L'Inps vuole il grande fratello contro i pensionati all'estero

Sono 373mila e costano un miliardo di euro all'anno Il presidente Boeri: "Lavoreremo insieme alle Entrate"

Tito Boeri di nuovo all'attacco dei pensionati che emigrano all'estero, chiede un giro di vite e mette a disposizione dell'Agenzia delle entrate i dati Inps. Dopo l'uscita sul contributo dei migranti alle casse previdenziali, il No ad un allentamento del meccanismo che porterà l'età del ritiro a 70 anni, ieri il presidente dell'Inps ha fatto il punto sulle prestazioni erogate all'estero.

Troppe, molto costose e ingiuste. I dati del 2016 non sono molto diversi da quelli degli anni passati. Le pensioni pagate in «circa 160 Paesi» sono «373.265 per un importo complessivo di poco superiore a un miliardo di euro».

Sono comprese quelle a totalizzazione internazionale. Cioè quelle maturate con versamenti di contributi in Italia e all'estero. Con un bilancio a svantaggio del Belpaese. Più di un terzo delle pensioni ha «periodi di contribuzione» in Italia «molto brevi, inferiori ai tre anni, il 70% ha una contribuzione inferiore ai sei anni e l'83% una contribuzione inferiore ai 10 anni, quindi si tratta di durate contributive molto basse». Lo svantaggio consiste nel fatto che a pagare le pensioni non sono, pro quota, tutti i Paesi che hanno incassato i contributi, ma solo quello dove è maturato il diritto alla rendita.

L'altra anomalia, un cavallo di battaglia di Boeri, il fatto che alcune prestazioni assistenziali, sopratutto integrazioni al minimo, vengono riconosciute anche a residenti all'estero. E questo avviene «senza reciprocità». Cioè gli altri stati non riconoscono queste prestazioni. Poi l'accusa alla misura previdenziale del governo Renzi. La quattordicesima che ha fatto aumentare il pagamento di prestazioni assistenziali all'estero. Quest'anno «la spesa per la quattordicesima a persone che non risiedono in Italia è più che raddoppiata». La cifra fatta da Boeri è in realtà bassa. Siamo passati da «15 a 36 milioni» di euro.

Una presa di posizione molto politica, accompagnata da un pressing sempre più forte per un giro di vite fiscale verso i pensionati che hanno preso la residenza nei Paesi dove è più conveniente incassare la rendita, grazie a un regime fiscale volutamente più favorevole. Boeri dice di volere sviluppare un «progetto di raccolta di informazioni insieme all'Agenzia delle Entrate per aumentare il bagaglio conoscitivo sulla posizione netta, fiscale, dei residenti all'estero e dei percettori di prestazioni Inps, ci possiamo lavorare». Un grande fratello per i pensionati emigrati, insomma.

Durante un'audizione parlamentare ha chiesto alla commissione permanente sugli italiani all'estero un aiuto in questo senso. I parlamentari, insomma, dovrebbero chiedere una maggiore integrazione delle banche dati dell'Inps con quelle del Fisco per fare controlli mirati sui pensionati emigrati.

Un fenomeno in costante crescita da anni. Dal 2003 al 2014 sono espatriati 36.578 pensionati italiani verso paesi come il Portogallo dove possono incassare una cifra pari o poco inferiore al lordo dell'assegno. L'Italia resta poco attraente per gli ex lavoratori Nello stesso periodo ne sono entrati solo 24.857. Attirati dal clima o dallo stile di vita. Sicuramente non dal sistema fiscale che resta uno dei più penalizzanti, come ha ricordato ieri Domenico Proietti, segretario confederale dela Uil. «Sulle pensioni italiane grava la tassazione più alta d'Europa. Nel nostro Paese, infatti, questa è mediamente del 21%, mentre nel resto d'Europa è al 14%». Senza contare il blocco delle rivalutazioni.

Commenti
Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 20/07/2017 - 08:32

Non ho capito molto dell'articolo in merito a cosa Boeri considera com eingiusto e costoso. mentre sui pensionati all'estero , la banca dati serve solo a scovare quelli che non risiedono effettivamente almeno 183 giorni all'anno all'estero, per gli altri nessun problema. Ritengo sia un adiritto ed una difesa per chi percepisce una pensione modesta andare a vivere dove la tassazione è più bassa cosi coemil costo della vita. Il pensionato che vive all'estero ususfruirà dei servizi di quel paese e quindi che senso ha che paghi le tasse in Italia ?

