Lombardia, la Lega si scaglia contro la teoria gender: "Fuori dalle scuole"

Il Carroccio lombardo presenta una mozione per evitare che negli istituti entri il materiale divulgativo gender: "Vogliono inculcare nella testa dei nostri ragazzi idee strane e pericolose"

Anche in Lombardia la Lega alza le barricate contro la teoria gender. Il Carroccio non vuole che nelle scuole lombarde venga "inculcata" una educazione con "idee strane e pericolose".

Sulla scia di quanto già avvenuto a Venezia, infatti, la Lega ha presentato una mozione contro l'insediamento dei gender nelle scuole. "Abbiamo voluto seguire l'esempio del Veneto - ha detto in una nota il capgruppo leghista in Regione Lombardia, Massimiliano Romeo - presentando una mozione analoga a quella approvata a Venezia nei giorni scorsi, per fare in modo che la cosiddetta teoria del gender non venga insegnata nelle scuole lombarde e che il materiale divulgativo relativo a quest'ultima sia ritirato".

Quello che preoccupa la Lega Nord è "quanto accade in certi istituti ad opera di taluni sedicenti educatori che vorrebbero inculcare a forza nella testa dei nostri ragazzi idee strane e pericolose". Queste teorie, infatti, "partono da assunti del tutto opinabili, quali l'incentivo alla masturbazione infantile, il superamento della famiglia tradizionale, vista come obsoleta, e il fatto che l'identità sessuale sia totalmente indipendente dal dato biologico". Anche la Lombardia così potrebbe arrivare a votare una mozione che cerchi di bloccare l'inserimento delle scuole di una teoria da più parti considerata controversa.

Alla Lega ha risposto il Movimento Cinque Stelle, affermando che "la teoria gender non esiste e pertanto non può neanche essere introdotta nelle scuole". Secondo il consigliere regionale grillino Iolanda Nanni, la Lega "affonda il suo ventre molle nel più becero pregiudizio rischiando, con queste mistificazioni, di alimentare il clima di odio omofobico che serpeggia in certe sacche della società".

Commenti
Ritratto di Zaakli

Zaakli

Gio, 03/09/2015 - 19:42

Se la diversità viene vissuta in modo discreto e rispettoso passi, del resto è legittimo che ognuno nella propria camera da letto e fra le proprie mura faccia ciò che vuole, ma ostentare e addirittura farla passare per "normalità" è troppo e contraddice anche la realtà della natura che se cosi fosse sarebbe già estinta, eheheh!!! I bambini devono avere dei modelli "oggettivamente" naturali altrimenti veramente e l'inizio... della fine. Senza generalizzare, noto che sovente certi adulti vivono lo scotto del aver avuto esempi fuorvianti; anche semplicemente madri troppo forti caratterialmente e padri all'opposto. E' anche vero che la natura, talvolta, scherza... ma son solo scherzi!

Anonimo (non verificato)

Gio, 03/09/2015 - 19:55

concordo con chi protesta. si spieghi bene cosa sono cromosomi e DNA. Lasciamo stare gli ortaggi di vario genere. questi vanno serviti a fettine e conditi.

vince50

Gio, 03/09/2015 - 20:25

Pienamente d'accordo su tutti i fronti,questi esseri vanno isolati.Non soltanto sono snaturati,ma oltre a questo sono presuntuosi arroganti e altro che preferisco non dire.Che vivano le loro situazioni personali nessuno se ne occuperà,altrimenti per colpa loro saranno giustamente ghettizzati.

gianrenato de g...

Gio, 03/09/2015 - 20:45

e pensare che per non essere contro i suoi amici governativi l'On.le Gigli...che pure presiede il MpV..

Gianni11

Gio, 03/09/2015 - 21:27

La Sinistra e' un'attacco continuo contro la normalita' e l'ordine culturale, sociale, economico e politico. Il loro scopo e' la distruzione sociale. La famiglia e' il loro bersaglio da sempre, e alla fine di levare i figli dai genitori e farli figli dello Stato comunista, senza identita', neanche sessuale. L'ideologia della Sinistra e' nichilista al massimo. Bisogna svegliarsi e riconoscere che la Sinistra e' nemica della civilta' e di tutto quello che e' buono, giusto e normale. La Sinistra non puo' essere considerata parte del contesto civile perche sono nemici di esso. Erano considerati sovversivi esattamente perche lo sono, sovversivi di tutto il normale, che la loro ideologia li porta a dover distruggere. Guai a lasciarli entrare nell'educazione. Ecco i risultati. Fa benissimo La Lega ad fare resistenza. Vergogna agli altri partiti che non difendono i piccoli e i giovani dalle perversioni mentali della Sinistra.

VittorioMar

Gio, 03/09/2015 - 21:29

....speriamo non vendano lasciati soli!!

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Ven, 04/09/2015 - 07:27

Non serve a nulla fare proclami,almeno in questo caso.Basta non firmare il modulo di responsabilità che viene richiesto.Almeno questi cialtroni ci hanno lasciato libertà di scelta.Tutto qui.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 04/09/2015 - 08:24

@Zaaldi@Gianni11- Concordo. Non ho letto la legge di Renzi sulla scuola, ma ho avuto occasione di apprendere la teoria del "gender" che vi è stata inserita "di nascosto". Non c'è spazio per spiegarne qui i contenuti "pericolosi", ma alcuni elementi sono rintracciabili sula rete in modo sufficiente per capirne l'assurdità. Una teoria nata in Svezia, ove evidentemente il sesso "naturale" viaggia su binari diversi da quello praticato. Una teoria rivoltante. Al riguardo appare allucinante la posizione del M5S che nega addirittura l'esistenza della teoria: son direttive di Grillo o di qualche "diverso" di bottega?

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 04/09/2015 - 09:24

Ho cercato su internet ed ho trovato la legge 106 di riforma della Scuola, che nel mostruoso art.1 inserisce il comma 16 dove si parla genericamente di educazione sessuale. Hanno ragione i grillini o vi è uno "strategico" occultamento del progetto "gender", in vista di un suo successivo rilancio? Ai posteri l'ardua sentenza, ma il dubbio è lecito e la prudenza induce a dubitare, soprattutto di Renzi e degli interessati sostenitori della morale traversa svedese.

buri

Ven, 04/09/2015 - 10:37

qcco un'altra strategia per la creazione di una società omosessuale, dove gli eterosessuali saranno segnati a dito e forse rinchiusi in centri di rieducazione, dobbiamo difendere i nostri figli dalle teorie omosessuali

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 04/09/2015 - 11:02

Correggo il numero della legge. Su internet ed ho trovato la legge 107 “sulla Buona Scuola”, che nel mostruoso art.1 inserisce il comma 16 dove si parla genericamente di educazione “alla parità dei sessi”. Hanno ragione i grillini oppure vi è uno "strategico" occultamento del progetto "gender", in vista di un suo successivo rilancio? Ai posteri l'ardua sentenza, ma il dubbio è lecito e la prudenza induce a dubitare, soprattutto di Renzi e degli interessati sostenitori “economici” della morale traversa svedese. Del resto il concetto di “parità dei sessi” può essere rigirato ad libitum dai legulei, fino ad arrivare al “gender” tanto voluto dai sinistri, per ragioni ideologiche e pecuniarie.