L'Fmi certifica la ripresa Ma il governo cerca 15 miliardi

Cresce la previsione sul Pil italiano: +1,3%. Eppure la legge di Bilancio non sarà indolore: ipotesi stretta alle detrazioni

La ripresa c'è o almeno così pare. Anche il Fondo monetario internazionale, nell'aggiornamento del World economic outlook ha migliorato le stime sul Pil italiano 2017 di 5 decimi di punto percentuale rispetto ad aprile, portando la previsione di crescita dallo 0,8 all'1,3 per cento. Prospettive migliori anche per l'anno prossimo: l'economia del nostro Paese dovrebbe crescere dell'1% anziché dello 0,8 precedentemente preventivato. La Banca d'Italia nell'ultimo Bollettino economico aveva formulato un pronostico ancor più roseo +1,4% quest'anno e +1,3% nel 2018.

La causa della revisione al rialzo, ha spiegato il capo economista Maurice Obstfeld, risiede nell'andamento superiore alle attese della crescita economica nel primo trimestre. Il trend che dovrebbe proseguire, secondo molti analisti, anche in quello conclusosi a giugno. In tutta la zona euro, ha sottolineato l'Fmi, lo spread con i Bund tedeschi si è «fortemente compresso» in Italia, Francia e Spagna, in virtù della «diminuzione dell'incertezza elettorale e per i segnali di ripresa in rafforzamento». Nel nostro Paese, inoltre, anche la domanda interna ha mostrato un buon andamento. Le notizie positive, tuttavia, finiscono qui, in quanto il divario con Eurolandia si incrementa: l'Italia è praticamente un fanalino di coda con un differenziale di crescita del Pil di 0,6 punti quest'anno e di 0,7 nel 2018.

Certo, il premier Paolo Gentiloni ha messo in evidenza come la revisione delle stime 2017 sia stata molto più generosa di quella di Francia (+0,1) e Germania (+0,2). «L'Italia sale qualche scalino in più», ha commentato aggiungendo che «un Paese che cresce di più delle previsioni è un Paese che può avere una legge di bilancio e un abbassamento del debito più significativi». Insomma, si tratta di «numeri importanti» ma, ha precisato il presidente del Consiglio, «se qualcuno si illude, anche all'interno del governo, che queste cifre producono effetti immediati su questioni come il lavoro, fa bene a toglierselo dalla testa perché quelle cifre sono la premessa per poter affrontare i problemi».

Il riferimento del premier alla prossima legge di Bilancio lascia intendere che le linee guida non saranno modificate. D'altronde, la previsione di crescita sul 2018 fatta dall'Fmi è uguale a quella contenuta nel Def. Per cui non si uscirà dal sentiero già previsto: clausole di salvaguardia (15 miliardi), cuneo fiscale (7,5 miliardi il costo complessivo della decontribuzione per i giovani), investimenti e lotta alla povertà. Tenuto conto che la Commissione Ue si è detta favorevole a concedere flessibilità sulla correzione del deficit e che lo sconto vale tra gli 8 e i 9 miliardi, restano da reperire circa 15 miliardi.

«Sarebbe assai grave se quest'onere ricadesse sulle imprese attraverso un qualunque aumento diretto o indiretto della tassazione», ha messo le mani avanti il presidente di Confimprenditori, Stefano Ruvolo. Un messaggio esplicito in vista della pubblicazione dei risultati della commissione che analizza detrazioni e deduzioni sulle quali il ministro dell'Economia Padoan, vorrebbe risparmiare almeno un miliardo con un conseguente aggravio della pressione fiscale. Ecco perché si pensa di mettere fieno in cascina con le sanatorie 2017. La voluntary-bis, che è andata male, sarà prorogata almeno fino a fine settembre per raggiungere il target di 1,6 miliardi.

Commenti

Maura S.

Mar, 25/07/2017 - 09:10

Che il FMI non ci stia giocando un brutto tiro per convincere il governo (abusivo e incapace) e il presidente del consiglio ( Il bello addormentato) di continuare a ricevere la maramaglia di migranti e distruggere quello che resta del nostro paese???? Con i tempi che corrono non ci sarebbe da meravigliarsi.

lavieenrose

Mar, 25/07/2017 - 09:15

daje de tacco daje de punta un'aiutino alla sinistra il FMI glielo da sempre vicino alle elezioni.

gneo58

Mar, 25/07/2017 - 09:19

ma va ! piu gliene dai piu ne vogliono !

