"Ius soli legge inutile: sfascia le famiglie e frena l'integrazione"

Il demografo: lo ius soli avrà effetti contrari a quelli sperati. Il rischio discriminazione

dal nostro inviato a Rimini

Come minimo inutile. La legge sullo ius soli, così come è fatta, avrà effetti opposti a quelli sperati. Ad esempio potrà disgregare le famiglie degli stranieri, che invece dovrebbero essere la base dell'integrazione in Italia. La norma in vigore varata negli anni Novanta, invece, funziona bene. E non nel senso che rende difficile acquisire il passaporto italiano. Al contrario, permette a molti di ottenere la cittadinanza. Ma se vogliamo veramente evitare l'effetto sostituzione, cioè il lento cambiamento della composizione della società italiana, bisogna cambiare cultura e tornare a fare figli.

Gian Carlo Blangiardo, professore ordinario di Demografia all'Università degli studi di Milano-Bicocca è reduce da un incontro al Meeting di Rimini sullo ius soli. Ha raccolto applausi e consensi schierandosi dal punto di vista dello scienziato contro la legge, nonostante Papa Francesco pochi minuti prima si fosse espresso a favore.

C'è bisogno di una nuova legge sulla cittadinanza che si basi sul principio dello ius soli?

«Personalmente penso non ci sia questa necessità, anzi. Basterebbe intervenire in alcuni punti della legge in vigore e tutto sarebbe tranquillamente gestibile. La legge attuale funziona e, nonostante quello che si dice, sta dando degli ottimi risultati».

Nel senso che in pochi ottengono la cittadinanza?

«Al contrario. Siamo il primo paese in Europa per numero di concessioni di cittadinanza. Di questi, i nuovi cittadini sono in parte consistente minori. Quattro su dieci. Non è vero che i minori possono diventare cittadini solo aspettando i 18 anni. Se uno della famiglia diventa italiano, possono avere anche loro la cittadinanza. Questa è una di quelle cose che non si dicono. Anche per questo non c'è questa esigenza di una nuova normativa».

Siamo primi anche per quanto riguarda il numero della cittadinanza concessa a minori? Le difficoltà di ragazze e ragazzi nel diventare italiani sono un cavallo di battaglia di chi sostiene lo ius soli.

«Nel 2015 eravamo al secondo posto dopo la Francia come percentuale dei minori che diventano cittadini in rapporto alla popolazione. I dati del 2016 non sono ancora usciti, ma l'anno scorso abbiamo avuto un aumento considerevole delle cittadinanze quindi è possibile che batteremo anche la Francia. Non è vero che ci sia questa chiusura verso i minori. I dati dimostrano il contrario».

Che rischi vede nella nuova legge così come è stata formulata?

«Unico rischio al momento è che si comprometta la coesione familiare».

In che modo?

«Creando all'interno di una famiglia una situazione strana, con il bambino più piccolo che diventa italiano e quello più grande che non può. Poi, visto che alla fine sono i genitori che decidono a chi riconoscere la cittadinanza, si potrebbero verificare casi di discriminazione verso le figlie femmine. Possiamo anche decidere che questo non è un problema, ma non vedo come si possa considerare lo ius soli un aiuto all'integrazione. Anche perché sono gli adulti che devono aiutare i bambini ad integrarsi e non il contrario. E quindi tutto sommato qualche rischio di creare forme di mancata coesione all'interno della legge c'è».

Gli italiani iniziano a temere l'effetto sostituzione. Il cambiamento della società italiana e degli equilibri a favore di persone che provengono da paesi e culture diverse dalla nostra. È un timore fondato?

«Nel lungo termine tutto può succedere. Siamo nel mezzo di un cambiamento, siamo in un Paese che fa meno figli e fino a poco tempo fa compensava questo squilibrio con l'immigrazione. È chiaro che andando avanti così nel tempo, i nuovi arrivati, che producono nuove generazioni, tendano a sostituire quelli che c'erano in precedenza. È un dato di fatto. O cambiano certi atteggiamenti verso la democrazia e la famiglia o questo è il destino che dovremmo inesorabilmente subire».

Commenti

Iacobellig

Mar, 22/08/2017 - 09:15

NON PUÒ ESSERE UN GIVERNO DI NOMINATI INCAPACI A GESTIRE CERTE PROBLEMATICHE!

