L'economia va sempre peggio Ecco perché il premier rischia

Il Pil cresce meno del previsto e i conti pubblici non migliorano: l'Ue ci ha negato maggiore flessibilità. Servirà una manovra correttiva, così Renzi perderà amministrative e referendum

Se l'economia va male e si vota, chi è al governo perde. Troppo intento a nuotare nella sua bolla di autoconvincimento e a commentare con i soliti toni trionfalistici e fuori luogo i dati sull'occupazione, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, fa finta di niente (come sempre) sulla realtà. E l'elenco delle cose che non vanno, non solo nel nostro Paese, ma nel mondo, purtroppo si allunga di giorno in giorno. Giovedì è stato il presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, a fare il duro con l'Italia: con la flessibilità esagera, ne chiede troppa. Mentre «è un margine che si può usare una volta sola». Ma non è soltanto la probabile bocciatura in primavera della legge di Stabilità da parte dell'Europa che dovrebbe impensierire il premier, perché ci sono almeno due altri elementi.

Da un lato, la congiuntura economica internazionale, dal tonfo della Cina all'aumento dei tassi di interesse della Federal Reserve negli Stati Uniti, volge al peggio, con i relativi riflessi sull'andamento del Pil italiano; i conti del governo sono tutti sbagliati e la manovra non solo si poggia su fondamenta troppo fragili, ma aumenta anche il deficit e il debito pubblico. Mentre sarebbero stati necessari cautela, prudenza e realismo, il presidente del Consiglio ha preferito giocare d'azzardo e illudere gli italiani. Dall'altro lato, incombe minacciosa la situazione geopolitica globale, dalla Siria e la Libia all'emergenza immigrazione all'Arabia Saudita e l'Iran, passando per le tensioni tra Russa e Turchia; dal terrorismo internazionale alla sedicente bomba all'idrogeno in Corea del Nord. Tutti elementi che non possono non avere riflessi sull'economia reale.

Effetto di tutto questo sull'Italia? Una prima manovra correttiva in primavera. E saranno guai. Effetto sul governo Renzi? Va a casa. E vi diciamo anche perché. Come abbiamo visto, chi si trova a governare in periodi di crisi economica e di turbolenza politica difficilmente viene confermato alla guida del Paese o nelle elezioni di medio termine. Per questo Renzi molto probabilmente perderà le elezioni amministrative prima e il referendum confermativo sulla riforma costituzionale (che ha trasformato in un plebiscito su di sé) poi. Non c'è via di scampo. È l'influenza del ciclo economico sul ciclo politico ed elettorale teorizzata in innumerevoli saggi da economisti e politologi delle principali università americane, da Pearson e Myers della Cornell University di New York a Kramer e Fair di Yale University, tutti dal titolo Relationship between economic events and voting behaviour.

Secondo questi modelli, un'attività economica fiorente nel Paese prima delle elezioni dimostra buone capacità del presidente uscente di governare. E ci si aspetta che, se rieletto, il presidente continui a fare bene. Quindi lo si vota. Al contrario, se i dati macroeconomici sono negativi, anche l'azione politica del presidente in carica viene valutata negativamente e ci si aspetta che il candidato alternativo faccia meglio. Per cui si vota quest'ultimo. Questo comportamento dell'elettore è il risultato della valutazione «inconscia» di due elementi: competenza e persistenza del presidente uscente. Renzi, purtroppo, non presenta profili né di competenza né di persistenza nel tempo.

Il richiamo di Dijsselbloem

Metà della legge di Stabilità di Renzi si basa su margini di flessibilità su cui l'Europa non si è ancora espressa. Anzi, fino a ora le prese di posizione, Dijsselbloem in primis, vanno in direzione diametralmente opposta rispetto agli auspici del premier italiano. Sulla «Clausola delle riforme», ci sono almeno tre motivi ostativi: a)il governo ne ha già fatto ricorso lo scorso anno, quando il rapporto deficit/Pil 2016 fu aumentato dall'1,4% inizialmente previsto all'1,8% finale; b)il governo non può chiedere per due volte consecutive margini di flessibilità riferiti alle medesime riforme; c)non ricorrono quest'anno le «circostanze eccezionali», vale a dire crescita negativa del Pil e dell'inflazione. Sulla «Clausola degli investimenti», ci sono altri due motivi ostativi: a)il Fiscal compact impone che il Paese che ne fa ricorso abbia un andamento discendente del debito pubblico: condizione non rispettata dall'Italia; b)il ricorso a tale clausola è legato al cofinanziamento di fondi strutturali europei già stanziati. Ma se gli investimenti non vengono effettuati viene meno per il governo la possibilità di usufruire della flessibilità europea. Quanto all'emergenza immigrazione nessuna decisione circa la possibilità di concedere maggiore flessibilità ai Paesi che più soffrono gli sbarchi è stata presa a livello Ue. Giovedì l'Unione non ha fatto altro che validare le nostre critiche, darci ragione e dimostrare l'irresponsabilità di Renzi. E irresponsabili sono stati anche i poteri forti che non hanno aperto bocca.

