Il leghista ultracattolico perdona Di Maio: "Ci dà degli sfigati, ma ormai è di casa..."

Il senatore Pillon: «Il povero Luigi è caduto vittima della sinistra globalista»

Tutte le famiglie felici si somigliano ma poi c'è quella gialloverde che è stramba a suo modo. Si prenda in esame proprio la famiglia. Come la pensa la Lega è risaputo: «Basta con genitore uno e genitore due». Come la pensa Il M5s sui genitori è chiarissimo. Luigi Di Maio del padre ha detto: «Mi ha mentito». Alessandro Di Battista è «incazzato nero» con il suo. Virginia Raggi ha sfrattato la madre di Paola Taverna. In questo clima di letizia, a Verona, che sulle famiglie ha molto da dire dai tempi di Romeo e Giulietta, dal 29 al 31 marzo si terrà il Congresso mondiale delle famiglie e quella gialloverde sembra un'altra volta scoppiare. Di Maio ha fatto sapere che chi parteciperà «non è la destra ma solo degli sfigati». Matteo Salvini ha replicato: «Benissimo. Io ci vado». Poi si è messo Lorenzo Fontana che qualche voce in capitolo ce l'ha, dato che della Famiglia è il ministro e che l'evento lo ha pure patrocinato. Insomma, per raccontare i tormenti di questa casa ci vorrebbe Tolstoj ma a volte bastono uomini che credono nei valori, come si dice, tradizionali. Se c'è uno che non solo li difende ma che ne ha fatto un motivo (di famiglia) è il senatore della Lega Simone Pillon, noto per il papillon, uno degli organizzatori del congresso e promotore di tre Family Day.

Proprio non si comprende come Pillon, che è bersaglio della comunità Lgbt, debba sopportare le insolenze di Di Maio. Dunque vale la pena chiederglielo. «Il povero Luigi è caduto vittima di una trappola». Povero? «Si, è un uomo cattolicissimo e sono certo che è stato male informato a causa delle fake news diffuse dalla sinistra globalista che vuole polverizzare la famiglia. Stimo molto Di Maio». Che bisogna ricordare vi ha definiti sfigati... «Sarà invitato e spero davvero possa venire, così come altri colleghi del M5s. Alcuni mi hanno detto che sono curiosi. Insieme, in commissione, lavoriamo in serenità, mi spingo a dire amicizia». Tra i colleghi di Pillon ci sono anche il sottosegretario Stefano Buffagni che, in verità, tanto curioso non è («La nostra idea di famiglia è lontana da quella che andrà in scena a Verona, da Medioevo»), e la ministra della Sanita, Giulia Grillo, che preferisce frequentare altri amici («Sono totalmente distante da questa manifestazione ideologizzata»). Ora, non per insidiare la serenità di coalizione, e di Pillon, ma questa famiglia sembra un po' costruita in provetta.

«Con i Cinque Stelle abbiamo molte idee in comune». Anche Con Rocco Casalino? «Non ho avuto il piacere di conoscerlo. Ma ripeto, noi della Lega e del M5s ci sentiamo una famiglia». Un po' singolare. Quasi irregolare

Commenti
Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Sab, 16/03/2019 - 09:34

Eh beh... se il beato Pillon ha alzato la sua caritatevole mano sullla testa del peccatore Di Maio per perdonarlo, quest'ultimo può ben sperara che le porte del paradiso si apriranno per lui...

INGVDI

Sab, 16/03/2019 - 09:48

Ma vergognatevi! Voi cristiani della Lega, vi siete messi assieme con il partito più anticristiano che siede in parlamento (pro aborto, pro eutanasia, pro matrimoni omosessuali, pro gender, favorevole alla droga libera, alle manipolazioni genetiche, all'utero in affitto ed altre nefandezze simili), principali responsabili, assieme al PD, del degrado morale del Paese. Tutto questo per soli interessi di bottega (potere e poltrone). Vergognatevi, ipocriti! In quanto a ipocrisia, nessuno comunque batte Matteo Salvini, capace persino di prendere in mano la Corona del Rosario e giurare sul Vangelo.

cesare caini

Sab, 16/03/2019 - 10:10

Un grillino ha detto che è una manifestazione da Medioevo ! Magari vivessimo un momento come il medioevo avremmo Dante , Cimabue, Boccaccio, Petrarca e Giotto ! Di sicuro avremmo meno ignoranza!

Cheyenne

Sab, 16/03/2019 - 13:07

La Famiglia è una sola quella uomo/donna/figli. Non dico tradizionale perchè non ammetto altre famiglie. Gli ignoranti grillini scimmiottano i sinistri più schifosi quali bonino e cirinnà con le loro ideologie mostruose.