L'ex premier dice no al Cav: la legge elettorale resta così

Lo stop del leader dem dopo l'intervista di Berlusconi al «Giornale». Ma a pressarlo è anche un pezzo del Pd

Roma «Se ne riparla a settembre», taglia corto Matteo Renzi a chi lo incalza per avere una sua risposta all'appello di Silvio Berlusconi sulla necessità di riformare la legge elettorale. Appello dai toni forti: «Spero che Renzi abbia uno scatto da leader», perché altrimenti «rischia di essere il protagonista di una delle peggiori crisi che il paese abbia mai avuto», con la «impossibilità di far nascere un governo».

Timore che il leader del Pd aveva liquidato, qualche giorno fa, escludendo un rischio «instabilità». Renzi però sa che la partita della legge elettorale può diventare, in autunno, assai insidiosa per lui. Sa che partirà un pressing generalizzato, che comprenderà pezzi del suo partito (da Franceschini a Orlando a buona parte dei gruppi parlamentari); i vari partitini della sinistra, da Bersani a Pisapia; gli ex pezzi da novanta del centrosinistra come Romano Prodi e Enrico Letta. Persino il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che più volte ha richiamato alla necessità di modificare l'attuale inguacchio elettorale cucinato dalla Consulta. Tutti mano nella mano con Berlusconi, per reclamare il premio di coalizione. Il Cavaliere, in subordine, mette sul tavolo anche la ripresa del famoso sistema tedesco, naufragato in aula alla Camera (grazie alla guerra tra le correnti grilline) nonostante il patto tra tutte le principali forze politiche. L'interesse di Berlusconi ad avere una delle due leggi elettorali è chiaro: col premio alla coalizione potrebbe presentarsi alleato con la Lega salviniana ma senza la camicia di Nesso del listone unitario (visto che attualmente il premio di maggioranza viene attribuito alla lista che superi il 40%). E con il tedesco ognuno corre per sé, e Forza Italia potrebbe tenersi le mani libere sulle alleanze post-elettorali.

L'interesse di Renzi ad impedire entrambe le ipotesi è altrettanto chiaro, come spiega un colonnello dem: «L'attuale sistema elettorale ci conviene per due motivi: intanto, perché schiaccia Berlusconi su Salvini e permette al Pd di presentarsi come unico argine ai populismi, come ripete sempre Matteo». E poi perché il sistema vigente ha uno sbarramento altissimo al Senato: l'8% regionale, che si abbassa al 3% solo per i partiti coalizzati, e dunque «costringerebbe Pisapia, se non vuole essere tagliato fuori da Palazzo Madama, a fare un'alleanza con noi». Lo stesso vale anche per Alfano: non a caso Renzi sta proponendo questo escamotage a Ncd, in cambio dell'alleanza in Sicilia. E non solo: un accordo con Alfano sull'alleanza al Senato avrebbe l'effetto aggiuntivo di blindare ulteriormente il sistema attuale, facendo mancare i voti centristi ad ogni ipotesi di modifica.

Alla ripresa autunnale, comunque, il Pd si dirà disponibile a lavorare sulla legge elettorale, in ossequio anche alle richieste del Quirinale. Contando sul fatto che sul premio di coalizione ci sarà la strenua opposizione di Cinque Stelle, «e nessuno si prenderà la responsabilità di forzare su una riforma non condivisa in fine legislatura», spiega un dirigente renziano, che definisce l'ipotesi premio di coalizione «fuori gioco». E «altamente improbabile» anche il ritorno sul tedesco, visto che i tempi parlamentari saranno strettissimi: a metà ottobre si apre la sessione di bilancio, con relative fibrillazioni in maggioranza. A novembre c'è il voto in Sicilia. Sempre in autunno, il Pd renziano vuole tornare alla carica sullo ius soli. E alla Camera, dove sulla legge elettorale esiste il voto segreto, il rischio di agguati (ad esempio sulle preferenze) renderebbe l'«operazione tedesco» una sorta di roulette russa.