Ernestinho

Gio, 20/07/2017 - 08:33

Ma li lasci stare i pensionati italiani che sono fuggiti all'estero, non li perseguiti anche lì! La maggioranza di essi se ne è andata perché la loro magra pensione non consentiva di vivere in un modo accettabile in Italia, dove l'euro non vale un fico secco! Altrimenti sarebbero rimasti qua. Non è facile abbandonare l'Italia per vivere in un paese straniero, ma ci sono stati costretti!

Oreste1968

Gio, 20/07/2017 - 08:38

Avete regalato soldi a cani e porci, ora ve la prendete con chi ha lavorato ed ha deciso di trascorrere all'estero gli ultimi anni della propria vita.

nerinaneri

Gio, 20/07/2017 - 08:38

...sono d'accordo!...

sbrigati

Gio, 20/07/2017 - 08:40

L'importante è colpire gli italiani che hanno lavorato una vita, ma guai a parlare di toccare le pensioni elargite a piene mani ai politici o ancora peggio ai familiari di immigrati che non avrebbero, in un Paese normale, alcun diritto ad un trattamento pensionistico. Bisognerebbe anche cercare di porre un limite al flusso di denaro che i lavoratori stranieri mandano ai loro paesi e vengono tolti all'economia italiana.

istituto

Gio, 20/07/2017 - 09:07

E per gli extracomunitari che vanno all'estero dopo aver preso la minima da noi con un carico di 20 familiari no vero ?

istituto

Gio, 20/07/2017 - 09:09

Chiediti perché lasciano l'ex bel Paese piuttosto i nostri pensionati...servo di Regime.

frapito

Gio, 20/07/2017 - 09:29

Abbiamo un governo sempre più politicamente DISONESTO. Si protegge e si garantisce di più l'immigrato straniero che l'emigrato italiano. Non si considera per niente che l'italiano fugge dalla GUERRA di una vita economicamente insostenibile a causa di una tassazione violenta e strozzante, vedi ad esempio blocco del ricalcolo, diritto acquisito dopo anni di lotte sindacali ma calpestato disonestamente e senza pudore fino al punto che quando si è parlato di una restituzione legittima qualcuna ha detto (cit.Renzi) "impensabile"!!!

accanove

Gio, 20/07/2017 - 09:30

Ma lasciateli stare, li avete perseguitati e tartassati quando lavoravano, date loro nella stragrande maggioranza una pensione da fame che non permette loro di arrivare a fine mese, questi nell'istinto di sopravvivenza cercano un posto dove finire decorosamente i loro giorni senza finire barboni e voi continuate a perseguitarli. V E R G O G N A T E V I

Cheyenne

Gio, 20/07/2017 - 09:40

boeri è un bullo spocchioso, ignorante e presuntuoso. Si elimini lui invece di vessare chI, con sacrificio, ha raggranellato quattro soldi di pensione perchè qui se no morrebbe di fame. TIPICO DEL PDIOTA

Marcello.508

Gio, 20/07/2017 - 09:40

Boeri fa il "terrorista" ma tra non molto finirà nel posto a lui più congeniale. Diciamo la prossima primavera, anche per "mano" di chi perseguita con questi comportamenti "minacciosi".

giovanni235

Gio, 20/07/2017 - 10:03

Quella di vivere all'estero e ricevere colà la pensione non è forse un diritto acquisito??? Boeri ha ragione quando dice che nell'INPS c'è una grande anomlia:qualcuno deve dirgli che la grande anomalia si chiama solo e soltanto TITO BOERI!!!

gneo58

Gio, 20/07/2017 - 10:06

se qui esistessero condizioni, non dico buone ma decenti, la gente non se ne andrebbe - stato pagliaccio fatti due domande e datti due risposte prima di blaterare ! cosi' non fai che sottolineare tutta la tua nullità, in tutti i sensi.

Ritratto di karmine56

karmine56

Gio, 20/07/2017 - 10:12

Il punto è che quei soldi non vengono spesi in Italia, con detrimento della nostra traballante economia.

ilpassatore

Gio, 20/07/2017 - 10:19

Egr.dott.Boeri, ho cercato,tramite google, gli investimenti sbagliati dell'INPS. Sono rimasto scioccato leggendo l'ennesimo grande tradimento a spese.come al solito, del popolo e lei, anziche' parlare di questo tenta di derubare quelli che per vivere sono fuggiti all'estero.Tuttavia non c'e' da stupirsi- lei fa parte della casta- saluti

Giorgio Rubiu

Gio, 20/07/2017 - 10:20

Ma quelli come me (e non sono pochi) che si sono guadagnati una pensione all'estero ed hanno scelto (maledetta la volta!) di tornare in Italia a godersi la vecchiaia e di spendere i soldi della loro pensione estera qui, all'INPS e al Fisco gli stanno benissimo, vero?

