L'ultimo giallo del caso Imane: il pm sapeva e non l'ha sentita

La procura informata subito del ricovero dell'accusatrice. E ora l'ordine: "Nessuno può avvicinarsi alla salma"

Nel groviglio di ritardi e di misteri che circonda la morte di Imane Fadil una domanda si impone, tanto scomoda quanto inevitabile. Riguarda il ruolo che nell'intera vicenda svolge la Procura della Repubblica di Milano: che era perfettamente a conoscenza del calvario attraversato da quella che per i pm era a tutti gli effetti una supertestimone, una fonte decisiva nei processi già celebrati e in quelli ancora in corso intorno alle serate nella villa di Silvio Berlusconi. Imane Fadil si era fidata dei pm milanesi, di tutti quelli che in questi anni si erano avvicendati nell'indagine. E si potrebbe immaginare che la Procura la ricambiasse con l'attenzione che si riserva ai testimoni preziosi.

Invece no. Poco dopo la metà di febbraio, in Procura arriva dalla clinica Humanitas, dove la modella marocchina è ricoverata, la notizia che Imane sta male e che denuncia di essere stata avvelenata. La segnalazione arriva alla polizia giudiziaria e viene girata al pm di turno. Che potrebbe precipitarsi a Rozzano, all'Humanitas, acquisire la cartella clinica e soprattutto parlare con la donna. Ma non accade nulla di tutto questo. E non è l'unica omissione inspiegabile.

L'1 marzo, alle 6,30 del mattino, Imane muore. La Procura viene informata subito, tanto che poco dopo mezzogiorno vengono sequestrati la cartella clinica e il corpo della donna. Il primo passo ovvio, immediato, è l'autopsia per cercare di capire le cause di un decesso inspiegabile. Ma l'autopsia non viene effettuata. Per due intere settimane Imane Fadil rimane chiusa nella cella all'obitorio. Giovedì scorso il suo legale va dal procuratore, Francesco Greco, chiedendo spiegazioni di questa apparente inattività. L'indomani Greco annuncia alla stampa la morte della testimone e l'apertura dell'inchiesta. Finalmente viene disposta l'autopsia.

Il primo ritardo, il mancato interrogatorio di Imane Fadil, lascia un buco ormai incolmabile: nessun verbale riporterà mai la sua verità. Ma conseguenze difficilmente riparabili rischia di averle anche il secondo ritardo, quello nell'esecuzione dell'esame medico legale. Perché non stiamo parlando di una morte per ferita d'arma da fuoco, i cui segni rimangono stabili. Le tracce dei metalli decadono progressivamente, i risultati che troveranno i medici in sede di autopsia saranno sicuramente diversi da quelli che il centro antiveleni di Pavia individuò e segnalò all'Humanitas l'1 marzo, il giorno stesso della morte della donna. E questi ultimi sono sicuramente molto diversi dai valori iniziali, quelli che si sarebbero riscontrati se l'esame fosse stato effettuato subito dopo il 29 gennaio, il giorno del ricovero di Imane.

Nessuna delle concentrazioni di metalli indicate nelle analisi di Pavia è neanche lontanamente vicina alla soglia di tossicità. Un paziente che abbia subito un trapianto di anca anni fa, con le vecchie tecniche, convive abitualmente con decine di microgrammi di cobalto per litro, mentre Imane era intorno allo 0,7. Ma il problema è un altro: qual era la concentrazione il 29 gennaio? Non lo si saprà mai.

Di certo c'è che il giorno del ricovero la donna aveva il midollo spinale in condizioni pessime, praticamente non produceva più globuli bianchi. Se la causa è stata una esposizione a metalli radioattivi, significa che l'esposizione è stata violenta. E, poiché le conseguenze sul midollo non sono immediate, si può ipotizzare che l'esposizione fosse avvenuta dieci o quindici giorni prima del ricovero.

L'ora del delitto, se di delitto si è trattato, andrebbe dunque fissata tra il 15 e il 20 di gennaio. E così si torna ai giorni dell'ultima sconfitta di Imane, la estromissione dal processo Ruby ter, che l'aveva avvilita e indignata. Sono i giorni in cui la ragazza si sente abbandonata da tutti, anche dai giudici cui si era affidata. E sono i giorni in cui incontra la morte.