DRAGONI

Mar, 22/08/2017 - 09:35

CAMBIAMENTO "VOLUTO" ED ORGANIZZATO DALLA SINISTRA , ANCHE PER AVERE VANTAGGI ECONOMICI IMMEDIATITI X COOP ECC.,PER SPERARE DI NON ESSERE DEFINITIVAMENTE SPAZZATI VIA ELETTORALMENTE.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 22/08/2017 - 09:38

Chissà se madama sboldrina, il ministro delirio e buonisti un tanto la kilo sono in grado di comprendere parole cosi' chiare e inconfutabili?? Purtroppo ne dubito molto perché a loro interessano solo i possibili voti per il loro partito mentre dell'Italia e degli immigrati in fondo non importa loro un fico secco. Ipocriti allo sbaraglio e facce da fondoschiena al potere!

Oraculus

Mar, 22/08/2017 - 09:51

Una persona come Gentiloni , un PDC e capo del Governo che si manifesti favorevole al ius-soli , non e' capacitato a presidiare , presente e futuro di un paese , conscio o inconscio di quanto sostiene lo inadegua all'incarico...danneggia il futuro degli italiani , favorisce il bastadimento (meticciato) che con l'islamico e' comunque al 100% incompatibile con la cristianita' dell'italiano.

Marcello.508

Mar, 22/08/2017 - 09:52

In Italia rimane solo il nucleo famiglia che regge le nostre identità. Questo naturalmente non piace solito noto ungherese, massone e speculatore per antonomasia e così si tenta in qualsiasi modo di disaggregarlo, quanto meno. Mi piacerebbe conoscere il pensiero, in questo tema, del noto padrone di casa del Vaticano..

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 22/08/2017 - 10:01

Creerà discrminazioni nelle famiglie? Per il pd non c'è problema. Cittadinanza a tutti, comprese le centinaia di parenti in africa. Si risolve tutto.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 22/08/2017 - 10:04

I "ragazzi" di Ripoll che nazionalità avevano? Qualcuno sa rispondermi?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 22/08/2017 - 10:06

@Dragoni - concordo.

ilpassatore

Mar, 22/08/2017 - 10:32

Povera Italia nostra soggetta a 7 piaghe- 1) governo contrario al popolo- 2) parlamento eu.- 3) vaticano - 4) immigrati- 5) terrorismo- 6) il pd - 7) la signora.- Ne usciremo? saluti

leopard73

Mar, 22/08/2017 - 11:09

BRANCO DI SOMARI NON ASCOLTATE MAI IL POPOLO CHE VI HA FORAGGIATO FINO AD OGGI!! SAPETE FARE SOLO IL VOSTRO INTERESSE!! VIGLIACCHI INCONCLUDENTI VE NE ACCORGERETE ALLE ELEZIONI.

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Mar, 22/08/2017 - 11:20

Ciò che afferma Blangiardo non è solo giusto: è pure ovvio. Ma la sinistra ed il Papa, che ormai parla come la Boldrini, concentrati sul processo di distruzione della civiltà occidentale, hanno orrore della logica e della verità. E noi paghiamo...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 22/08/2017 - 11:25

Non ci deve essere nessuna integrazione. Il meticciato distrugge le culture. Quelle poi sono genti inassimilabili. La scelta è tra sopravvivenza o genocidio (il nostro).

Piut

Mar, 22/08/2017 - 11:52

Signori miei...se siamo in queste condizioni lo dobbiamo a tutti gli struzzi che nel 2011 credettero alle bufale costruite ad arte da Merkel, Sarkozy, Napolitano e altri contro Berlusconi...una piccola parte di questi struzzi, dopo il disastro Monti, si divise equamente in due: chi votò per i 5 Stelle e chi per il PD (penosa la misera percentuale che votò per Alfano)...ma la maggior parte non andò a votare, consegnando di fatto questo povero Paese agli inetti che hanno perpetrato e perpetrano tuttora la nostra distruzione!l'anno prossimo, finalmente, si voterà: e che tutti vadano a votare stavolta per liberarci, una volta per tutte, del PD, della Boldrini e di Bergoglio!

