L'ultima emergenza del Parlamento: legalizzare la cannabis

A Montecitorio arriva la proposta Giachetti Si potranno pure coltivare in casa le piante

Roma Quindici grammi di cannabis da tenere in casa senza chiedere autorizzazioni, cinque grammi con i quali sarà possibile circolare fuori casa, possibilità di auto-coltivazione fino a cinque piantine. Senza dimenticare una ulteriore opzione: quella di associarsi con altri (fino a 50 persone) per la coltivazione collettiva di cannabis.

E' questo ciò che prevede in pillole il «testo Giachetti» che sarà all'esame della Camera il 25 luglio, prima proposta di legalizzazione parziale delle droghe leggere ad arrivare in aula a Montecitorio. Il testo, firmato da 294 tra deputati e senatori facenti parte dell'intergruppo «cannabis legale», nasce per iniziativa del sottosegretario Benedetto Della Vedova e modifica in maniera profonda le regole attuali. Vengono indicati i quantitativi massimi che si possono detenere in casa e fuori. Si possono derogare questi limiti, ma è necessario dimostrare che il possesso di cannabis è per uso terapeutico e non ricreativo. Per quanto riguarda l'auto-coltivazione può cominciare dopo che si è data comunicazione all'Agenzia dei monopoli e vale la regola del silenzio assenso.

Uno degli obiettivi principali di questa legge è la lotta alla criminalità organizzata. Favorevoli i magistrati antimafia da cui arriva un parere positivo anche se Paolo Borsellino nel 1989, rispondendo a una domanda di una ragazza durante un incontro pubblico a Bassano del Grappa, disse che liberalizzare la droga per combattere il traffico clandestino «è da dilettanti di criminologia». Inoltre anche il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, in prima linea su questo fronte si è schierato con forza contro il provvedimento.

Naturalmente l'approvazione è tutt'altro che scontata. A Montecitorio le commissioni congiunte di Giustizia e Affari sociali hanno adottato il testo unico da portare in votazione ai deputati e c'è tempo fino a oggi per presentare emendamenti. Le divisioni all'interno dei vari gruppi sono profonde con il Movimento 5 Stelle schierato a favore. Ieri è arrivata la presa di posizione contraria di Beatrice Lorenzin. «È evidente che continuerebbe dunque a esserci un traffico parallelo molto importante nei confronti dei minori. Questa è la prima ragione per cui sono contraria. La seconda, che attiene maggiormente al mio ruolo di ministro della Salute, è che il consumo di droghe è pericoloso per la nostra salute fisica e psichica». Per Della Vedova, invece, «il mercato liberalizzato è quello che c'è oggi, nelle mani della criminalità. Un mercato senza orari, barriere, controlli, incentivato dagli enormi guadagni garantiti dal monopolio illegale». Il deputato Alessandro Pagano fa notare, però, che «il ddl Giachetti è stato sostanzialmente spacchettato dal provvedimento sull'uso della cannabis a fini terapeutici, c'è qualcuno che vuole utilizzare come cavallo di troia proprio l'uso terapeutico per far passare la liberalizzazione tout court. Il centrodestra farà le barricate».

Commenti

Una-mattina-mi-...

Ven, 15/07/2016 - 10:53

DA COME SI COMPORTANO E DA QUELLO CHE DICONO DESUMO CHE PER TANTI BOIARDI SIA GIA' LEGALE

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 15/07/2016 - 10:55

Dovete capirli, vogliono fumarsi i cannoni anche a montecitorio ed in senato...

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Ven, 15/07/2016 - 10:57

Solo dei "cannati" come i nostri politici impegnati a rubare quanto rubabile possono pensare che questa sia l'emergenza delle emergenze. Forse comincia a scarseggiare nei dintorni dei palazzi del potere? nopecoroni.it

Ritratto di Chichi

Chichi

Ven, 15/07/2016 - 11:01

Non mancherà di certo il sostegno dei NO TAV, NO BINARI, NO PONTI, NO INDUSTRIE, NO INCENERITORI… Dulcis in fundo, aumenterà il numero degli spinellati mentali che correranno come automi a votare… «progressista» è ovvio. Tutto, naturalmente, per un ambiente più salubre e salvare vite umane. Ma non parlate di fumarvi una sigaretta in pace dopo pranzo o di bere un bicchiere di vino. TOBAGISMOOOO! ALCOLISMOOOO! E Renzi tirerà a campare.

Gianca59

Ven, 15/07/2016 - 11:11

Si, perché la vogliono poi gratis dalle strutture pubbliche. O ci sono dei dubbi sul fatto che hanno il cervello fumato ?