Commenti

giovanni61

Lun, 18/03/2019 - 08:27

nessun mistero. hanno visto una nuova occasione per aprire un ulteriore fascicolo contro il solito. staranno gongolando di gioia.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 18/03/2019 - 08:28

e secondo i babbei comunisti grulli e legaioli, la magistratura è al di sopra di tutti, imparziale, perfetta, pura, e che non si fa condizionare ed è preparata? ma fatemi il piacere,babbei comunisti e antiberlusconiani !!! il vostro atteggiamento contro Berlusconi si riflette anche negli applausi che date a quei magistrati che lo condannano sulla base di accuse inesistenti ! è per questo che voterò sempre e ancora Berlusconi o comunque il centrodestra ! in fin dei conti, è anche colpa vostra !!!

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Lun, 18/03/2019 - 09:17

X mortimermouse: OK!

Silpar

Lun, 18/03/2019 - 09:53

strano appena Berlusconi rimette il naso in politica santan fuori cose strane, ma avete cosi paura del Cav??? coda di paglia???io direi codardia!!!

Ezeckiel

Lun, 18/03/2019 - 10:01

La cosa curiosa è che in quel periodo,Dominique Strauss khan,e Silvio Berlusconi ,vennero sostituiti nel loro ruolo ,e sottoposti a gogna mediatica,grazie a strane vicende,legate a tre donne tutte musulmane,può essere una coincidenza però.....

mcm3

Lun, 18/03/2019 - 10:01

Sarebbe interessante sapere cosa sanno i PM e che prove hanno di quanto diceva la povera modella

mcm3

Lun, 18/03/2019 - 10:02

mortimermouse, e' per quelli come te che vi state estinguendo,

federico99

Lun, 18/03/2019 - 10:26

Non credo ai miei occhi… mi sembra di leggere Il Fatto Quotidiano! Supertestimone? Che aveva detto di così importante? Che cosa aveva ancora da aggiungere, dopo 10 anni?!?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 18/03/2019 - 10:37

"...la donna aveva il midollo spinale in condizioni pessime, praticamente non produceva più globuli bianchi." ??? Ci si dovrebbe stupire del contrario. Atteso che gli elementi figurati del sangue sono prodotti dal midollo osseo. Il midollo spinale non è che un fascio di fibre nervose deputato, in primis, alla motilità dell'apparato muscolare. Ed ad altre funzioni dipendenti dal sistema nervoso autonomo. Così, per amore di precisione...e di anatomo-fisiologia.

ziobeppe1951

Lun, 18/03/2019 - 10:49

mortimer...KO!

cecco61

Lun, 18/03/2019 - 10:57

Altre importantissime accuse usciranno in prossimità delle elezioni europee per un PD che non sa più cosa inventarsi per risalire la china. Finirà tutto in una bolla di sapone ma solo ad urne chiuse. Fa il paio con l'arresto dei genitori di Renzi, 5 mesi dopo la richiesta dei PM, e non tanto per sminuire la non procedibilità contro Salvini, ma per garantire l'elezione di Zingaretti alle primarie farsa.

VittorioMar

Lun, 18/03/2019 - 11:06

..QUANTA MALAFEDE c'è in CIRCOLAZIONE...!!

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 18/03/2019 - 11:10

Adesso per un po la procura,Travaglio, il pd e repubblica avranno lavoro.

DRAGONI

Lun, 18/03/2019 - 11:12

E' STRANO CHE LA DOTT.SSA BOCASSINI NON HA ANCORA RESO NOTO IL SUO PENSIERO AL RIGUARDO.

ex d.c.

Lun, 18/03/2019 - 11:38

Gli elettori di FI non leggono neppure queste notizie. Sono persone che lavorano sodo e che votano solo chi protegge ed aiuta il loro lavoro e le loro famiglie

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Lun, 18/03/2019 - 12:09

Se i fatti corrispondono a quelli esposti nell'articolo si può ipotizzare che tutte queste omissioni e inattività della procura siano intenzionali. Occorre qualcuno che indaghi la procura che potrebbe, nella peggiore ipotesi, essersi sbarazzata di un supertestimone farlocco utilizzato per fini politici contro il Cavaliere.

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 18/03/2019 - 12:32

Sarebbe interessante un sondaggio tipo: Pensate che la magistratura sia tanto indipendente da poter arrivare in fondo a questa vicenda?: Avete fiducia nel sistema giudiziario tanto da credere che ci sarà giustizia per qiuesta ragazza?.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Lun, 18/03/2019 - 12:35

La morte assomiglia,come causa ,alla leucemia mieloide acuta (LMA) . Ma ,per non capirla,ci devono essere degli stregoni non dei medici abilitati alla professione. Chissà se sono stati così ignoranti,da non averle fatto un esame del midollo osseo (puntato sternale) Spero per loro di no .In caso contrario andrebbero radiati dall'Ordine. Iniziando dal primario.

