavoratori ma solo a ingrassare loro e gli "amici".

agosvac

Mar, 17/03/2015 - 11:53

Egregio libertà75, ma lei "realmente" crede che landini pensi ai lavoratori??? landini ha sempre pensato a sé stesso ed al potere politico, lo ha riconosciuto lui stesso che il sindacato fa politica, che la Fiom gli ha consesso. Se avesse pensato ai lavoratori come mai non ha mai firmato i contratti Fiat che erano molto favorevoli ai lavoratori e che , al contrario, hanno firmato gli altri sindacati????? Mi dispiace contraddirla ma landini è il "classico" sindacalista che, a suo tempo, ha capito che era meglio fare il sindacalista che il lavoratore!!! Ora che il suo sindacato traballa per colpe precipuamente sue, ha deciso che, forse, è meglio fare direttamente politica invece che sindacalismo, almeno i politici hanno un avvenire più roseo.

Libertà75

Mar, 17/03/2015 - 13:34

@agosvac, non dubito che sia un'opportunista, non dubito neanche che abbia sbagliato nei confronti del contratto fiat, non dubito neanche che sia un marxista anticapitalista né tantomeno dubito che abbia fatto il sindacalista per non spaccarsi la schiena, ecc... ecc... Per il mio punto di vedere è troppo a sinistra, ma tuttavia è di una sinistra "teoricamente" classica e non moderna a modi di banca e finanza. Una sinistra (quella di oggi) al Governo che non promuove il rinnovo dei contratti, che non alza le pensioni, che non mantiene i servizi assistenziali, ecc... non è una sinistra, è solo uno strumento di azione dei poteri extra-parlamentari (qualcuno dirà: "non ci sono soldi", ma in realtà per dare lavoro agli amici, alle coop o per fare un nuovo dirigente i soldi ci sono). Magari Landini farà uguale agli altri "komunisti" del PD, tuttavia almeno sentiremo idee di sinistra una volta ogni tanto e non la brutta copia di Berlusconi.

f-e-d-e-r-i-c-o

Mer, 18/03/2015 - 11:47

Credo che Landini non sia tanto diverso da altri sindacalisti che operano a livello nazionale. Hanno un obiettivo comune: puntare ad avere ruoli istituzionali che gli procurano danaro, potere e privilegi. Vero è che la Fiom e Landini hanno sbagliato tutto in FIAT ed ora pagano tutte le conseguenze. Fim e Uilm godranno nel leggere della crisi della loro antagonista Fiom, ma anche i loro capi, il cui livello è a mio parere discutibile, fanno parte della casta e sono responsabili dello sfascio del nostro paese. Se il sindacato italiano avesse fatto davvero gli interessi dei lavoratori e non i propri, in Italia non ci sarebbero gli stipendi netti più bassi d'europa, le tutele non sarebbero state abolite col Job Act e non avremmo così tanti disoccupati e lavoro nero.

f-e-d-e-r-i-c-o

Mer, 18/03/2015 - 12:06

Quali privilegi? Sapete che il calcolo della pensione dei sindacalisti è costituita soltanto dall’ultimo mese di stipendio percepito? In questo modo per un sindacalista è sufficiente farsi riconoscere uno stipendio alto per l'ultimo mese, per poi avere accesso per il resto della vita ad una pensione calcolata come se quello stipendio fosse stato percepito per tutta la vita lavorativa. Fare il sindacalista è un vero e proprio business. CGIL, CISL e UIL ecc ecc, siete tutti uguali a mangiare sulle spalle dell'INPS e dei veri lavoratori!