Berlusconi schiera un pool di legali per potersi candidare

L'ex premier punta sul verdetto della Corte Ue contro la retroattività della legge Severino

Un gruppone di avvocati, quasi uno per ogni paese dei giudici chiamati a decidere. È questa l'ultima task force legale di Silvio Berlusconi, quella cui - dopo l'assoluzione nel caso Ruby - il Cavaliere affida le sue speranze di buttarsi rapidamente alle spalle la stagione dei processi e delle condanne. Sono gli avvocati che davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo cercheranno di togliere dalle spalle di Berlusconi la conseguenza più ingombrante delle sue vicissitudini giudiziarie, la decadenza dal Senato e la ineleggibilità per quattro anni in base alla legge Severino. Obiettivo: sentenza, e possibilmente vittoria, entro la fine dell'anno.
L'importanza della battaglia che si giocherà a Strasburgo è schizzata bruscamente all'insù in quei cinquantacinque secondi in cui venerdì scorso il presidente della Corte d'appello Enrico Tranfa ha letto il dispositivo della sentenza che ha assolto con formula piena Berlusconi dalle accuse di concussione e prostituzione minorile. Se la condanna inflitta in primo grado per il Rubygate fosse diventata definitiva, il Cavaliere sarebbe stato estromesso per sempre dalla vita politica. E il ricorso a Strasburgo si sarebbe ridotto a una questione di principio, inservibile per riaprire in concreto a Berlusconi le porte del Parlamento. Invece insieme ai sette anni di carcere la Corte d'appello ha annullato anche la interdizione perpetua dai pubblici uffici. E così il ricorso all'Europa contro la Severino è diventato cruciale.
Con oggi, Berlusconi avrà scontato in affidamento ai servizi sociali i primi tre mesi della condanna a un anno per frode fiscale. All'inizio del prossimo marzo (calcolando lo sconto per liberazione anticipata) avrà pagato il suo conto con la giustizia. E all'inizio di agosto scadranno anche i due anni di interdizione dai pubblici uffici previsti come pena accessoria dalla sentenza per i diritti tv. A quel punto, l'unico ostacolo che lo separerebbe dal potenziale rientro a Palazzo Madama sarebbe la legge Severino, che stabilisce l'esilio dalla politica per i condannati in via definitiva, e che il 27 novembre 2013 ha portato il Senato a votare la sua decadenza.
Il problema, sostiene Berlusconi, è che la «Severino» non poteva essere applicata al suo caso. Trattandosi di una sanzione legata al processo penale, vale per essa il principio generale della giustizia penale: la nuova legge, quando è più severa, non può essere retroattiva. Su questa tesi, il 7 settembre 2013 Berlusconi ha depositato il suo ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo, firmato personalmente: ma a sostegno della sua tesi, il Cavaliere si prepara a schierare un pool multinazionale, scelto tra i massimi esperti europei della materia. Finora il percorso non è stato fortunato: la Corte ha rifiutato la richiesta di esaminare la causa con procedura d'urgenza, e ha rigettato una istanza straordinaria per permettere a Berlusconi di partecipare alle elezioni europee. Ma sono tappe intermedie. La partita decisiva si giocherà quando la Corte affronterà la sostanza del ricorso.
L'obiettivo del folto staff legale è di arrivare ad una decisione entro l'anno. Servirà prima un giudizio di ammissibilità, che appare scontato visto il «sì» già strappato in un caso identico di un candidato molisano di centrosinistra, Marcello Miniscalco. Poi, la battaglia cruciale. Tra i giudici, un solo italiano: Guido Raimondi, vicepresidente della Corte.

Commenti
Ritratto di BrianWagner

BrianWagner

Mar, 22/07/2014 - 14:31

Berlusconi candidato premier !