Ritratto di pinox

pinox

Lun, 18/03/2019 - 12:36

possono fare cio' che vogliono, persino politica, tanto i provvedimenti disciplinari per questa categoria non esistono.

Ritratto di drazen

drazen

Lun, 18/03/2019 - 12:48

Quali esami hanno fatto alla ragazza? Quali mezzi di contrasto hanno utilizzato? Ecco, sarebbe, intanto interessante sapere questo.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Lun, 18/03/2019 - 12:52

(1) Dato per scontato che, oramai, nell'Era Nefasta, non è necessario avere ragioni, più o meno buone, per uccidere, questo è un caso che si presta ad essere scientificamente analizzato per l’originaria scabrosità da cui parte e per le potenziali intuizioni che potrebbero innescarsi e finanche svilupparsi in una prospettiva di feroce individuazione delle eventuali ragioni potentemente apodittiche per le quali si è giunti ad uccidere una giovane e bella donna. Chi uccide una bella donna, anche se esso è in balìa di concettuale potenza fenomenica, deturpa il principio stesso dell’Estetica: perché è in un bel volto animato che si intuisce e risiede il significato ultimo della Bellezza.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Lun, 18/03/2019 - 12:54

(2) E chi arriva a compiere simile, nefando gesto va considerato abietto individuo che non vive per la fenomenologia estetica ma solo per distruggere il principio di essa. Quindi implicitamente il concetto stesso di civiltà. Inutile aggiungere che simile, disgustoso individuo va condannato a morte dagli uomini di buona e rigorosa volontà i quali altro non farebbero che anticipare ciò che è già stato stabilito dalle Leggi di Natura o da Dio. Per queste indefettibili ragioni, bisogna chiedersi a chi giova - 'cui prodest' - la morte di questa giovane donna. Meglio ancora: dal momento che non è la morte in sé di qualcuno a giovare ma gli effetti che si innescano da quella morte, allora diventa lecito chiedersi a chi giovano gli effetti dell’indotto ‘silenzio eterno’ in cui è sprofondata quella donna.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 18/03/2019 - 13:45

#Ubidoc- 12:35 Il puntato sternale lo facevano quando il sottoscritto frequentava la Clinica Medica in qualità di studente. Oggi l'aspirato midollare e la mielobiopsia vengono eseguiti alla cresta iliaca. E, comunque, penso che sarà stata la prima indagine ad essere eseguita stante il quadro ematochimico.

agosvac

Lun, 18/03/2019 - 13:55

La prima cosa che si fa in caso di morte per un qualsivoglia avvelenamento, è l'autopsia immediata. Il solo fatto che la Procura di Milano non l'abbia ordinata subito è sospetto. E' come se a loro servisse creare dubbi e non certezze. E' anche molto sospetta la segregazione del corpo. Cosa vogliono nascondere???

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Lun, 18/03/2019 - 13:55

X -Alsikar-: .... sei andato a scuola da Fusaro?

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Lun, 18/03/2019 - 14:00

X ziobeppe1951: ...ti rapporti a quel "beppe" coi baffoni in auge in quel della Russia post-zarista? Ti ricordo che siamo nel XXI secolo ....

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Lun, 18/03/2019 - 14:06

Probabilmente come supertestimone non interessava piú. Oppure temevano che rivelasse le montature sul caso. Non c'é altra spiegazione. Berlusconi aveva tutto l'interesse acché restasse viva. Giá ora tutti tengono il dito puntato su di lui come sospetto mandante dell'avvelenamento. Gli mancava solo questa per fare l'en plein.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Lun, 18/03/2019 - 16:39

@Memphis35. Le rispondo da medico ospedaliero (medicina interna). Il puntato sternale e quello sulla cresta iliaca si sono sempre fatti e si fanno pure oggi. Il puntato sternale lo si fa in minor tempo e senza bisogno di anestesia .Per tale motivo è ed è stato sempre usato. Quello sulla cresta iliaca fa risultare maggior quantità di materiale ma è meno immediato ed abbisogna di anestesia. Buon lavoro giovane collega.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Mar, 19/03/2019 - 13:34

@Memphis35. E' evidente che lei non si è mai laureato ed ha ricordi antichi quanto confusi dei primi ,pochi ,inutili ed ultimi anni nei quali dovette pagare la retta universitaria. Chiedo scusa a me stesso per averla chiamata "collega" .

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Mar, 19/03/2019 - 13:36

Ma che studi fanno questi PM ? Ma chi li abilita alla professione ?