Ernestinho

Gio, 20/07/2017 - 10:21

Meno male che, almeno su questo argomento, i commenti sono unanimi! W i PENSIONATI!

Ernestinho

Gio, 20/07/2017 - 10:22

Boeri, vattene pure tu all'estero, e per sempre! Di lì controllerai meglio!

Ernestinho

Gio, 20/07/2017 - 10:23

Boeri, vattene pure tu all'estero, subito e per sempre. Da li controllerai meglio!

Michele Calò

Gio, 20/07/2017 - 10:25

Boeri è un cialtrone peggiore della Fornero. Terrorizza chi cerca di sopravvivere con una magra pensione dopo una vita di lavoro ma non parla delle parassitarie rendite concesse agli sloveni ex titini, agli arabi ed africani ed alle loro famiglie ,allo scandaloso regime pensionistico dei dipendenti INPS, all'esercito di sindacalisti che si sono moltiplicato il vitalizio, alle migliaia di rivoli dove i soldi spariscono per corruzione interna. Questo Boeri è un criminale!

Ritratto di orione1950

orione1950

Gio, 20/07/2017 - 10:48

con la speranza che sia pubblicato.Dite a proietti che é male informato; io vivo in Francia é la mia pensione, tassata in Italia, ha una ritenuta fiscale pari al 30%. Dite anche a quella m.. comunista di boeri che é ingiusto pagare le tasse in un paese dove non si risiede. I servizi di cui godo in Francia non sono certo pagati con le tasse che verso (anzi che si trattengono con la forza) all'Italia. Lo capiscono questi che la tassazione italiana sui pensionati AIRE é un furto? e che loro sono dei ladri? Lo sanno, che con tutte le tasse che pago, non ho assistenza sanitaria all'estero e neanche in Italia? (petizione UE n°0119/2017) Gli immigrati hanno quello che non ho io, perdippiù, tartassato (pago le tasse anche in Francia)!!

Vigar

Gio, 20/07/2017 - 10:53

Questo boeri, entrato nella cerchia degli onnipresenti (con boldrini e bergoglio),non passa giorno che non se ne esca con qualche uscita da far tremare i polsi a pensionati e pensionandi. E nel far ciò sorride sadico e furbetto....Ma che sia una malattia virale contratta alla Bocconi? Di questi geni che hanno rovinato il paese ne abbiamo le palle piene, a comiciare dal loro capostipite monti...Una ragione in più per ringraziare "l'emerito", ora in vacanza in montagna...

cinico47

Gio, 20/07/2017 - 10:59

Forse Boeri non sa che agli italiani pensionati che vivono all'estero è stata tolta l'assistenza sanitaria europea (che non viene data neppure dal Paese di residenza) e che nei periodi che trascorrono in Italia hanno un'assistenza ridicola, che prevede solo pronto soccorso e medico di base. Devono quindi pagare di tasca propria visite specialistiche, esami di laboratorio e con macchinari, ricoveri ospedalieri, medicinali a prezzo pieno (non hanno più diritto al ticket). Con la conseguenza che devono stipulare assicurazioni private. Un bel risparmio per le casse dello Stato, no?

vinvince

Gio, 20/07/2017 - 11:08

Se gli italiani scappano all'estero, ci sarà un motivo... ci saranno dei responsabili di queste fughe ???

tosco1

Gio, 20/07/2017 - 11:10

Dovrebbe essere chiaro all'INPS, e se non lo e' diventa preoccupante, che , di massima, all'estero ci sono 3 tipi di pensionati che godono di pensioni italiane.a)gli stranieri che hanno lavorato una vita nel nostro paese, e raggiunta legittimamente la pensione, se ne tornano a casa loro.b)gli italiani che, avendo legittimamente la pensione ,vanno a vivere all'estero per sfuggire alle tasse italiane che li soffocano. c) i familiari degli extracomunitari che lavorano in Italia, che,dopo la ricongiunzione in Italia, richiedono e ottengono la pensione italiana non so per quale diritto, e poi se ne tornano a casa loro a godersela alle nostre spalle. Questo ultimo caso dovrebbe essere quello di cui Boeri dovrebbe preoccuparsi, ma visto l'amore per gli extracomunitari, penso gli sara' sfuggito.