Commenti

leopard73

Mar, 08/08/2017 - 09:03

QUESTO BABBEO OGNI GIORNO UNA NEW DIVERSA A SECONDO COME GLI GIRA E STIAMO ANCORA AD ASCOLTARLO IL BISCHERO CIARLATANO.

incomprensibile

Mar, 08/08/2017 - 09:06

Renzi CONIGLIO

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Mar, 08/08/2017 - 09:20

Ma non erano amiconi? e il Renzusconi che fine ha fatto? Attendo impaziente i commenti di quelli con la camicia verde e l'elmo con le corna..

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 08/08/2017 - 09:20

renzi e il PD si assumeranno tutta la loro responsabilità, non come hanno fatto 5 anni fa, quando sono sfuggiti alla responsabilità di far cadere Berlusconi con questi guasti che ora stiamo pagando il conto stratosferico!!!

Aprigliocchi

Mar, 08/08/2017 - 09:22

L'ex premier va rottamato !

luigi1947

Mar, 08/08/2017 - 09:35

Caro matteo, può rigirare la frittata come vuoi, ma la batosta del PD è assicurata. bene che vada avrete il 15 % dei voti, equivalente al numero di Italiani che hanno disturbi mentali. e se insisti con lo ius soli i voti si riducono al 10 %. auguri !

Fab73

Mar, 08/08/2017 - 09:39

Tanto per capire: il ladro di Arcore ha paura che qualcuno lo surclassi come "protagonista di una delle peggiori crisi che il paese abbia mai avuto"???? Ma tranquillo!!! Peggio di lui è impossibile!

ilpassatore

Mar, 08/08/2017 - 09:42

Leggendo l'articolo,che trovo ottimo, mi viene schifo.Massimo impegno per il potere e minimo impegno per il paese,tanto da farmi venire la voglia di avere al potere un dittatore democratico che ami il popolo e che sia inflessibile dal piu' piccolo al piu'grande reato.Senza ordine e disciplina l'Italia non cambiera' mai.saluti

Klotz1960

Mar, 08/08/2017 - 10:08

Il Giornale fa da megafono a Renzi. Vergogna.

Popi46

Mar, 08/08/2017 - 10:31

Tanto Renzi si è fatto fuori da solo. Tra parole,parole,parole e deboli fatti,con i nemici interni che vogliono farlo fuori,senza più la disponibilità di Berlusconi dopo la rottura del Nazareno,dove pensa di andare? Oppure crede che gli italiani siano così soddisfatti della sua gestione da rivotarlo a furor di popolo?

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Mar, 08/08/2017 - 10:32

Fab73..il Leader di Forza Italia,Silvio Berlusconi, non e' più in carica dal 2011, a causa del colpo di Stato organizzato da Napoletano in combutta con i massoni globalisti.. il paese e' ha iniziato a collassare prproprio da allora )controllare le statistiche prego!).. l'unica cosa che il Cazzaro iinsieme ai Monti e Letta e' riuscito a rottamare e' questo povero paese..e il tutto avendo media, magistratura e apparato di stato a proprio favoe..UN RISULTATO INARRIVABILE PER CHIUNQUE!

INGVDI

Mar, 08/08/2017 - 10:37

Con grande dispiacere di Berlusconi.

mnemone44

Mar, 08/08/2017 - 10:37

Il commento delle 09.39 è sicuramente di un alieno ripartito nel 2011 per tornare al suo pianeta natale e ritornato ieri sulla Terra.Il guaio è che nessuno lo ha aggiornato sugli avvenimenti dei sei anni trascorsi mentre era altrove.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mar, 08/08/2017 - 10:48

Con il PD nessun patto. Si proceda per spallate ellettorali anche mediante campagne elettorali aggressive e politicamente scorrette. Poi, conquistato il parlamento, si faccia una legge elettorale che metta fuori gioco la sinistra per i prossimi cent'anni; tanti ce ne vorranno per riparare tutti i danni che hanno fatto.

