Lite tra i grillini alla Camera

Il cortile della Camera dei Deputati diventa un ring per i deputati grillini Vincenzo Caso e Francesco Cariello che arrivano alle mani ma, poi, vengono salvati dai colleghi del Movimento

Il cortile della Camera dei deputati è stato trasformato in un ring di pugilato dai Cinquestelle. I grillini Vincenzo Caso e Francesco Cariello sono arrivati alle mani e, per evitare il peggio, sono dovuti intervenire dei loro colleghi del Movimento.

Caso è esponente dell’ala dei duri e puri, mentre Cariello è su posizioni più moderate, come ricorda la Repubblica che riporta la notizia. Le scintille sono iniziate in Transatlantico, ma lo scontro è avvenuto nel cortile della Camera, dove solitamente i parlamentari vanno per fumare o fare telefonate private. Il primo a notare l’alterco è stato il deputato pentastellato Giorgio Sorial che ha diviso i due parlamentari col proprio corpo, rischiando di scontrarsi con un Cariello alquanto litigioso. Poco dopo arriva anche l’ex capogruppo Federico D’Incà che, sempre in cortile, riunisce alcuni dei presenti e cerca di riportare la calma tra i grillini. Risulta ancora ignoto il motivo del litigio all’interno di un Movimento che, colpa del ‘caso Roma’ e della fine del direttorio, sta attraversando un periodo turbolento.

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 06/10/2016 - 15:48

Peccato li abbiano fermati... ora esplusione per entrambi e via a cercare un lavoro.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Gio, 06/10/2016 - 16:56

Dilettanti. Non capiscono che fanno il gioco degli altri. Li sbatterei fuori solo per quello. Pensano che passione politica sia sinonimo di violenza, se non ci arrivi a parole e concetti forse è meglio che cambi mestiere.

Ritratto di marione1944

marione1944

Gio, 06/10/2016 - 17:31

Che problemi ci sono? Buttateli fuori tutti e due e senza rimpiazzarli con altri. Due in meno da pagare per i contribuenti (leggasi popolo italiano).