La congiuntura economica volge al peggio

Avevamo detto in Parlamento e all'opinione pubblica fin dal mese di ottobre che l'Ue avrebbe bocciato la Stabilità di Renzi e sarebbe stata inevitabile una prima manovra correttiva in primavera. Siamo rimasti inascoltati, anzi trattati come gufi. Con arroganza il premier e Padoan hanno tirato dritto, portando l'Italia verso il baratro. In tempi non sospetti avevamo detto che la crescita nominale non sarebbe stata quella prevista dal governo, ma molto più bassa, e che in questo contesto non si poteva fare una Stabilità tutta in deficit e debito. Per il 2015 i documenti del governo prevedono una crescita reale di +0,9% e un'inflazione, dato da aggiungere per ottenere la crescita nominale, dello 0,3%. Totale: +1,2% nel 2015. Peccato, però, che nel 2015 l'inflazione sarà 0 o -0,1% e, quindi, la crescita nominale sarà tra 0,8% e 0,9%, tra i 3 e i 4 decimali più bassa. Ancor peggio andrà nel 2016, con una crescita nominale del Pil tra l'1% e l'1,2%: lontanissimo dal +2,6% previsto dal governo. Ricordiamo che su questi numeri sbagliati è pericolosamente basata l'intera costruzione della legge di Stabilità.

D'altra parte, la crescita del 2015 e del 2016 nulla ha a che vedere con la politica economica del governo Renzi, se ce n'è una. Tutto deriva dal calo del prezzo del petrolio e, soprattutto, dalla svalutazione dell'euro rispetto al dollaro, conseguenza del Quantitative easing della Bce di Mario Draghi. Senza la svalutazione dell'euro la crescita reale del Pil italiano nel 2015 avrebbe raggiunto a malapena lo zero o poco più. Se a questo dato aggiungiamo l'inflazione nulla o negativa, i dati nominali che ne derivano dimostrano un encefalogramma piatto strutturale del Pil italiano. Eredità che si trasferisce, per effetto del «trascinamento», dal 2015 al 2016. C'è poco da stare tranquilli, caro Matteo. Anche perché, come tu stesso hai scritto nei documenti ufficiali di finanza pubblica, il rapporto deficit/Pil italiano nel 2017 dovrà passare dal 2,4% cui lo hai portato nel 2016 a 1,1%. Significa più di un punto di Pil (1,3) di correzione dei conti pubblici: oltre 20 miliardi. Senza dimenticare che dal 2017 scatteranno quelle clausole di salvaguardia, vale a dire aumento dell'Iva e delle accise, che nel 2016 hai soltanto rinviato di un anno. Per gli italiani è in arrivo una stangata. Se a ciò si aggiunge il pareggio di bilancio, cui ti sei impegnato con l'Europa per il 2018, e la necessaria riduzione del debito pubblico, il conto va dai 40 ai 50 miliardi. Stima non solo nostra, ma confermata anche dal professor Guido Tabellini. Altro che riduzione delle tasse, altro che segno più, altro che risanamento. Forse, a questo punto, andare a casa prima possibile converrebbe soprattutto a te. L'imbroglio è ormai sotto gli occhi di tutti.

La situazione geopolitica globale

I nostri calcoli restano validi se non cambia lo scenario geopolitico. Se qualcosa dovesse andare storto (in termini di guerra e pace), i conti pubblici potrebbero peggiorare ulteriormente. Il 2016 è cominciato sotto i peggiori auspici. La crisi in Cina ha trascinato nel profondo rosso tutte le Borse. Brasile, Russia, India, la stessa Cina e Sudafrica, vale a dire i cosiddetti «Brics», che rappresentano il 35% dell'economia mondiale, da qualche mese hanno cominciato vistosamente a rallentare, e del calo della domanda risentono più di tutti Germania e Italia, economie manifatturiere. La Bce ha inondato sì i mercati di liquidità, ma quest'ultima non si è trasmessa dalle banche alle famiglie e alle imprese. E nonostante la politica monetaria accomodante, la situazione attuale del sistema bancario europeo e italiano è ancora molto complessa.

Un fiume in piena sta per travolgere il governo. E il ciclo economico negativo investirà anche quello politico ed elettorale. Il de profundiis di Renzi. Con questi presupposti, al referendum neanche ci arriva. E anche se ci arriva, lo perde. Amen.