Ritratto di bgtony

bgtony

Mar, 08/08/2017 - 10:56

Ma non doveva andarsene se perdeva il referundum ? MMMMMM

ziobeppe1951

Mar, 08/08/2017 - 11:15

Raddrizzolecorna...in politica..mai dire mai ..c'è sempre tempo per i ravvedimenti..dipende sempre da quello che il piatto offre

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 08/08/2017 - 11:21

Sa di perdere, allora crea il caos, l'ingovernabilità, dando poi la colpa agli altri, lasciando comunque un debito enorme e la nazione allo sbando, con tanti soldi da pagare in qunato ad accordo presi precedendemente scientemente, tipo assunzione nuovi insegnanti (con tutti quelli che sono in sovrannumero) oppure per metterne 4 in ogni aula (tanto parlerà uno solo).

xgerico

Mar, 08/08/2017 - 12:05

Il bello è che "notizia" del genere la leggi solo qui! Neanche Renzi sa di aver parlato, in merito!

handy13

Mar, 08/08/2017 - 12:38

...è EVIDENTE che Renzi NON farà nessuna legge che porti ad un governo, così il presidente chiamerà Lui uno di fiducia della sinistra a provare a fare una maggioranza....

agosvac

Mar, 08/08/2017 - 12:40

Renzi non riesce a capire una cosa che ormai hanno capito tutti: è finito!!! Ha commesso troppi errori e a causa di questi errori ha contribuito a portare l'Italia alla rovina. Ma davvero spera che ci sia qualcuno che lo possa votare dopo tutti i disastri che ha fatto????? C'è di più: tutti sanno che il Governo barzelletta Gentiloni è solo la prosecuzione di quello renzi. Per cui renzi dovrà rispondere dei danni fatti direttamente e di quelli fatti indirettamente dal governo gentiloni!!!

roseg

Mar, 08/08/2017 - 12:58

fab73 09,39 tanto per capire, tu fino ad ad oggi dove hai vissuto...a mirabilandia???

Ritratto di ElioDeBon

ElioDeBon

Mar, 08/08/2017 - 13:18

Lui decide??? ah ah ah ah il RenConiglio delle fiabe! Incredibile! Andiamo a votare e il verme sparirà' per sempre>

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 08/08/2017 - 13:29

RaddrizzoLeBanane mi consenta, ma CHI appoggiava il governo monti e il governo letta? E CHI ha proposto nel 2013 e appoggiato la rielezione del vecchio comunista napoletano? Forse noi con la camicia verde? Non mi sembra! Quindi sulla completa rovina dell'Italia, che lei giustamente imputa a monti, letta e al vecchio bolsceviko, un minimo di responsabilità ce l'ha anche qualche "azzurro" che li ha appoggiati e votati. Tanto per non dimenticare...

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Mar, 08/08/2017 - 13:59

wilegio..ti ricordo che l'alternativa a Napoletano si chiamava Stefano Rodotà..ai tempi l'infame si presentava come figura istituzionale "migliorista" e certamente più garantista del macellaio amico di Travaglio..il meno peggio insomma..purtroppo inseguito ha mostrato il suo vero volto e ne ha combinate di tutti i colori. Per quanto riguarda l'appoggio al governo Monti..ricordo che eravamo nel mezzo della crisi del 2011 e la scelta di non andare ad elezioni fu un gesto di responsabilità..sostenendo un governo di un tecnico venduto dai media come capace e "apprezzato" a livello internazionale..come nel caso di Napoletano però anche Monti dimostrò la sua incapacità a governare e la sottomissione ai burocrati di Bruxel..e coerentemente Forza Italia fece cadere il governo..si tratta di storia politica!

Libero 38

Mar, 08/08/2017 - 14:42

Il clown di rignano non finisce mai di fare il pagliaccio. Come dire chi nasce tondo non morira' mai quadrato.Lui e la sua banda di quaquaraqua P-iDioti si sono montati la testa al punto di credere che solo loro hanno il diritto di decidere cosa fare in italia.

swiller

Mar, 08/08/2017 - 17:04

Vai a casa buffone parassita incompetente essere inutile scherzo della natura.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 08/08/2017 - 17:57

RaddrizzoLeBanane no, non passa! Il colpo di stato era avvenuto due anni prima, quindi lo si sapeva benissimo chi era (e chi è ancora) il vecchiaccio. Chiunque sarebbe stato meglio di lui. Quanto a monti, anche lì era tutto previsto e prevedibile, e comunque perseverare (con letta) è diabolico! La crisi del 2011 non è mai esistita, di fatto, ma era solo una bolal speculativa, alla quale uno con le palle al loro posto si sarebbe potuto e dovuto opporre. Il problema era che aveva altri interessi da difendere, interessi per i quali era ricattabile... cosa che poi puntualmente avvenne.