Ritratto di BrianWagner

BrianWagner

Mar, 22/07/2014 - 14:45

Grazie al rispetto fondamentale reciproco della liberta` abbiamo tra infinite possibilita` quella di candidare Berlusconi alle prossime elezioni . Verso la terra promessa, crediamoci ! Berlusconi candidato premier !

glasnost

Mar, 22/07/2014 - 14:51

E' il solo che può provare a salvare l'Italia dal bla-bla-bla e dalle tasse mortifere dei sinistri.

Gioa

Mar, 22/07/2014 - 14:57

BRAVO ENRICO TRANFA CHE HAI ASSOLTO SILVIO BERLUSCONI. HO SEMPRE SOSTENUTO CHE LE LEGGI NON POSSANO ESSERE RETRATTIVE, ANCHE PERCHE' RITENGO IMPOSSIBILE APPLICARLE PRATICAMENTE. MA COME E' POSSIBILE CHE ESISTA UNA LEGGE E PENSABILE CHE POSSA AVERE I SUOI EFFETTI RETROATTIVI. UN CONTO E' SCRIVERE CHE LA LEGGE SEVERINO E' RETROATTIVA E UN CONTO APPLICARLA. (SE OGGI 22 LUGLIO 2014 UN'IMPUTATO COMMETTE UN REATO, SCIRVO OGGI E NON IERI, COME PUO' ESSERE CONDANNATO CON UNA LEGGE RETROATTIVA?. FRANCAMENTE IN PRATICA NON VEDO REALIZZAZIONE). SE COSI' FOSSE L'IMPUTATO FAREBBE BENISSIMO A RIVOLGERSI A STRASBURGO O ALTROVE PER FARSI CONDONARE UN'EVENTUALE CONDANNA, CHE POTEVA AVERE O ASSOLUZIONE OPPURE RIDUZIONE DELLA PENA PERCHE' IL "PERCORSO GIUDIZIARIO" AVREBBE DOVUTO SEGUIRE L'ITER DELLE LEGGI DEL PERIODO ANTECEDENTE AD OGGI. LA TEORIA E' UNA COSA, LA PRATICA DI TUTT'ALTRA SPECIE. PRIMA LA LEGGE E' TEORICA MA DEVE ESSERE DELINEATA ANCHE PRATICAMENTE. CHE TU SILVIO BERLUSCONI TI DEBBA RIVOLGERE A STRASBURGO PER FAR CANCELLARE UNA LEGGE TEORICA E PER NULLA PRATICA, NON VEDREI LA NECESSITA. MA VISTO CHE IN ITALIA PER I SIGNORI COMUNISTI, PARDON DI SINISTRA, MARCELLO MINISCALCO, LA LEGGE SEVERINO NON E' STATA APPLICATA, A STRASBURGO SARA' PER TE COME PER MANISCALCO. BENE LO SCHIERAMENTO DEL POOL DI LEGALI.POOL DI LEGALI CANCELLATE LE LEGGI CHE IN PRATICA NON PERMETTONO DI REALIZZARE. FORZA ITALIA NUOVA PER REDIGERE UNA GIUSTIZIA SU LEGGI PRIMA PRATICHE POI TEORICHE, IN PARALLELO TEORICHE E PRATICHE. (NON E' UNO SCIOGLILINGUA E' VERITA').

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 22/07/2014 - 15:01

Ci mancava solo questa pensata. Che tragedia! Per la destra, beninteso.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 22/07/2014 - 15:03

#BrianWagner & glasnost. Sarcasmo o...meningite?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 22/07/2014 - 15:08

Candidati, così ci facciamo altre risate. Si è già dimenticato della recente batosta, ma è solo l'inizio.

fiducioso

Mar, 22/07/2014 - 15:24

D'ora in avanti Silvio avrà una rivincita dopo l'altra. La sua unica colpa è quella di essere il più capace ed onesto politico dal dopoguerra in poi. Questo, le mezze cartucce della sinistra non lo hanno mai potuto accettare.

82masso

Mar, 22/07/2014 - 15:40

Gioa... La legge Severino è stata votata da tutti all'infuori dell'Idv, che parla a fare?

