L'iWatch non deve sostituire l'unico gioiello da uomo

In difesa dell'orologio (quello tradizionale)

Ci sono delle cose che agli uomini non sono proprio permesse. Una di queste è indossare gioielli: men che mai braccialetti. Certo, se fate il dj, qualche anello ve lo potete pure permettere. O se siete il capo della Lega con un passato un po' sinistro, i più indulgenti vi possono perdonare qualche residuato gitano, del tipo orecchino. Ma, in assoluto, il braccialetto è come il buon appetito al tavolo dell'eleganza: vietato.

Solo un'eccezione era concessa alla vanità maschile: l'orologio. Non si tratta tecnicamente di un gioiello, ma di fatto ne era un ipocrita succedaneo. Tanto che la sua funzione, che poi resta quella di dirci che ore sono e magari in che giorno dell'anno e della settimana ci troviamo, sta diventando residuale. Quei maledetti cellulari con stampigliata sulla schermata data e ora rappresentano una bella concorrenza: non ancora al polso, ma pur sempre in tasca. Gli orologi sono un modo per dare sfogo a tutta la compressa voglia di lusso luccicante che continuano ad avere i maschietti. Un «Grand complications» della Patek Philippe, dice la réclame, è per sempre. E per pochi, aggiungiamo noi. Visto il prezzo. Un «Paul Newman» autentico, inteso come Rolex, non come una stangata, viene battuto alle aste a più di 100K, come dicono quelli per cui l'unità di misura non è più il semplice migliaio, bensì le decine o centinaia di migliaia. E i Lange & Söhne? Mettete voi a piacimento le dieresi giuste, visto quello che costano questi gingilli della tecnologia svizzera.

Insomma, i gioielli gli uomini li avevano, e si chiamano orologi. Valgono non tanto per il materiale in cui sono fatti (certo il platino, poco appariscente, può sembrare acciaio, è apprezzato), ma per la straordinaria purezza e complicazione meccanica con cui sono fatti. Erano rimasti solo quelli.

Il rischio è che finiscano anche loro. The end . Come le cipolle di fine Ottocento che oggi praticamente te le tirano dietro (si fa per dire), nonostante le loro complicazioni. Basta vedere una delle ultime aste di Christie's o Sotheby's, tra i più forti nello smerciare orologi di razza, dove le vecchie cipolle dei nonni sono relegate nelle ultime pagine e per di più (con rare eccezioni) per pochi K, nonostante il loro valore storico.

Per colpa di questi dannati smart watch, tipo quello della Apple rivelato lunedì, i tradizionali orologi da polso rischiano in un futuro prossimo di diventare come i loro antenati: buoni per una piccola nicchia di passatisti. I Patek come i telefoni grigi con il disco numerico? Per carità, speriamo di no. Ma i collezionisti tremano. Questi smart watch fanno tutto: dal misurare la pressione a calcolare la bontà dell'aria. Maledetti. Sono sempre connessi con il telefonino, che è sempre connesso con milioni di altre persone che sono a loro volta connesse in una ragnatela di connessioni che valgono gli intrecci del più raffinato cinturino della Rolex. E il nostro Vacheron Constantin? Noooo! Il Vacheron che viene abbandonato in un cassetto, e neanche di sicurezza, per un Samsung.

Commenti

roseg

Gio, 12/03/2015 - 13:46

Non tutto il male arriva per nuocere...il polso distinguerà la classe dall'IDIOZIA.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 12/03/2015 - 13:50

Non credo che l'eleganza di un IWC or Jaeger possa essere surclassata da un aggeggio in plastica con i colori e le rotelle disegnate su un display... la moda sicuramente sarà pure questa ma gli orologi resteranno. Si guardi cosa è successo con i dischi al vinile, sono vivi più che mai! Il CD è morto nel frattempo per dar spazio ai file digitali, ma i vinili no.

schiacciarayban

Gio, 12/03/2015 - 14:23

Non definirei questo prodotto un orologio, mi sembra piuttosto alienante, ma qualche pollo alla moda sicuramente se lo comprerà.

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Gio, 12/03/2015 - 15:10

Porro ha perfettamente ragione. Tutta questa maledetta tecnologia ha contribuito a rimbecillire una buona parte del paese. Ormai le persone sembrano automi sempre connessi e comandati a distanza. Attraversano la strada guardando il display dell'iPad senza nemmeno rendersi conto che hanno il rosso, guidano la macchina o baciano la fidanzata mentre spediscono messaggi, camminano per strada inchiodati a quel piccolo schermo dove probabilmente è rinchiuso tutto il loro mondo. Mille volte meglio un bel IWC o un bel Panerai al braccio di un uomo intelligente, che un condensato di tecnologia al braccio di un cretinetti.

Dordolio

Gio, 12/03/2015 - 15:15

Scusate, ma non si sta parlando di un "orologio" ma di un'altra cosa. Il fatto che ci dica che ore sono è un dettaglio marginale. Farà un sacco di altre cose, collegato a iPhone destinato a restare quasi sempre in tasca. Ogni altro paragone (o raffronto) è del tutto ridicolo. Informatevi e documentatevi e lo scoprirete. Se vi interessano lo comprate, altrimenti tenetevi quello che avete e che segna l'ora (e magari solo quella) certamente benissimo.

Dordolio

Gio, 12/03/2015 - 15:15

Scusate, ma non si sta parlando di un "orologio" ma di un'altra cosa. Il fatto che ci dica che ore sono è un dettaglio marginale. Farà un sacco di altre cose, collegato a iPhone destinato a restare quasi sempre in tasca. Ogni altro paragone (o raffronto) è del tutto ridicolo. Informatevi e documentatevi e lo scoprirete. Se vi interessano lo comprate, altrimenti tenetevi quello che avete e che segna l'ora (e magari solo quella) certamente benissimo.

Dordolio

Gio, 12/03/2015 - 15:31

Incidentalmente - lo dico a Porro - Sallusti (visto da me in TV) porta al polso un bracciale di quelli "salutisti" che in simbiosi con il cellulare monitorano le attività fisiche e lo stato di salute. L'"orologio" di Apple farà le stesse cose più moltissime altre. In verità che mostri anche l'ora è l'ultima cosa che mi interessa, anche se sta pure lui al polso.