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Gio, 20/07/2017 - 11:14

Io sono d'accordo con Boeri. Poiché mediamente le attuali pensioni erogate agli italiani sono solo parzialmente pagate dai contributi versati e la differenza viene pagata dalla fiscalità generale, un conto è dare questa "carità" nel caso la pensione venga erogata in Italia, dove comunque potrà dare un contributo all’economia, un altro conto è se viene erogata all’estero dove non darebbe nessun contributo alla nostra economia. Secondo me una pensione erogata all’estero deve essere calcolata totalmente solo sui contributi che l’individuo ha effettivamente versato (e quindi sarà decisamente più bassa).

vinvince

Gio, 20/07/2017 - 11:16

L'INPS piange miseria dando colpa a gli italiani , come al solito, perché ci hanno nascosto di aver inserito nella cassa sana dell' INPS, milioni di dipendenti pubblici ( INPDAP ) a cui per decenni non sono stati pagati i contributi !!! Ecco perché adesso mancano i soldi !!!

Ritratto di adl

adl

Gio, 20/07/2017 - 11:24

AH AH AH AH AH Q

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Gio, 20/07/2017 - 11:26

@Orione1950: non sono un espertissimo in materia, ma credo che quanto lamenta lei dipenda dal fatto che non ci siano normative tra Italia e francia per evitare la doppia imposizione. I pensionati che vanno in Portogallo o a Tenerife godono del fatto che l'Italia, se vai a risiedere là, permette che il soggetto venga tassato soltanto in base alle leggi fiscali del paese di residenza...e se questi posti hanno una tassazione più bassa dell'Italia, o addirittura per incentivare l'arrivo dei pensionati esteri prevedano tassazioni bassissime o quasi nulla, Boeri non può farci niente, salvo strepitare tracotante di controlli e sanzioni...

Ritratto di adl

adl

Gio, 20/07/2017 - 11:28

AH AH AH AH Questa si che è da scompisciarsi dalle risate. L'AFRICA HA IL PERMESSO DI VENIRE A SCROCCO IN ITALIA A SPESE DI PANTALONE, e gli italiani che vogliono scapparsene non possono andarsene.......... Alla Bocconi fanno studiare anche che la Ue si fonda sulla libera circolazione di persone lavoro e capitali o nei piani di studio non è più previsto ??????!!!!!!!

Ritratto di orione1950

orione1950

Gio, 20/07/2017 - 11:51

@vinvince;90 sono i miliardi di euro delle casse dell'INPDAP che l'escremento mortadella non versó nelle casse dell'INPS. E' perció che l'INPS é in rosso! I pensionati pdioti dovrebbero ricordarselo quando andranno a votare. @cinico47; ho fatto una petizione alla Commissione Europea (n°0119/2017); é stata accolta e dovrà essere discussa prossimamente.

Ernestinho

Gio, 20/07/2017 - 11:59

"Giorgio_Pulici". Una voce fuori dal coro! Le tasse italiane vengono pagate per i servizi (!!!) forniti in italia! E la gente va all'estero perché l'euro in italia non vale un fico secco a causa dei prezzi dei beni e dei servizi. Abbassino i prezzi in generale, migliorino i "servizi" ed i pensionati non "scapperanno" all'estero!

Ritratto di orione1950

orione1950

Gio, 20/07/2017 - 12:02

@Andrea B; purtroppo la convenzione Italia Francia esiste. Se non fosse stata modificata dall'escremento mortadella, gli appartenenti al vecchio INPS non avrebbero dovuto pagare le tasse in Italia. Sono informatissimo sull'argomento e, attraverso un'associazione di pensionati italiani redidenti nei dintorni di Toulouse, mi sto muovendo verso tutti gli organismi francesi ed europei.Nel 2011 ho fatto una petizione all'UE (423/2011) e puoi leggere la risposta.

nerinaneri

Gio, 20/07/2017 - 12:11

vinvince: colpito e affondato!...

giovinap

Gio, 20/07/2017 - 12:43

caro boeri , nelle vita non si puo avere tutto , tu vuoi il grande fratello per i pensionati , ma se io ti dicesso cosa vorrei fare dell'inps ti si accapponerebbe la pelle e daresti subito le dimissioni

fabiod

Gio, 20/07/2017 - 13:14

disgraziato, italiani all'estero senza pensione e africani in italia si!!! così che ti piacerebbe??

fabiod

Gio, 20/07/2017 - 13:18

e quanto ci costano? e quanto distruggono la nostra cultura ? l'italia sembra una casbah...BUGIARDO,menti sapendo di mentire

fabiod

Gio, 20/07/2017 - 13:19

probabilmente quelli che pagano sono americani inglesi ,australiani,argentini.......non i profughi!!!! quelli costano e basta!!

