L'Ue boccia le riforme: l'Italia resta ad alto rischio

Bruxelles conferma il giudizio negativo sulla nostra crescita e anticipa anche quello sulla manovra

L'instabilità potrebbe fare male all'Italia. Siamo più sensibili di altri alle turbolenze dell'economia perché non abbiamo risolto i nostri problemi: debito e competitività. Per questo il Pil, quindi la nostra ricchezza, potrebbe risentirne. L'analisi per nulla lusinghiera arriva dalla Commissione europea che ieri ha reso noto l'aggiornamento del rapporto sugli squilibri macroeconomici. Una sorta fotografia dei principali indicatori per capire se gli Stati membri sono sul binario giusto e anche un bussola per orientare i giudizi di Bruxelles. Compreso quello di primavera sulla legge di Stabilità italiana che, il commissario Moscovici ha detto di essere a rischio di «non conformità».L'Italia migliora un po', ma è nel gruppo dei Paesi più esposti agli «shock». Per l'esecutivo europeo «la combinazione di elevato livello di debito pubblico e di una tendenza al calo del potenziale di crescita o competitività, è una fonte di preoccupazione in un certo numero di Paesi». Nello specifico, «è il caso dei Paesi di rilevanza sistemica come l'Italia o la Francia, ma anche di economie più piccole come il Belgio». Tutti Paesi dove «aumenta la probabilità di traiettorie instabili debito-Pil e vulnerabilità agli shock avversi».Il debito pubblico dell'Italia secondo le stime di Bruxelles è al 133% del Pil, il livello più elevato dell'Unione europea dopo la Grecia. «Servono politiche fiscalmente responsabili», ha rimarcato il commissario europeo per l'Euro, Valdis Dombrovskis. «La media di deficit di bilancio sta diminuendo, ma in alcuni Stati membri il debito pubblico resta ancora molto alto e deve essere ridotto per rispondere al patto di stabilità».

Sono 18 i Paesi che presentano «squilibri» che la Commissione segnala e chiede di correggere. C'è persino la Germania, per un surplus commerciale troppo elevato. Ma quelli italiani sono più preoccupanti, soprattutto dopo anni di ininterrotta crisi internazionale. Già in febbraio l'esecutivo europeo ci aveva chiesto «azioni decise» su debito e competitività. La situazione non è cambiata. «Nella classifica aggiornata sono diversi gli indicatori che oltrepassano le soglie indicative, in particolare perdita di quote di export, debito, disoccupazione e aumento di quella giovanile». Bassa produttività e inflazione, finanziamento al sistema produttivo in continuo calo. Disoccupazione ancora troppo alta.Niente di nuovo, se non fosse che l'Italia è in attesa del giudizio sulla legge di Stabilità. Sul fronte dei conti, il richiamo sul debito potrebbe aiutare chi a Bruxelles non vorrebbe darci i margini di spesa in deficit che il governo ha chiesto, sfruttando al massimo (e anche un po' oltre) gli spazi offerti dalle regole europee. Il nodo competitività rafforza i mal di pancia europei sulla riduzione fiscale che parte dal mattone, invece che dal costo del lavoro. Roma dovrà lavorare ancora molto per ottenere il via libera alla legge di stabilità in primavera.La Commissione dà praticamente per scontato un giudizio negativo. Che potrebbe comportare il rischio di una manovra correttiva. «Crediamo sia a rischio di non conformità nonostante la ripresa e le riforme, e ci siamo dati appuntamento alla primavera per vedere fino a che punto possa beneficiare di flessibilità supplementare», ha confermato ieri il commissario agli affari economici Pierre Moscovici. Un'ipoteca sulla manovra di Renzi.