Rossana Rossi

Ven, 15/07/2016 - 11:18

Queste sono le priorità di questo mal-governo inverecondo, mentre gli italiani muoiono di fame e i clandestini sono riveriti. La logica di questa pseudo-legge è visto che c'è il mercato illegale della droga liberalizziamola. Bene, visto che ci sono degli assassini e uccidere è proibito, legalizziamo l'omicidio così non si uccide più..........ecco il pd, votatelo, votatelo..........

frank173

Ven, 15/07/2016 - 12:20

Bene, ottima iniziativa. Si incassano un bel po di soldi legalizzando comportamenti che sono già consolidati largamente nella popolazione. I politici ci hanno talmente devastato in questi anni che mi sembra il minimo concederci il lusso di farci una canna senza che nessuno ci rompa.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Ven, 15/07/2016 - 12:23

è una questione strategica: si governa meglio se i cervelli sono annebbiati dagli effetti della droga... meno persone pensanti a piede libero e meglio è per sti cattocomunisti.

liberitutti

Ven, 15/07/2016 - 12:45

Non mi è chiaro per quale motivo lo stato dovrebbe interessarsi se qualcuno - senza andare in auto o in altre situazioni in cui metterebbe in periocolo qualcun altro - decide di coltivare una pianta in terrazzo, essiccarla e fumarla.. perchè fa male? siamo allo stato mamma chioccia che protegge i suoi figlioletti?

Ritratto di Lupodellealpi

Lupodellealpi

Ven, 15/07/2016 - 13:23

i politici sono solo dei poverini al soldo delle logge e dei poteri forti !!!

il corsaro nero

Ven, 15/07/2016 - 13:29

il bello è che sui pacchetti di sigarette è obbligatorio scrivere il fumo fa male, il fumo uccide, non fumare in presenza di bambini e quant'altro! Ma scusate, le droghe fanno bene?

il corsaro nero

Ven, 15/07/2016 - 13:32

@liberitutti: perchè, ad esempio, la potrebbero coltivare (e di conseguenza fumare) anche i minorenni!

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 15/07/2016 - 13:45

Ora sarà contento orso bruno, che ieri qui nel FORUM lamentava che Il Giornale non riportava la notizia!!!lol lol.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 15/07/2016 - 13:48

Meglio occuparsi delle RISORSE, rendono piu della DROGA come diceva qualcuno!!!lol lol AVANTI COI TRAGHETTI e l'INTEGRAZIONE!!!!

ludovik

Ven, 15/07/2016 - 14:04

ma passasse in mani allo stato la filiera delle droghe leggere e vediamo qnt tempo ci impiegherebbe a risanare parte del debito pubblico a danno delle mafie..... per nn parlare degli effetti diretti sulla riduzione della spesa sociale...questione di opportunità e di buon senso...solo gli sciocchi e gli ingnoranti ancora pensano al proibizionismo (ad eccezione di quelli che ci mangiano ovviamente...)

liberitutti

Ven, 15/07/2016 - 14:18

Friulano.doc.. vale anche per la grappa :-)

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Ven, 15/07/2016 - 14:55

Che vergogna di paese. Dio ci aiuti.

carpa1

Ven, 15/07/2016 - 16:30

"Per Della Vedova, invece,

Holmert

Ven, 15/07/2016 - 16:53

Io naturalmente sono contrario alla legalizzazione della cannabis, checché se ne dica. Droga leggera è solo un modo di dire , tutto dipende dalla dose e dalla dipendenza. Siccome ormai la cannabis la trovi ovunque,specie dopo l'avvento dei pusher stranieri e non c'è giovane o adulto che non la fumi e se la può procurare come e quando vuole,qualora si legalizzi non si fa il benché minimo danno. E ti pareva che non erano i soliti radicali a presentare la legge? Giachetti,Dalla Vedova,Quagliariello etc.,e chi se no?

giuliano60

Ven, 15/07/2016 - 16:59

Ecco queste sono le priorità per il nostro Governo e per troppi giovani e meno giovani italiani http://finanzainrete.altervista.org/giovani-alcol-telefonino-e-cannabis-le-prime-necessita/

Ritratto di mirosky

mirosky

Ven, 15/07/2016 - 17:31

finalmente una cosa seria. speriamo facciano presto che non vedo l'ora di fumarmi una canna alla faccia di Giovanardi.

carpa1

Ven, 15/07/2016 - 17:45

"Per Della Vedova, invece,

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 15/07/2016 - 18:21

Però rompono le pa@@e a me,che mi fumo delle sane Nazionali col filtro!