Totonno58

Mar, 22/08/2017 - 11:53

Questo tema de "la famiglia che si sfascia" è una fobia di molti di noi cattolici...si è fatto taqnto bla bla riguardo le unioni civili (che sono legge da tempo e nessuno ci fa più caso nè tantomeno è stato toccato), ora addirittura si tira in mezzo questo tasto riguardo la cittadinanza agli immigrati...basta!!!

veritiero333

Mar, 22/08/2017 - 12:14

sulla questione il Papa si tenga fuori e chiuda la sua boccaccia troppo aperta e troppo pro immigrati,e poi sia meno ipocrita,infatti in vaticano ancora non ci porta nessuno.....cosi facendo si rende solo IMPOPOLARE O MEGLIO SCANDALIZZA!!!

no_balls

Mar, 22/08/2017 - 12:20

allora... se non vogliamo immigrati li mandiamo tutti a casa. Ma se questo non e' possibile bisogna creare le condizioni per una integrazione diversa da quella che hanno fatto altri paesi che ora si ritrovano covi di disadattati che si fanno arruolare nel terrorismo. Dare diritti e doveri e' l'unica soluzione. poi capisco che vorreste metterli tutti nei campi di concentramento... ma purtroppo non e' una soluzione accettabile. mi dispiace. Continuiamo a non fare moschee.... niente diritti.... nessuna integrazione... e poi ci lamentiamo degli spacciatori magrebini e dei terroristi che stiamo formando. E cosi il cerchio si chiude. E fra 10 anni ci chiederemo come mai un ventenne immigrato ci odia e ci vuole ammazzare tutti.

bobots1

Mar, 22/08/2017 - 12:22

No all ius soli. Erdogan ha invitato i turchi in Germania a non votare certi partiti. Ma se possono votare queste persone sono tedesche non turche. Eppure Erdogan sa benissimo che li può manipolare. Quindi nemici in patria. Questo è quello che ci aspetta regalando la cittadinanza. Nemici in patria! Rendiamocene conto!

petra

Mar, 22/08/2017 - 12:23

Almeno dopo potremo dire: terroristi?M a erano italiani come noi!

Topo1941

Mar, 22/08/2017 - 12:41

destricoli.... continuate a non andare a votare in modo che i politici sinistricoli si offendano e vi facciano vincere le elezioni anche con meno voti di loro. Ora e sempre sacrestani doc.

Ritratto di ..iTag£iafrica..

..iTag£iafrica..

Mar, 22/08/2017 - 12:53

e dopo lo ius SOLA i SUDDITI i Taglioti si preparino, allo ius primae noctis

OttavioM.

Mar, 22/08/2017 - 13:39

Io sono contro lo ius soli per tutta una serie di motivi.Dal rischio di dare il passaporto a soggetti pericolosi che diventano inespellibili,al rischio di finire come la Francia con francesi di passaporto ma non di mentalità,dal rischio di essere un fattore di attrazione per immigrazione clandestina,al rischio di dare la nazionalità a chi dopo qualche anno va via e non ha nulla a che vedere con noi e trasmette pure la cittadinanza ai figli e così via.Ma a prescindere mi chiedo,ma un parlamento che ha sfornato leggi bocciate dalla Consulta sono capaci di fare una buona legge sulla cittadinanza?Io penso di no.

carpa1

Mar, 22/08/2017 - 14:03

Ma non vi accorgete che è proprio la sx che ha voluto e vuole questa sostituzione di popoli, di costumi, di ideali con tutto quello che ne consegue? Prima con il divorzio, poi con l'aborto, quindi con i "matrimoni" gay, tutto contro la famiglia! E poi si sporcano la bocca tirando in ballo la costituzione quando, per sostenere la vera famiglia come previsto dalla costituzione, non hanno mai mosso un dito anzi, dove possibile, altro non han fatto che ostacolarla sia moralmente che finanziariamente inducendo i giovani ad evitare di fare figli. Ringraziateli e continuate a votarli questi rincoglioniti che sono riusciti ad imbastardire tutto il paese.

Pietro2009

Mar, 22/08/2017 - 14:55

@carpa1 cito a memoria divorzi: Berlusconi 2, Casini, Fini e Bossi 1. La Pivetti 2. Prodi, Bertinotti, D'Alema ecc mi sembra 0. Aborti 1 al 6 mese di Berlusconi/Lario. Pannella Radicali pensiero Liberale.” Ma a SX ci sono mille…” a dx i capi cattivo esempio. l’omosessualità esiste a DX e SX, i geni gli ormoni ecc non discriminano infatt ci sono associazioni omosex di DX….TUTTA EUROPA HA SMESSO DI fare FIGLI A PRESCINDERE DA DX E SX SMETTONO DI FARLI ANCHE I MIGRANTI QUI...E POI MIGRANTI O NO SEMPRE UMANI SIAMO...STA PUREZZA CHE NON ESISTE, GUARDA I SICULI BIONDI, DA DOVE ARRIVANO? IMPORTANTE È CHE CRESCA LA CONCORDIA e non che rimanga quel COLORE O CULTURA.