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 27/11/2015 - 08:52

ma come i conti non erano a posto? Che manica di bleffatori. Quei miliardi spesi per l'immigrazione estingui il debito. Non offendetevi se vi chiamiamo incapaci e buffoni. Ci sono anche centinaia di migliaia di statali e che sono nelle amministrazioni che sono in esubero, visto che pochi impiegati fanno quello che gli altri non fanno perchè si assentano. Si parla spesso di assenze per malattie fatte ad inizio e fine settimana, quindi cosa si aspetta ad eliminare la retribuzione nei giorni di malattia? Se ritiene che quei giorni di malattia siano lesivi economicamente, al rientro recupera le giornate distribuendole in ore aggiunte nell'arco dell'anno. Ma poi con tutti i disoccupati non saranno poche giornate a mettere in crisi una famiglia, o si adegua o recupera.

ccappai

Ven, 27/11/2015 - 09:35

do-ut-des mi sembra evidente che tu per vivere rubi o truffi o evadi loe tasse. Sicuramente non hai mai lavorato!

fcf

Ven, 27/11/2015 - 09:37

Cosa ci si poteva aspettare da un governo di "sinistri" ?

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Ven, 27/11/2015 - 09:42

Ma ancora una volta Renzi e il governo vengono smascherati ,lui ci viene a raccontare che mette un miliardo la,4 miliardi su, 500 milioni a i diciottenni e via a raccontarcela, 80 euro mensili per i poliziotti etc ect. Ma non ci dice dove li ha questi quattrini, allora se non aumentata le tasse sono tutte Balle che raccontano.

glasnost

Ven, 27/11/2015 - 09:49

Le chiacchiere ed i tweet dei boy scout possono prendere in giro gli italiani beoti, ma la guerra e l'economia vanno affrontate con scelte REALI. E' per questo che quando il gioco diventa duro si vede chi fa qualcosa e chi "ciurla nel manico". Governo fa qualcosa prima che sia troppo tardi (o è già troppo tardi?)

rebenini

Ven, 27/11/2015 - 10:03

Pensavo che Renzi fosse diverso dai soliti comunisti che non avendo la minima idea di come funziona l'economia libera, sanno solo tassare la classe produttiva. Ora è chiaro che anche lui non farà nulla per togliere i privilegi della classe politica a cui appartiene e non mi riferisco al solo stipendio e vitalizio della casta, ma soprattutto alle migliaia di enti inutili o partecipati che garantiscono una caterva di posti inutili e favolosi a politici, politici trombati e amici dei politici. Solo tagliando qui si potrebbero trovare miliardi per far ripartire veramente l'economia, ma poi questi politicanti dove li troverebbero i voti ed il sostegno economico?

vince50_19

Ven, 27/11/2015 - 10:08

Il noto affabulatore toscano, amante degli aforismi e delle citazioni (aforismatico - citazionista) per le proprie comodità, ha detto e ripetuto più volte "L'Italia va", senza però precisare dove. Stando a quanto riportato in questo articolo pare che il w.c. sia sempre più vicino, fra debito pubblico in aumento (2.275 mld di euro), giustizia lumaca, l'evasione fiscale a 275 mld. di euro, 3,5 mln di lavoratori precari, 3,16 mln di disoccupati, 244mila furti nelle abitazioni di cui quasi 5mila risolti (bello, no?), 27mila detenuti in attesa di giudizio, debito pro capite di 36,3 mila euro in crescita etc. etc. E ha pure il coraggio di aprir bocca? CE ne vuole di coraggio misto a arroganza e sprezzo della gente ITALIANA che soffre.

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 27/11/2015 - 10:08

Con quella massa di IDIOTI-LECCHINI CHE ABUSIVAMENTE, CI GOVERNANO, cosa dobbiamo aspettarci ???