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 25/07/2017 - 09:27

Le cifre risibili dell'FMI in pratica dicono che l'invasione può continuare. Le cose vanno meglio (?) e quindi il resto dell'Europa si sente tranquillo nel dire che l'invasione deve continuare e che gli invasori possono - anzi devono - restare tutti in Italia. Mancano "solo" 15 miliardi? Nessun problema, la sinistra sa come fare: ALTRE TASSE!

Mobius

Mar, 25/07/2017 - 09:34

Non stiamo a contarci balle. Ammesso che il PIL sia davvero in crescita (fino a quando?), ciò accade non per merito del governo, ma nonostante il governo; voglio dire che, con un governo "vero", il PIL sarebbe salito molto di più. Comunque, tranquilli: questa maggiore ricchezza se la papperanno "loro", per foraggiare i privilegi propri e quelli dei cosiddetti profughi.

Marcello.508

Mar, 25/07/2017 - 09:38

In cambio di false valutazioni di tipo economico per i soliti boccaloni fans di questo governo, lo scopo è sempre lo stesso: tenere aperto lo "staRgate" italiano per gli immigrati di qualsiasi genere, altrimenti arrivano le "staNgate" economiche. E il governo abbozza, china la testa e cala le braghe senza un minimo di dignità, non difendendo gli italiani poveri, bisognosi, precari, disoccupati. "Caro" governo, dove avete occultato il sentimento della vergogna? Si, lo so dov'è, ma non lo scrivo perché nonostante tutto amo questa terra sempre più sventurata sotto la vostra sinistrata e irresponsabile conduzione.

Fjr

Mar, 25/07/2017 - 09:46

La famosa ripresa per sentito dire,ma quando smetteranno di raccontar balle,a quelle ormai credono solo loro

Oreste1968

Mar, 25/07/2017 - 10:05

Quando c'è il sentore che la gente è arrabbiata, partono subito i proclami sulla ripresa. Succede sempre così. Ci vogliono prendere in giro.

FRATERRA

Mar, 25/07/2017 - 10:27

TUTTE FESSERIE.CONTINUANO A PRENDERCI IN GIRO.......

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Mar, 25/07/2017 - 10:41

Gli immigrati continuano ad arrivare e le banche in crisi vengono salvate, cos'altro può dire l'FMI se non che va tutto bene? Solo i pidioti si sentono sollevati. Per gran parte dei cittadini, che non vedono risultati, rimangono solo panzane di turno per far abboccare i soliti buonisti.

GVO

Mar, 25/07/2017 - 11:00

La sinistra al comando è la peggiore sventura che ci potesse capitare.... disastri da tutte le parti solo un centro destra forte e compatto può ancora darci qualche speranza, altrimenti sarà la fine di questa povera Italia.

Duka

Mar, 25/07/2017 - 11:30

TUTTE ma proprio TUTTE balle per restare in poltrona. Quello in foto si è dimostrato più ballista del suo ex capo ..e non è cosa di poco conto.

carlottacharlie

Mar, 25/07/2017 - 11:41

Raschieranno il barile dei pensionati e dei servizi,poi l'FMI? Te lo raccomando!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 25/07/2017 - 12:01

Bisognerà comunicare questi dati alle maestranze della Erickson Italia-Genova. Se le conoscessero la smetterebbero istantaneamente di lagnarsi per i licenziamenti via e-mail.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 25/07/2017 - 12:01

Bisognerà comunicare questi dati alle maestranze della Erickson Italia-Genova. Se li conoscessero la smetterebbero istantaneamente di lagnarsi per i licenziamenti via e-mail.

giovanni951

Mar, 25/07/2017 - 12:06

ma tutti questi miliardi che ogni tre mesi ci chiede dove vanno a finire? é dai tempi del governo fallimonti che questa situazione si protrae eppure il debito continua a salire.

Tarantasio

Mar, 25/07/2017 - 12:23

giusto quei 15 mld che si mangiano i clandestini - leggi intervista ad Alberto Brambilla sul Giornale di oggi -

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 25/07/2017 - 12:47

Miiii, è vero...l'ho visto stamattina,guardandomi allo specchio...lu pil cresce eccome cresce

Luisigno

Mar, 25/07/2017 - 15:19

Per ripresa si intende aumenti degli sbarchi?

accanove

Mar, 25/07/2017 - 15:54

...aumenta sempre questa somma .....ci giocano ai cavalli?