La luna piena della Lega: con la crisi di Pd e M5S Salvini fa il pieno di voti

Con la spaccatura del M5S sul voto per il caso Diciotti e lo scandalo in casa Renzi la Lega potrebbe registrare un'ulteriore impennata nei consensi

"Le battaglie politiche le voglio vincere con le idee, non festeggerò mai l'arresto dei genitori di un mio avversario politico". Matteo Salvini, da Alghero, commenta la notizia delle misure cautelari spiccate nei confronti dei genitori di Matteo Renzi.

Eppure, nonostante per il vicepremier e ministro dell’Interno non ci sia nulla da gioire, la nuova tegola che si è abbattuta sul Partito Democratico, secondo gli esperti, è destinata a far impennare ulteriormente l’ondata di consensi a favore della Lega. Le notizie arrivate nella tarda serata di ieri, infatti, hanno contribuito ad indebolire ulteriormente i principali avversari del partito di Matteo Salvini. Il Movimento 5 Stelle è più diviso che mai dopo il voto online che, tra un tilt e l’altro, ha salvato il vicepremier e ministro dell’Interno dal processo sul caso Diciotti. La decisione di Luigi Di Maio di porre l’intero esecutivo sul banco degli imputati non è piaciuta ai duri e puri del giustizialismo e agli oppositori della linea dura del leader leghista su migranti e Ong. Tanto che non sono in pochi a gridare alla manipolazione del voto sulla piattaforma Rousseau, dove il 59% della base pentastellata si è espressa per il no all’autorizzazione a procedere, salvando l’esecutivo giallo-verde dalla crisi. Il governo va avanti, dunque. Ma veleni, polemiche e faide interne trascinano sempre più giù nei sondaggi il partito di Di Maio, che nelle ultime rilevazioni è sceso al 22,1%, perdendo oltre un punto percentuale in una settimana.

E se il Pd, invece, un punto percentuale era riuscito a recuperarlo, con l’ombra del Giglio Magico che torna ad incombere sui democratici, ora il rischio è quello di un nuovo tonfo. Per Matteo Renzi sarebbe un caso montato ad arte. Un “capolavoro mediatico”, lo definisce, per “oscurare tutto ciò che è accaduto ieri nel mondo della politica”. Ma le ipotesi di reato relative all’emissione di fatture false e ad una presunta bancarotta fraudolenta pesano come macigni sull’ex premier e su un partito che cerca disperatamente di ricomporre il proprio elettorato in vista delle primarie del prossimo 3 marzo. Insomma, con il rischio di una scissione pentastellata e con il nuovo terremoto che si è abbattuto in casa Pd, a crescere nei sondaggi è soltanto la Lega, che con il 33,5% delle preferenze si conferma il primo partito del Paese e si prepara a sbancare alle prossime elezioni europee.

"Sono la persona più tranquilla del mondo, facciano come credono", ha detto Salvini in diretta su Facebook da Alghero, parlando del voto della giunta per le immunità del Senato, che si pronuncerà oggi sul caso Diciotti. "Per me comunque vada, va bene", commenta il vicepremier. Come dargli torto.

Commenti

ermejodermonno

Mar, 19/02/2019 - 12:33

AVANTI CAPITANO , MIO CAPITANO AVANTI TUTTA E BARRA DRITTA . DAI TUTTE LE VELE AL VENTO ROTTA VERSO UNA ITALIA TUTTA DEGLI ITALIANI SENZA PADRONI DI NESSUN GENERE.AVANTI MIO CAPITANO AVANTI WW WW WW SALVINI.

Ritratto di L'Informista

L'Informista

Mar, 19/02/2019 - 12:35

Le turbolenze in casa 5S non sono una buona notizia per nessuno. L'eventuale disaffezione di una quota di elettorato non andrebbe ad ingrassare il centro-destra, fermo restando che tutto sommato la partecipazione al voto sulla piattaforma è stata veramente esigua e sicuramente non rappresentativa dell'elettorato complessivo dei 5S. In Sardegna ad ogni modo ci saranno grosse sorprese e la sinistra si confermerà partito di governo.

Luigi Farinelli

Mar, 19/02/2019 - 13:10

Salvini deve mantenere sangue freddo e cervello sempre all'erta: la Magistratura bolscevica gli metterà le metaforiche cimici in casa per controllare se al gabinetto usa la mano sinistra o la destra con la carta igienica, mentre una torma di galoppini anarcoidi a libro paga di un Sistema che vede franare sotto i piedi decenni di libero scempio economico, sociale e morale, cercherà di fomentare disordini, magari auspicando che avvengano pure fatti gravi per attaccare chi sta, FINALMENTE, ridimensionando l'infetto e mortifero mostro del Pensiero Unico, nutrito da decenni da una manica di finti amici del popolo.

Luigi Farinelli

Mar, 19/02/2019 - 13:12

Salvini deve mantenere sangue freddo e cervello sempre all'erta: la Magistratura bolscevica gli metterà le metaforiche cimici in casa per controllare se al gabinetto usa la mano sinistra o la destra con la carta igienica, mentre una torma di galoppini anarcoidi a libro paga di un Sistema che vede franare sotto i piedi decenni di libero scempio economico, sociale e morale, cercherà di fomentare disordini, magari auspicando che avvengano pure fatti gravi per attaccare chi sta, FINALMENTE, ridimensionando l'infetto e mortifero mostro del Pensiero Unico, nutrito da decenni da una manica di finti amici del popolo.

glasnost

Mar, 19/02/2019 - 14:03

Nei riguardi di Renzi ha ragione sicuramente Salvini. Gli odiatori non appartengono alla destra, odiare è vile e non certo appartiene a noi. Tuttavia c'è da dire che se il partito di Renzi avesse considerato il problema della "responsabilità dei magistrati" anziché compiacerli per portarli dalla sua parte, le cose non andrebbero come vanno. Ma lo capirà mai???

cir

Mar, 19/02/2019 - 14:57

glasnost . non sono d'accordo . l' odio e' un sentimento come l' amore e trae origine da considerazioni precedenti.