routier

Ven, 15/07/2016 - 21:27

Terrorismo islamico, povertà endemica, immigrazione selvaggia, tasse demenziali, disoccupazione giovanile alle stelle, dissesto idrogeologico, malagiustizia, sanità da risistemare, scuola che dovrebbe essere chiamata: "asinificio", trasporti pubblici obsoleti, ed altre simili piacevolezze, sono problemi da nulla a confronto con l'importantissima scelta di legalizzare o no, la coltivazione domestica della cannabis. Siamo fortunati: abbiamo un parlamento che è un mostro di efficienza e di capacità. SIC TRANSIT GLORIA MUNDI !

Signorsissignore

Sab, 16/07/2016 - 11:30

3 MILIONI DI PERSONE SOLO IN ITALIA CHE OGNI ANNO FUMANO CANNABIS. CARCERI CON PIÙ DEL 50% DI PERSONE DENTRO PER PICCOLO SPACCIO. FORZE DELL ORDINE SPRECATE PER PRESIDIARE QUESTA FORMA SÌ "DELINQUENZA". SISTEMA GIUSTIZIARIO IN COMPLETO SUBBUGLIO PER L ENORME QUANTITA DI QUESTi PICCOLO REATI. Gente onesta in galera. Clandestini che viaggiano con macchinoni senza lavorare ma grazie lo spaccio...gente con pistole.. senza contare i centri delle nostre città sempre più piene di questi spacciatori di droghe tagliate che non si sa cosa ci sia dentro... E VOI TUTTO LETTORI BEN PENSANTI DITE CHE NON È UN EMERGENZA??? ALLORA SIETE COMPLICI DI QUESTO SISTEMA MARCIO CHE L ASCII MILIARDI IN MAN ALLE COSCHE E FA CIRCOLARE VELENO

Martina---

Lun, 18/07/2016 - 12:23

A parte una persona o due devo dire che voi che commentate siete proprio degli IGNORANTI. In primis perchè non avete la benché minima conoscenza dei reali effetti che può dare una canna, in secundis perchè non capite che legalizzandola si assicurerebbe un non trascurabile GETTITO DI ENTRATE allo Stato ma soprattutto si potrebbe, in parte, combattere il fenomeno della mafia! Forse non vi è ben chiaro che anche se la situazione rimane così com'è la gente continuerebbe a farne uso e in questo modo le tasche dei mafiosi si riempirebbero sempre di più, è questo che volete? State accondiscendendo la mafia coi vostri stupidi commenti da proibizionisti e il problema è che non ve ne rendete conto. Beata ignoranza! Provate ad allargare un po' la mente, il fatto che la legalizzazione della marijuana sia diventata una "priorità", come voi la definite, è principalmente perchè attraverso le grandissime entrate che lo stato riceverebbe si potrebbero risolvere tantissimi altri problemi, a partire dal miglioramento dei servizi sanitari da terzo mondo che abbiamo in Italia e perché no, potrebbero anche diminuire le tasse! Ma continuate pure ad affrontare la vita col paraocchi.

pecoranera

Mer, 20/07/2016 - 12:32

Questa è una proposta che, legalizzando un comportamento già presente in una parte della popolazione, porterebbe diversi benefici allo stato. Si creerebbe un consistente gettito fiscale dovuto alla tassazione di questa attività, si ridurrebbe la spesa pubblica nel cercare di combatterla, si contribuirebbe alla soluzione del problema del sovraffollamento delle carceri, si toglierebbero risorse alla mafia che non comanderebbe più questo mercato, si creerebbero migliaia di posti di lavoro e si incentiverebbe una nuova forma di industria, la prima in Europa (la proposta di legge è diversa da quella di Amsterdam), e infine, ovviamente, aumenteremmo il turismo in Italia, una delle attività che più contraddistingue il nostro paese. Dove sono i lati negativi? Ommiodddio la droga fa male? Certo che fa male, ma cosa dire di sigarette e alcool se non che sono ancora più dannosi. Siete spaventati della gente in macchina sotto effetto di marijuana anche se sarebbe soggetta alle stesse leggi che riguardano la guida da ubriachi. Basta essere ipocriti. Il proibizionismo è un fallimento poiché è impossibile impedire alle persone di drogarsi, la legalizzazione invece trasformerebbe il problema in un'attività legale con una sfilza di benefici economici. È così difficile essere pragmatici senza pensare a polemiche etiche di vario tipo fatte senza conoscienza di quello di cui si parla...