L'ex braccio destro di Grillo: "Nel M5S c'è guerra di potere"

Marco Canestrari: "Vi racconto la mutazione genetica del M5S"

Era l'ex braccio destro di Beppe Grillo, "l'ombra" che lo seguiva ovunque e dipendente della Casaleggio Associati. Ma oggi Marco Canestrari attacca il M5S orfano di Gianroberto Casaleggio, raccontando a La Stampa la "mutazione genetica" del movimento.

"All’inizio eravamo una comunità. Roberto amava quella parola. Ora non più", racconta Canestrari, secondo cui il M5S può cambiare l’Italia. "Dubito in meglio". Il motivo? "Un gruppo parlamentare impegnato in una guerra per bande e a coprire le proprie bugie, a cominciare dagli stili di vita, tutt’altro che francescani", spiega, ". È nato denunciando i politici che usavano la querela per minacciare i giornalisti, e ora spaccia robaccia sui siti legati al blog, e alimenta cultura della minaccia e diffamazione seriale in rete. Sono diventati la voce del nuovo oscurantismo. Come gli antivaccinisti che attirano i clic sui siti. Al ministero della salute ci mandiamo un antivaccinista? È un sistema che allontana le competenze e attira i ciarlatani".

Una guerra di potere che divampa anche all'interno del direttorio: "L’ascesa di Di Maio, che Grillo aveva cercato di fermare dicendo non ci faremo imporre il candidato premier dalle tv, è speculare all’ascesa di Renzi e coltiva di per sé il germe del tradimento. Davvero qualcuno pensa che l’onorevole Di Maio smetterà di far politica a 37 anni, dopo due mandati? Hanno già creato un patto e una casta di intoccabili: tutto quello contro cui Roberto ci spingeva a lottare".

Una guerra che non può fermare nemmeno il successore di Gianroberto, il figlio Davide Casaleggio: "Non ha nessuna passione politica, a differenza del padre. Mancato Roberto, il Movimento rimane solo un asset dell’azienda: chi lavora sui portali - sul blog e su Rousseau - è assunto dalla Casaleggio, ad essa risponde e lavora anche su altri progetti, estranei alla politica. Io non credo che loro si arricchiscano, ma finanziariamente questo modello sta in piedi grazie alla pubblicità sul blog - che peraltro risulta la sede ufficiale del M5S - e sui siti che il blog sponsorizza. Se vi rinunciano, devono licenziare".

Commenti

MEFEL68

Ven, 22/04/2016 - 10:37

Se la lotta di potere ci fosse solo nel M5S già andrebbe bene; il fatto che in tutti i partiti da FI al PD, fino all'estrema sinistra, ci sono più correnti che idee. Non so se al Ministero della Salute ci andrà un antivaccinista, ma non ci sarebbe nulla di strano dal momento che in moltissimi ministeri son andati ANTIONESTI. Abbimo perfino una ministra che ha confessato di mettere al servizio del Paese la propria INESPERIENZA. Allora?

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Ven, 22/04/2016 - 11:39

Rousseau l'avete letto? La sua vita la conoscete? Un movimento che basa sull'onestà il fondamento della sua politica e che delega al togame il diritto di dire chi è onesto non è un movimento politico, è una banda di fanatici pericolosi. Invece di perdere tempo con Rousseau date un'occhiata a Girolamo Savonarola, è meglio.

conviene

Ven, 22/04/2016 - 11:44

Si esatto come nel centro destra. bello spettacolo. i problemi dei cittadini interessano a questi?

idleproc

Ven, 22/04/2016 - 12:46

E' l'illusione di tuttie i "movimentisti" che non ci sia nessuno che comandi. Se non si vede, sta dietro a tirare i fili e a gestire la sua strategia. Non ci può essere nemmeno selezione e scelta di una strategia. Inoltre sono esposti al giro globale del compro uno e ne comando un bel po' di milioni. Non conoscono la storia, non hanno inventato niente di nuovo, solo incanalato il dissenso sociale legittimo di tutti gli italiani su obbiettivi secondari e uterini. Sono stati anche utili, per la verità mettendo il dito su alcune piaghe ma non sulla sostanza del problema. Contenti loro.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 22/04/2016 - 12:59

M5S viene dal nulla e probabilmente si sgonfierà nel nulla. Del resto qualche tempo fa, prima della morte di Casaleggio, mi pare di aver sentito Grillo dichiarare di essere ormai fuori dal movimento, più interessato alla sua attività artistica che ad altro. La "guerra di potere" è la logica conseguenza di quanto avvenuto nel vertice "esterno" al partito: si litigheranno il potere, ma presto lo perderanno. Invece sono da prevedere a breve sostanziose aggregazioni al PD, sostegni di cui Renzi ha estremo bisogno per poter continuare il malgoverno del paese.

joecivitanova

Ven, 22/04/2016 - 12:59

..CASALEGGIO..!!.. Ondestà, Ondestà, Ondestà..!? G.

Miraldo

Ven, 22/04/2016 - 13:07

Il M5s altro non è che un gruppo di sbandati e incapaci a caccia di poltrone, come i loro compagni del Pd.................

ChePazienza

Ven, 22/04/2016 - 13:18

Ma lo sapevate che il suddetto braccio destro di Grillo lavorava per il Fatto quotidiano? Approfondite questo aspetto...ne scoprirete delle belle!

Non so

Ven, 22/04/2016 - 15:37

Ma va? Strano, mai avrei pensato che ai "cittadini" interessassero soldi e potere! :-D