Lecce, l'azzurro di «Porta a Porta» è in testa sui dem

Lecce Il centrodestra non riesce a fare cinquina conquistando la quinta vittoria consecutiva al primo turno a Lecce, ma rimane in testa grazie a uno schieramento compatto: Mauro Giliberti, candidato di Forza Italia e della coalizione, compresi i fittiani che qui hanno un peso rilevante, si è aggiudicato il primo round con il 45,2%, e al secondo se la vedrà con Carlo Maria Salvemini, centrosinistra, fermo al 28,9; più staccato, comunque in grado di giocare un ruolo con il suo 16,9%, c'è Alessandro Delli Noci, sostenuto dai centristi, mentre anche nel Salento si consuma il flop dei grillini con Fabio Valente inchiodato al 6,3%. Lecce si conferma roccaforte del centrodestra. Che qui governa da 19 anni riscuotendo consensi bipartisan: prima con Adriana Poli Bortone, ministro nel primo governo Berlusconi, e poi con Paolo Perrone, ex Fi passato a Fitto. «Siamo primi, vinceremo al secondo turno», dice sfoderando ottimismo Giliberti, 38 anni, giornalista inviato di Porta a Porta. Ballottaggio che non si verificava dal '95, quando fu Stefano Salvemini, padre dell'attuale candidato, a raggiungerlo. BCas