jaguar

Gio, 20/07/2017 - 13:29

Ma non capiscono che tanti vanno all'estero perché con la loro misera pensione, rapportata al costo della vita, qui farebbero la fame? C'è bisogno di rubare soldi anche ai pensionati?

agosvac

Gio, 20/07/2017 - 13:45

Boeri mente sapendo di mentire! Quelli che hanno una pensione con scarsi contributi sono solo i migranti fasulli che il Governo del Pd ha premiato. La maggior parte delle pensioni pagate all'estero hanno una ampia contribuzione, sono relative a chi avendo maturata la pensione in Italia se ne va all'estero perché ha maggiori probabilità di vivere con dignità invece di restare in Italia a vivere sotto la soglia della dignità.Boeri mente!!! In un paese serio sarebbe già stato indagato.

Tarantasio

Gio, 20/07/2017 - 13:52

gli extras la ricevono a casa loro, o le loro vedove, dopo 10 anni di contributi...

Sceitan

Gio, 20/07/2017 - 14:07

Questo povero di cervello fornisca all'Ufficio delle Entrate anche il nominativo di SUO Fratello, l'architetto, che ha appena terminato un progetto milionario per conto del Governo Albanese, a Tirana!

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 20/07/2017 - 14:27

La mia pensione di residente all'estero da 18 anni ha una tassazione IRPEF del 38%, quindi Boeri MENTE, perche pur non avendo piu diritto alle cure del medico di base, mi vedo trattenere da Boeri qualcosa come 20 mila €urooo anno tra IRPEF e ADDIZIONALE, ed addirittura essendo gli Italiani residenti all'estero iscritti all'AIRE vedono per legge (una brutta legge fatta nel 92 da un certo Amato) spostato il loro domicilio fiscale a Roma e quindi pagano l'addizionale IRPEF piu alta d'Italia, che per il sottoscritto ad es significa 32 €uro in meno al mese. Boeri stai zitto!!!

rinaldo

Gio, 20/07/2017 - 14:42

al posto di accanirsi sui pensionati che hanno scelto di andare all'estero, accanitevi sulle pensioni d'oro che sarebbe meglio.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 20/07/2017 - 14:43

Caro Giorgio Pulici 11e14, la mia pensione nel 1988 anno in cui ho fatto la domanda dopo 39 anni di contribuzioni quando ne bastavano 35,è stata calcolata col metodo CONTRIBUTIVO, che il governo Dini (prima riforma delle pensoini) fece nel 1997. Quindi io sono tranquillo perche se fosse stato come dici Tu, invece di 4000 €uroo lordi avrei dovuto averne 7.000 visto che il mio stipendio LORDO di dirigente aziendale era di 14 milioni al mese, ma non per l'ultimo anno di lavoro, ma per gli ultimi 10 anni, immaginati quindi quanti contributi ho versato a BOERI il FALSO!!!E tutt'ora pur essendo residente all'estero da 18 anni, continuo a vedermi trattenere qualcosa come 20 mila €uroo anno tra IRPEF e ADDIZIONALE, pur se in Italia non fruisco piu di nessun servizio SANITA compresa. Saludos.

nonnoaldo

Gio, 20/07/2017 - 15:18

Giorgio Pulici, legga bene i numeri sciorinati da Boeri. La stragrande maggioranza delle pensioni erogate a fronte di pochi anni di contribuzioni appartengono sicuramente agli extracomunitari che, dopo aver vissuto e lavorato in Italia per i periodo citati, sono tornati al loro paese dove la pensione maturata ha un potere d'acquisto notevolmente superiore al nostro.

accanove

Gio, 20/07/2017 - 15:27

a @VINVINCE non sia disfattista, quando nel 2013 il caro MONTI rifilò la passivissima INPDAP all inps il bandito che allora ne era a capo MASTRAPASQUA fece presente a SACCOMANNI di essere già in passivo e che quella ulteriore passività l'avrebbero retta per un massimo di 3 anni (2017).IL bandito rosso SACCOMANNI lo smentì sostenendo che non vi fosse necessità di intervento e supporto dello stato. Suvvia se lo ha detto SACCOMANNI del governo MONTI perchè dovremmo smentirlo? Sono entrambi usciti dalla Bocconi (che a parer mio sarebbe meglio mandare un figlio dalle suore ) Piangere a lamentarsi fa male al re ed al cardinale