L'Italia nel mirino: serve una manovra da cinque miliardi

Il messaggio che l'Eurogruppo invia a Roma è chiaro e netto: o il governo modifica la legge di Stabilità (in discussione al Senato) o a marzo l'Italia va in procedura d'infrazione. La ricetta di Bruxelles va in due direzioni: correggere il deficit e abbassare il debito. Padoan, però, la vede diversamente: dalla Ue non è arrivata nessuna richiesta di misure aggiuntive. Eppure, nel testo del documento approvato c'è scritto che il nostro Paese nel 2015 corregge il deficit strutturale dello 0,1%, mentre i trattati prevedono che l'intervento sia dello 0,5%. Dopo lo stoccata della Ue, arriva anche la bacchettata dell'Ocse che sale in cattedra per giudicare il sistema previdenziale tricolore e suggerisce di aumentare le tasse sui pensionati e lavorare più a lungo. Secondo l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico la spesa per le pensioni rappresenta il 32% delle uscite statali.

Commenti

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 09/12/2014 - 16:23

da marzo tutto è pronto: IVA al 27% , benzina e diesel allo stesso prezzo con un ulteriore ricarico del 10%, tassa speciale per i fallimenti , tassa speciale sui funerali, e tassa sui fuori usciti ossia quelli che si trasferiscono all' estero: una tassa speciale sull' acqua minerale consumata è allo studio ed una ulteriore tassa sull' acqua consumata nelle toilettes è allo studio. Per evitare malumori invece tutte le amministrazioni locali dovranno assumere almeno 20 addetti indirizzati a lavori di scrivania con stipendi minimi di 1200 euro al mese e comuni con meno di 20 abitanti dovranno ospitare cittadini ROM e migranti in grado di costituire costi di almeno 100 mila euro annui: costori saranno incaricati di causare sporcizia ovunque in modo che il comune possa assumere netturbini in grado di ripulire i centri in questione... e cosi via... . Renzi oramai non dorme piu di notte solo per cercare come aumentare le spese e forse, con poco sforzo, ci sta per riuscire.

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 09/12/2014 - 17:15

tutti sapevamo di questa manovra prevista a marzo ma ci sconvolge il fatto che al contrario si cominci a prevederla subito: questo governo oramai ha quasi raggiunto quello di Monti ed è evidente che a parte i dipendenti pubblici sta oramai, a furia di clisteri giganteschi, mettendoci tutti in condizione di vivere nella mxxxa: non c'é assolutamente modo di sfuggire a questo fanatico ragazzino che in fatto di parole e di promesse supera addirittura lo stesso Grillo.