Landini fa già il politico: "Noi sì che cambieremo il paese"

Il leader della Fiom nega di voler dare vita a un nuovo partito. E tuona: "Renzi e Confindustria stanno distruggendo tutti i diritti"

Sabato ha lanciato la sua nuova idea alternativa al Pd di Matteo Renzi. Ora parla già da politico. "Nella mia testa - dice Maurizio Landini a "In mezz’ora" - una coalizione sociale non è fatta solo con quelli che c’erano ieri. La coalizione si deve allargare". Il tema centrale, sottolinea il leader Fiom - è la difesa dei diritti dei lavoratori in ogni forma. Sulle pensioni, prosegue, "Renzi non mi pare che abbia deciso di tagliare l’età. Occorre abbassare drasticamente l’età pensionabile, così si creano nuovi posti di lavoro per i giovani". Ma dalla Cgil arriva una doccia gelata. "Non siamo stati informati - commenta Susanna Camusso - da noi non avrà alcun appoggio".

"Oggi il punto è costruire un progetto di mobilitazione e di azioni ad ogni, livello, dove il lavoro sia centrale, e su questa base dialogare con tutti", spiega Landini ricordando come la riunione di ieri era stata decisa dalla Fiom e non era previsto che fosse
pubblica. "La riunione nasceva da tre mesi di discussione, ma a questo punto ringrazio quelli che hanno reso pubblica la lettera" di convocazione. Nessuno scandalo, quindi, per la decisione di tenere le porte chiuse. Almeno così Landini prova a giustificare la propria scelta, dettata dall'esigenza di non scoprire le carte troppo presto.

Da perfetto politico Landini va all'attacco del suo primo avversario, il leader del Pd Renzi: "È una balla che questo governo ha consenso, tanto che si fa votare le cose mettendo la fiducia. La forza di Renzi deriva anche dagli errori fatti dai sindacati", nel Paese "la maggioranza non va a votare, e al governo interessa solo far votare chi vogliono loro". Landini tiene poi a sottolineare come ci sia una parte del Paese che non si "sente rappresentato"

Guardando al suo mondo, quello del sindacato, Landini si dice convinto della necessità di "una riforma, un cambiamento radicale. E spiega come occorra stare al fianco non solo dei lavoratori salariati, ma di tutti i lavoratori di fronte alle politiche di
governo. Anche perché, prosegue, "Renzi se n'è strasbattuto degli scioperi e ha cancellato i diritti".

Ma Landini cosa vuole fare da grande? "Il sindacato non deve essere un partito e io non voglio fare un partito e uscire dal sindacato. Ma il sindacato deve essere un soggetto politico". E ancora: "Coloro che pensano che l’obiettivo sia quello di fare un
partito non stanno capendo nulla di quello che sta succedendo, quelli che stanno in buona fede. Quelli che stanno in malafede pensano che stiamo facendo qualcosa nel loro perimetro, ma io non accetto di giocare nel perimetro che vuole qualcun altro".
"Ieri - dice ancora Landini - doveva essere un inizio di discussione. Il mio problema non era la reazione del Partito democratico. Faccio il sindacalista e la coalizione sociale parte dal sindacato, io voglio che si riformi il sindacato". Quanto al rapporto con la segretaria della Cgil Susanna Camusso, "finora stiamo stati assieme e abbiamo intenzione di proseguire assieme".

Intanto Nichi Vendola osserva che Landini sta cercando di "aggregare tutti coloro che non dicono signor sì alla leva obbligatoria di Renzi. Il premier - dice a Caserta il leader di Sel - si inquieta e dice che Landini vuole fare politica. Si deve abituare, tutti
hanno diritto a fare politica e si deve abituare all’idea che il dissenso e l’opposizione sociale cresceranno".

Commenti

acam

Dom, 15/03/2015 - 16:46

non ha ancora capito che quei diritti di cui parla Hanno rovinato il paese, mentre i doveri di cui non parla mai sono l'unica soluzione

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 15/03/2015 - 16:46

Un altro che vuole cambiare il paese. Tutti si affannano a voler cambiare il paese. E più lo cambiano e peggio diventa. Allora, forse, la soluzione è una: tenerci il paese com'è e cambiare quelli che vogliono cambiarlo.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 15/03/2015 - 16:51

Dopo Renzi un'altro fannullone prestato alla politica.

Ritratto di gianky53

gianky53

Dom, 15/03/2015 - 17:00

Questo sinistro figuro pretende di saper cambiare il Paese, dopo che LORO lo hanno distrutto. Un altro incapace che si crede dio.

opinione-critica

Dom, 15/03/2015 - 17:04

Vuole cambiare il paese con ondate giornaliere di migranti clandestini. Così si cambiano le abitudini alimentari, le razze si mescolano, la sicurezza interna deve adeguarsi, il Welfare cambia: più soldi a chi fa più figli, cioè ai clandestini ecc..politica sinistra. Landini-Renzi-Alf-Ano un trio che farebbe meno danni se facessero un cabaret, almeno farebbero ridere....

eloi

Dom, 15/03/2015 - 17:06

Landini una volta persa la credibilità nel sindacato si butta in politica.