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 27/11/2015 - 10:16

"L'Italia non è più il problema dell'Europa"...e via farneticando. Ricordate le sparate del pupazzo eterodiretto? Le bugie hanno le gambe corte e le fregnacce non volano al di sopra delle Alpi.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Ven, 27/11/2015 - 10:26

Nessuna novità! La politica degli annunci prosegue a gonfie vele, ma la realtà va in direzione opposta. Si tratta soltanto di un altro indice per misurare il valore della nostra classe dirigente.

linoalo1

Ven, 27/11/2015 - 10:56

Ma cosa dice mai questa Europa!!!!A sentire Renzi ed il suo degno compagno di viaggio,Padoan,l'Italia ,grazie a loro,si sta rissollevando!!!!Chi mai sbaglierà????Da quanto si vede finora,sbaglia sicuramente Renzi!!Allora,cosa aspettiamo a mandarlo a casa??Aspettiamo,forse,che la situazione diventi irreversibile??Le opposizioni,dove sono????Anche loro,come tutti gli altri Partiti,sono solo capaci di parlare????Credo bene che gli Italiani siano schifati dalla Politica e che se ne allontanino sempre più!!!!!!

unosolo

Ven, 27/11/2015 - 10:57

parliamoci chiaro non sono riforme ma solo finanziamenti allo Stato ipotetici , finanziamenti sul domani sempre se rientrano , nel mentre si regalano soldi nel parassitario e si sostituiscono i dirigenti con dirigenti amici o di partito o almeno vicini e fedeli . come abbiamo assistito in tutti i vertici sostituiti con soli amici .,.,comunque tutti disposti a recuperare soldi fermi o destinati da anni alla sanità e sicurezza spostandoli nel parassitario.,.,quindi non da fiducia .

Rossana Rossi

Ven, 27/11/2015 - 11:04

Ma come? Il pifferaio abusivo e il suo degno compare padoan, pure abusivo, gracchiano che tutto va a gonfie vele.........in che mani siamo!!!!!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 27/11/2015 - 11:17

Se ne sono accorti anche a Bruxelles che i nemici di Berlus sono una cricca di ballisti, completamente privi di credibilità.

amedeov

Ven, 27/11/2015 - 11:30

Ma l'Italia non era ripartita alla grande economicamente? Forse il puffo fiorentino gioca a fare il boy-scout dove,per economia,s'intende lo scambio delle caramelle.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 27/11/2015 - 11:50

Il PIL è aumentato per l'addizione degli stipendi dei parassiti da voto di scambio assunti nella PA dal piccolo ballista fiorentino. Inoltre le attività produttive vanno a diminuire perché "l'industria turistica" dei 37 euro è l'ennesima illusione perché quando le orde boldriniane leveranno le tende, gli alberghi saranno conciati da buttar via... a cominciare dalla reputazione turistica.

Iacobellig

Ven, 27/11/2015 - 12:26

BUFFONI AL GOVERNO CHE PRENDONO SOLO IN GIRO GLI ITALIANI E I PAESI STRANIERI CON LE LORO ALCHIMIE!

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 27/11/2015 - 13:26

Quali riforme? L'unica riforma che ho visto sono i miliardi di Euro alle banche amiche in fallimento e il wifi e la vita da turisti pagati dagli italiani ai migranti. Altro non ho visto.

unosolo

Ven, 27/11/2015 - 14:29

per questo che scrivo" PIL VERO " nel totale emergono il 70 x 100 sono parassiti , quindi parlando di pil il governo sa di mentire , stiamo svuotando i piccoli depositi che avevamo nelle banche , interessi e aumenti di addizionali e tasse ci hanno abbassato i redditi mentre nel parassitario salgono per volontà dei presidenti.,.,.,

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 27/11/2015 - 18:13

@ ccappai, sì sono milionario, non ho mai lavorato e perchè dovevo farlo, ci hanno pensato i tipi come te ed i centri sociali di sx. Nelle loro sedi ci saranno laghi di sudore. @ ccappai se tu avessi letto i miei post non diresti queste cavolate, perchè capiresti che ho dato tanto, non ho ricevuto niente, anzi me li stanno ancora derubando.Forse se non hai capito te lo ripeto sono operaio a vita, quindi!?