L'informazione pende sempre a sinistra. Sparisce perfino "L'Arena" di Giletti

Annunziata raddoppia, Gramellini tutte le sere. E Santoro migra su Raitre

L'unico programma non di sinistra che sarà in palinsesto da settembre è Porta a Porta. Sparisce infatti anche L'Arena di Giletti. Passano i governi, i direttori generali, i segretari di partito, gli editti bulgari, ma alla fine, gira che ti rigira, l'informazione in Rai rimane saldamente in mano a giornalisti culturalmente orientati a sinistra, qualunque sinistra sia. Tutti grandi professionisti, ovviamente, ma la Rai dovrebbe garantire, essendo azienda pubblica, pluralismo ed equilibrio. Richiesta che hanno fatto più volte i consiglieri di area di centro destra, Arturo Diaconale (che infatti ha votato contro l'approvazione dei palinsesti) e Giancarlo Mazzuca, cui è stato risposto che, forse, da gennaio verrà allestito un talk in seconda serata su Raidue più aperto al mondo moderato e di destra. Una promessa fumosa. Dopo la chiusura di Virus di Nicola Porro, è rimasto infatti solo Vespa a non essere schierato. È un mistero la decisione di cancellare alla domenica L'Arena di Massimo Giletti, programma un po' anarchico che non ha si è mai schierato politicamente, ha fatto interessanti e coraggiose inchieste e soprattutto ha una media alta di ascolti. Conoscendo quanto il giornalista ami la sua creatura, è molto difficile che prenderà bene la decisione. A lui sarà chiesto di guidare gli show del sabato sera di musica e intrattenimento. Chissà se accetterà. Mentre l'intero pomeriggio della domenica sarà occupato da un contenitore guidato da Cristina Parodi (con all'interno una rubrica divulgativa di Alberto Angela).

Dunque, in base ai palinsesti approvati ieri dal cda, ecco come si presenterà il settore approfondimento da settembre. Oltre a Fazio, di cui riportiamo ampiamente sopra, che si guadagna grandi spazi su Raiuno, Lucia Annunziata alla domenica pomeriggio su Raitre si vede raddoppiare il suo programma In mezz'ora passando a un'ora intera. Cartabianca di Bianca Berlinguer (che si disse fosse uno dei motivo d'attrito tra Campo Dall'Orto e l'area renziana) mantiene le posizioni in palinsesto sia nella striscia settimanale del preserale sia in seconda serata. Sempre su Raitre arriva da Raidue Michele Santoro al giovedì con i suoi programmi tra teatro, inchiesta e talk.

Su Raidue al posto di Gazebo arriveranno Le storie di Gramellini, dal lunedì al venerdì alle 20,30 e il giornalista manterrà anche lo spazio del sabato sera. La domenica Fazio sarà sostituito da vari programmi come Andiamo a governare.

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 24/06/2017 - 09:00

E' da una vita che è tutta a sinistra. Ma come, siete così intellettuali ed intelligenti che ancora non ve ne siete accorti? Meglio svegliarsi un pò, eh?

lavitaebreve

Sab, 24/06/2017 - 10:16

QUESTI IPOCRITI CHE DICONO DI ESSERE DEMOCRATICI E CHE AMANO LA DEMOCRAZIA INVECE AMANO SOLTANTO LA DITTATURA. OVVIAMENTE SOLO QUELLA COMUNISTA.

Zizzigo

Sab, 24/06/2017 - 10:34

Per i PDini l'informazione è sempre e solo quella di sinistra, quell'altra è propaganda fascista!

blackindustry

Sab, 24/06/2017 - 10:45

E' sufficiente e necessario che tutte le persone di destra e di centro-destra smettano di guardare quei programmi nella maniera piu' assoluta. La Rai vive anche di spot pubblicitari, perderebbe troppo denaro...

Luigi Farinelli

Sab, 24/06/2017 - 10:46

Manca solo un programma sugli effetti del "cambiamento climatico antropico", uno femminista sui "femminicidi" fatti passare per emergenza nazionale e magari, su RAI3, un programma di Storia con prima puntata sulla "Corazzata Potemkin". Molto seguito sarebbe un programma promuovente l'incontro fra Mons. Galantino della CEI e Laura Boldrini per spiegare le magnifiche sorti e progressive dell'Italia invasa dai migranti, un'opportunità che l'Italia non deve perdere (magari con collegamenti con Papa Bergoglio e George Soros). Credo che molto seguito avranno le serate settimanali dedicate a film con protagonisti LGBT mentre per le inchieste, la Ministra Fedeli perorerà l'indispensabilità della campagna in corso nelle scuole per convincere i bambini che masturbarsi è meglio che fare figli e, indossare il genere femminile, o maschile, a seconda de giorni, un'esperienza assolutamente da non perdere sulla via dell'intercambiabilità dei generi.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Sab, 24/06/2017 - 10:52

la RAI fa più ridere di Zelig. i servizi del TG1 fanno impallidire Starace... si consolida la ripresa economica, diminuisce la disoccupazione, aumentano le pensioni, aumenta la fiducia delle famiglie, diminuisce la criminalità....non hanno neanche un minimo senso del pudore

giosafat

Sab, 24/06/2017 - 11:06

La rai può anche chiudere bottega per quel che mi riguarda. Le informazioni, plurime e confrontabili, le trovo sul web e, sarà pure strano, le trovo 'tutte'.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Sab, 24/06/2017 - 11:37

Abbiate fiducia prima o poi tutti questi nuovi e vecchi Anchorman dovranno morire.

Ernestinho

Sab, 24/06/2017 - 11:41

Una trasmissione che diceva la Verità che sparirà per volere politicante!

GiovannixGiornale

Sab, 24/06/2017 - 11:44

Siamo in pieno regime. A questo punto chiunque sincero democratico dovrebbe votare a destra. Anche chi la pensa al contrario.

maumen

Sab, 24/06/2017 - 12:04

Spero che Giletti si sposti su un'altra rete e a questo punto che venga chiuso definitivamente questo inutile carrozzone mangiasoldi .

Anonimo (non verificato)

Tarantasio

Sab, 24/06/2017 - 14:34

Laura Rio, smetti di sdraiarti sul divano di casa davanti allo schermo acceso e vedrai che la vita ti sorriderà...

Ritratto di Nahum

Nahum

Sab, 24/06/2017 - 14:50

Giletti con l'arena faceva uno spettacolino veramente indecoroso... bene che questo,programma sia finito....

ziobeppe1951

Sab, 24/06/2017 - 14:56

La rai è tornata all'informazione del bolscevismo stile Curzi

Fossil

Sab, 24/06/2017 - 15:27

Anche se non si guardano i programmi, il canone tocca pagarlo lo stesso. Qualcosa non quadra...

Libero 38

Sab, 24/06/2017 - 15:43

Che la cricca P-iDiota komunista fosse come i lupi che perdono il pelo non il vizio non lo scopriamo oggi.Non credo che giletti sara' l'ultima vittima scomoda da far fuori.Fin quando gli italiani non decideranno di mandare a casa i governi orchestrati dal kompagno giorgio in rai ci sara' posto solo per gente di fede sinistroide.Per averne conferma basta guardare il Tg 24.

Ritratto di orione1950

orione1950

Sab, 24/06/2017 - 16:44

@farinelli; sono d'accordo!

Anonimo (non verificato)