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 15/03/2015 - 17:41

LANDINI HA UNO DEGLI INDICI DI IGNORANZA PIU' ALTI IN TUTTA ITALIA, PEGGIO DI LUI CI SONO SOLO QUELLI CHE LO ASCOLTANO.

FRANZJOSEFF

Dom, 15/03/2015 - 17:46

MI RISULTA CHE LANDINI HA PROCLAMATO UNO SCIOPERO SU CIRCA 1000 OPERAI HANNO PARTECIPATO SOLTANTO IN 5. IO MAMMETA E TU ALTRI 2 SCEMI GIANO SONO D'ACCORDO

terzino

Dom, 15/03/2015 - 17:49

ma i sindacati hanno sempre fatto politica, ora si cade dalle nuvole, ma per piacere....

filder

Dom, 15/03/2015 - 17:55

Il felpato faccia da pirla non è che vorrebbe cambiare l'Italia ma vorrebbe cambiare se stesso dopo aver preso atto di quello che vale, in particolare nelle ultime dimostrazioni di sciopero che voleva inscenare contro Marchionne, allo sciopero si sono presentati 4 gatti lui compreso facendogli fare una figura di "M" oramai gli operai hanno ben capito che non possono vivere mangiando FIOM-CGL e che se vogliono lavorare debbono cambiare modo di pensare e credo che il cambiamento è già in atto e Landini lo ha capito.

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 15/03/2015 - 17:56

Si, in peggio però!

Sonia51

Dom, 15/03/2015 - 18:02

Landini, il tempo è scaduto, avete fatto già abbastanza guai ... taci e vai a lavorare che sarebbe ora! Se proprio vuoi menare la lingua, chiedi agli eredi Agnelli ex Fiat ora FCA (!) se intendono restituire allo Stato Italiano, INPS, tutti i soldi rubati per anni di cassa integrazione dei propri dipendenti. Utili in tasca e debiti a carico di tutti: qualcosa non torna, vero ixxxxxxxe?

Romolo48

Dom, 15/03/2015 - 18:04

Egregio Landini, mai una volta che sia uscita dalla tua bocca la parola "doveri"; solo e sempre "diritti". Infatti si è visto nell'ultimo sciopero che hai proclamato, in nome dei "diritti", quanti ti hanno seguito: 4 su 1500. E per favore, non mettertici anche tu a voler cambiare l'Italia; di fanfaroni ne abbinao anche troppi.

giovannibid

Dom, 15/03/2015 - 18:22

certo che lo vogliono cambiare a "LOROP" interessa solo la libertà del "POLITBURO" non quella dei cittadini. VIVA LA LIBERTA' ESPELLIAMO I BECERI COMUNISTI. Bisogna ricordare a questi "sordidi individui" che il MURO è caduto ed il comunismo, grazie a Dio, è DEFUNTO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di AdrianoAG

AdrianoAG

Dom, 15/03/2015 - 18:22

Non meravigliamoci più di tanto. Landini non è nè il primo e non sarà l'ultimo sindacalista a coronare la sua carriera in parlamento! E' uno dei soliti arrampicatori sociali che non conosce cosa è effettivamente il verbo lavorare!

eternoamore

Dom, 15/03/2015 - 18:30

CON I SOLDI DI CHI, ANDATE A LAVORARE.

giovanni PERINCIOLO

Dom, 15/03/2015 - 18:59

"Renzi e Confindustria stanno distruggendo tutti i diritti". Buffone! quando é che ci parlerai un po' dei doveri??? oppure i doveri competono solo ai chi non é con te??

Accademico

Dom, 15/03/2015 - 18:59

Non sono di sinistra (posto che vi sia ancora una Sinistra), ma devo riconoscere che Landini è senz'altro un uomo politico. Molte delle sue affermazioni sono pienamente condivisibili. Lo preferisco a Renzi, anche sotto il profilo dell'onestà intellettuale.

Daniele Sanson

Dom, 15/03/2015 - 19:02

"Il sindacato non deve essere un partito e io non voglio fare un partito e uscire dal sindacato. Ma il sindacato deve essere un soggetto politico". Quello che dice è un controsenso,che significa non voler fare un partito ma essere un soggetto politico ? Non voglio fondare un nuovo partito di sinistra perché voglio esserne il soggetto unico , questa è la verità o sbaglio ? Come tutti i suoi predecessori Lama Benvenuto Marini DelTurco D'Antoni Cofferati Polverini ' tutti uguali e pagati dalla società da noi tutti.