Annunci
Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 10/01/2016 - 23:55

GUFO GUFO GUFO ora "Grideranno" in coro,Trombalti,Berlinguer,Sniper,Dreammer,Totonno,Xgerico,Kommisar,Lorenzone and company!!!!!!lol lol Pax vobiscum.

hornblower

Lun, 11/01/2016 - 00:29

La somma dei 3 saldi settoriali è sempre zero, per cui il settore privato è in avanzo, cioè crea nuova ricchezza finanziaria netta, solo se almeno 1 degli altri 2 governo o estero è in disavanzo. Quello estero è volubile, mentre solo il deficit positivo governativo consente avanzi stabili per sett.privato. L'equazione dei profitti per l'imprese è: P=I+defG+NX-S

asalvadore@gmail.com

Lun, 11/01/2016 - 02:35

Povero Renzi si trova su una strada sbagliata perché il debito italiano é impagabile. La teoria sposata dail'UE é quella della riduzione del debito pubblico, ma é una teoria impossibile, lo scoprí per primo Adam Smith nel capitolo Of Public Debt della sua Opus Magna. Ci sono pochissime eccezzioni a questa borma, alcuni paesi arabi col petrolio sopra i 100$/B e il Venezuela nel 1931 senza il petrolio ma sotto il dittatore J.V.Gomez. Bruxelles dovrá rivedere le direttrici economiche sotto pena di un fallimento generale.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 11/01/2016 - 07:45

È la fine ingloriosa e MERITATA dei gradassi che, dall'alto della loro arroganza, credono di essere portatori dei rimedi a tutti i mali del mondo,ma che FINISCONO SEMPRE,come si dice, dalle stelle (dal loro solo punto di vista) alle stalle (queste si reali):il posto dunque a loro confacente, se è vero che i nodi giungono sempre al pettine, prima o poi.I palloni gonfiati, specie se si sono autogonfiati, si sgonfiano sempre, ce l'hanno scritto nel DNA.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Lun, 11/01/2016 - 10:05

Con un popolo di pecoroni,con un presidente come mattarello mattarella,renzi-no rischia di giocare da solo,col morto:l'Italia.

giovanni951

Lun, 11/01/2016 - 11:19

troppi piddini col cervello all'ammasso lo salveranno; loro sono i veri colpevoli.

uccellino44

Lun, 11/01/2016 - 11:45

Agghiacciante ma, purtroppo, giusta questa perfetta analisi dell'economista Brunetta, tanto vituperato perché di centro destra! Certo è che quello che Brunetta ha scritto mette i brividi! Anche se Renzi dovesse cadere subito - Dio lo voglia (anche perché il vitalizio è quasi assicurato) - il suo successore avrà la vita difficile! Non basterà dire, come fanno Renzi ed i suoi accoliti, la colpa è dei predecessori: ci vorrà tanto coraggio per far piangere agli italiani lacrime e sangue, ma sarà inevitabile e, per giunta, dovremo recuperare anche questi anni perduti in chiacchiere!!

geronimo1

Lun, 11/01/2016 - 12:25

Tranquilli, il Paese ha bisogno di succhiarselo ancora un bel po'!!!!! Tenete presente che la "base" e' contenta se a metterglielo in quel posto sono i Kompagni, ergo....!!!!!!!

Ritratto di combirio

combirio

Lun, 11/01/2016 - 12:46

Certo! L' essenziale che Pinocchio vada a casa è prioritario! Ma soffermiamoci un attimo sui disastri passati e presenti. La nostra burocrazia in sintesi è rimasta intatta insieme all' amministrazione pubblica e a gran parte degli sprechi. Per chi avesse dei dubbi, basta che vada a vedersi l' ultimo Film di Checco.Hanno cambiato qualche nome ma tutto è rimasto immutabile. Continuano a prenderci per i fondelli. Mentre l' economia và a rotoli ci sono ancora impiegati che timbrano e vanno a pescare rischiando pene ridicole. Nel privato continua la tragedia! Un esempio ultimo è il dramma della SAECO comprato per il suo marchio Italiano, licenziando il personale e portando tecnologie e conoscenze all' estero e continuando a vendere con lostesso marchio tenendo gli utili come se fosse in Italia.

Ritratto di combirio

combirio

Lun, 11/01/2016 - 12:47

…....Beffati e Gabbati! Quando lo dicevamo ai tempi di Prrr..odi che si stava commettendo un delitto vendendo la nostra economia ai cinesi ed ad altr,i i compagni non ci credevano, o meglio vedevano il guadagno immediato. Salviamo l' Italia finché si è ancora in tempo, prima dai ladri e dagli Idioti.

unosolo

Lun, 11/01/2016 - 14:32

ma quale gufo , il segnale semplice dei danni e delle cavolate che raccontano coloro che sono al governo sono smentiti dal fatto semplice semplice il metronomo delle pensioni , quando scendono manca il PIL e manca occupazione , in alternativa è solo aumentata le spesa sul parassitario , se le pensioni salgono è ottimo e esiste il PIL meno disoccupazione e meno parassitismo , oggi siamo in netta recessione le pensioni sono scese.

unosolo

Lun, 11/01/2016 - 14:43

il PCM ha iniziato ieri sera con il comizio in RAI , spiegando che ha ritenuto opportuno ritirare il decreto per mantenersi la poltrona in quanto egli non è incollato quindi evita per proseguire a seminare tasse lungo la legislatura opposizioni sistemate con regali per i comuni di appartenenza inserite nella manovra , ho capito male ? tanto ne ha messe poche seminate lungo il percorso legislativo.