Gioa

Mar, 22/07/2014 - 15:52

FIDUCIOSO...PER GLI ONESTI CHE SIANO IMPRENDITORI, POLITICI O SEMPLICEMENTE DIPENDENTI PUBBLICI E' DIFFICILE VIVERE...COME CANTAVA VENDITTI NEGLI ANNI '80:."IN QUESTO MONDO DI LADRI". SE POI AGGIUNGIAMO ALL'ONESTA' ANCHE LA CAPACITA', ALLORA SI' CHE "IL GIOCO SI FA DURA"...TI DEVI DIFENDERE DAI LADRI CHE TI CIRCONDANO. QUESTA E' L'ITALIA CHE NESSUN ONESTO, CAPACE, DI SANI PRINCIPI, VORREBBE AVERE...PER ORA CI TOCCA. VISTO CHE PER SILVIO BERLUSCONI, DA IMPRENDITORE A POLITICO, DI FATTO PER LUI REALIZZARE E' IL "MESTIERE" PIU' FACILE DEL MONDO...NON LO E' PER GLI ALTRI, AVRA' UNA RIVINCITA DOPO L'ALTRA, SONO D'ACCORDO CON TE FIDUCIOSO, PRENDIAMOCI LE RIVINCITE DI SILVIO BELUSCONI CON GIOIA, SI RISPECCHIERANNO SU DI NOI. FORZA ITALIA NUOVA PER UNA RIVINCITA DOPO L'ALTRA PERCHE' E' QUESTO CHE VOGLIAMO: UNITI PER LE RIVICITE E VINCITE FUTURE.

milo del monte

Mar, 22/07/2014 - 15:58

aboliam la severino cosi annulliam anche la sentenza d'appello forza dai...

pinux3

Mar, 22/07/2014 - 17:38

E' proprio GRAZIE ALLA LEGGE SEVERINO che è stato assolto nel processo Ruby, adesso che vuole, la botte piena e la la moglie ubriaca?

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mar, 22/07/2014 - 17:38

Io sono sempre stato accanto al Presidente Berlusconi non per vantaggi personali ma perché convinto assertore dei Valori che hanno caratterizzato la sua discesa in campo con Forza Italia; direte che sono vecchio ebbene confermo e rilancio che, in fondo, ogni età ha la sua bellezza. Grazie a Dio ancora ci sono e spero di diventare bisnonno così saremo tutti felici; già adesso lo sono figuratevi a quel tempo. Ho ascoltato il solito Grillo che diceva che i vecchi hanno votato il nostro Partito; evidentemente non conosce la forza del vecchio lui che di anni ne dimostra più di quelli che ha e che si perde nelle parole come il suo amico Renzi. Confido che siate con me e continuiamo a dare forza alla Destra Italiana. Shalom

gigi0000

Mar, 22/07/2014 - 18:23

Sono stufo di tentare, inutilmente, di far capire talune incontrovertibili verità a troppi poco acculturati, sprovveduti e confusi, ma mi rendo conto dell'impossibilità di far affermare "bianco", per il colore della neve, a chi comunque lo vedrebbe nero, o perlomeno grigio. Eviterò di ripetere che la Saverino non è stata votata dal PdL, ma solo la sua legge delega, ecc. ecc. processi fasulli, condanne invereconde, accuse d'ogni tipo davvero degne di "sarcasmo o meningite", ma che mi sprecherei a fare? Se costoro provassero veramente a mettere sui piatti della bilancia, e con obiettività, i provvedimenti realizzati dagli uni - malgrado le incredibili difficoltà e boicottaggi - e quelli degli altri - anch'essi certamente con molti problemi - vedremmo da una parte abbassarsi totalmente un piatto con alcune decine di risultati e dall'altra giusto il goal della bandiera, col decreto Bersani sulle ricariche dei telefonini. Tempo sprecato, per la faccenda del "chi non vuol vedere e ... chi non vuol sentire."