chiara 2

Dom, 15/03/2015 - 19:11

giano: concordo

vince50_19

Dom, 15/03/2015 - 19:59

Landini è il.. vecchio che non muore mai, però sta di fatto che il jobs act è una "creatura" della ex Troika, oggi Brussels Group. Questo lo ha compreso anche Fassina.. Renzi cambia il paese? Certo, ma sotto dettatura e non si sa con quali risultati.. Se guardiamo al tempo che sta impiegando per cambiare il sistema elettorale, il senato e tutte le fanfaluche che ha messo in atto prima e dopo la sua nomina a presidente del consiglio, siamo proprio messi male: un parolaio senza ritegno.

beppazzo

Dom, 15/03/2015 - 20:09

Ma dove vive Landini, in Italia grazie a lui ed alla sua compagine non ci sono più operai

nonna.mi

Dom, 15/03/2015 - 20:16

Credo che chiunque abbia un po' di buon senso non possa credere alle obsolete parole di questo sindacalista già emarginato da quelli che sperano in un domani sereno e giusto per ogni lavoratore. Ma oltre ai suoi progetti fatti di sole parole, sarebbe lui capace di intraprendere un qualsiasi tipo di Lavoro da offrire a chi spera veramente nella capacità imprenditoriale di Chi ha la fortuna, la forza e il coraggio per rendersi protagonista del Lavoro Futuro per la Dignità di tutti ? Va a lavorare, Landini, ma con fatica e Doveri e allora capirai qualche cosa per l'avvenire possibile di una Italia Vera ! Myriam

nonna.mi

Dom, 15/03/2015 - 20:20

Da non pubblicare: d'accordo...credevo non fosse arrivato data l'ora tarda pre serale Myriam

Giacinto49

Dom, 15/03/2015 - 20:28

Un povero idiota senza arte ne parte. Deficiente (tu e chi ti ascolta), con i tuoi "diritti" hai rovinato il Paese.

Robig

Dom, 15/03/2015 - 23:22

Landini !! Cianci sempre di diritti !! E i doveri ?? Dove sono i doveri ?? Diciamo inoltre che come tu affermi , sotto le tue direttive l'Italia cambierebbe, sicuramente !! se fin ora per colpa di voi sindacati siamo nella c...a , sotto le tue direttive l'italia diventerebbe come l'Albania negli anni 30 !! un consiglio !! Ma vai a lavorare e finiscila di dire cxxxxxe!!!

vinvince

Lun, 16/03/2015 - 00:07

Dopo aver goduto i soldi delle iscrizioni al sindacato, adesso vuole aprire la bocca sulla torta più grande ... Ma la colpa non è di questa gente, viene data loro la possibilità di sistemarsi per sempre e quindi ci provano, la colpa è di chi a sinistra da loro seguito, spazio mediatico e poi li vota ....

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 16/03/2015 - 00:27

Questo sgangherato prototipo di trinariciuto è uno dei maggiori responsabili del declino del nostro paese. Sta parlando un linguaggio morto e sepolto dalla storia di questi ultimi anni. È BLOCCATO NEL MONDO DELL'OPERAISMO CHE ESISTE SOLO NELLA SUA TESTA. LA SUA AZIONE È UNA ETERNA TIRITERA INCONCLUDENTE DI STEREOTIPI OBSOLETI.

FRANCO1

Lun, 16/03/2015 - 01:39

segue la moda introdotta da Tsipras in Grecia..e poi fatti i soldi si sistemerà nell'olimpo ad ingrassare e fare la bella vita.

Azzurro Azzurro

Lun, 16/03/2015 - 06:30

CGIL appoggiatevi ai pensionati che costituiscono il 70% dei vostri iscritti. E poi tassateli come fate sempre. Lo dico da sempre i sindacati sono da abolire danneggianono i lavoratori. Perche' dopo 60 di lotte sindacali il lavoratore italiano ha lo stipendio piu basso d'europa? Perche proteggete statali, assenteisti e fannulloni. Abolizione subito.

Duka

Lun, 16/03/2015 - 08:32

Landini scendi dal pero. NON Ti accorgi che il bullo fiorentino ha messo le grandi aziende all'asta?

FRANZJOSEFF

Lun, 16/03/2015 - 09:04

ITALIANI ANCORA NON AVETE CAPITO CHE QUESTA ACCOZZAGLIA DI TRADITORI DEL PAESE (VEDI INVASIONI DI STRANIERI MUSSULMANI SOSTITUZIONE DEL CRISTIANESIMO CON ALLAH CHE NEANCHE CREDOO IN DIO)SI SONO UNITI PER NON SCOMPARIRE E PERDERE LO STIPENDIO DI ONOREVOLE. IL SINDACALISTA FALLITO VUOLE LO STIPENDIO DA ONOREVOLE, GLI MANCA IL TERRENO SOTTO I PIEDI, E GLI ALTRI SCOMPARIRANNO INSIEME A PISAPIA E MARINO. E' TUTTO COMMERCIO AI DANNI DEGLI ITALIANI E SOCIETA' ITALIANA. TEMONO LO SBARRAMENTO DI ELEZIONE