M5S, dissidenti alla gogna: "Sono solo sanguisughe, ci lasciano per denaro"

Il deputato grillino Di Stefano pubblica nomi e stipendi di chi ha abbandonato il M5S: "Un giorno faranno i conti con la loro anima, se riescono a trovarla"

Alcuni dei dissidenti M5s indicati da Di Stefano come "sanguisughe"

Una vera e propria gogna pubblica: il deputato grillino Manlio di Stefano ha pubblicato sul suo profilo Facebook un fotomontaggio con le immagini degli otto parlamentari stellati che dall'inizio della legislatura hanno abbandonato i gruppi parlamentari del Movimento.

Il tutto condito dall'eloquente scritta, in maiuscoletto: "Dissenti? No, sanguisughe". Luis Alberto Orellana, Lorenzo Battista, Cristina De Pietro, Paola de Pin, Adele Gambaro, Fabiola Anitori, Marino Mastrangeli e Adriano Zaccagnini: questi i nomi degli otto "colpevoli", a cui viene ricordato che un giorno dovranno fare i conti con la loro anima, "qualora vi entrassero in contatto prima o poi".

Gli otto, di cui vengono indicati stipendio, diarie, rimborsi e "percorsi" parlamentari una volta abbandonato il Movimento, sono dipinti come "umili servi del potere": la loro colpa è quella, secondo Di Stefano, di aver abbandonato i gruppi parlamentari grillini solo dopo che il M5S aveva chiesto loro di rinunciare ai soldi. Da lì in poi defezioni, voti favorevoli alla fiducia ai vari governi, passaggi ad altri gruppi parlamentari: nella ricostruzione del deputato grillino, tutte "questioni di portafogli".

All'interno della pattuglia parlamentare grillina il clima si è particolarmente surriscaldato da quando, ieri, l'ex senatore stellato Orellana aveva votato, salvando di un soffio la maggioranza di governo, la nota di aggiornamento del Def riguardo lo spostamento del pareggio di bilancio al 2017. Tra i più accalorati Alessandro Di Battista, che aveva definito Orellana "uno schifo di uomo", mentre Carlo Sibilia aveva optato per "un verme".

Questo pomeriggio Di Stefano ha scelto una linea più "scientifica", andando ad indicare uno per uno tutti i "dissidenti" e ottenendo immediatamente l'entusiastica approvazione del popolo della rete: al netto di Di Battista che applaude "ottimo report fratello", non si contano gli "infami" e i "morirete tutti".

Più d'uno al di fuori del movimento ha già ipotizzato che tutta questa agitazione sia funzionale a recuperare parte di quella visibilità che i sondaggi sembrano ormai dare per perduta. Di Stefano, però, sembra farne una questione di ideali e non va troppo per il sottile: come recita la chiusura del suo post: "O noi o la fine della democrazia".

Commenti

Alessio2012

Mer, 15/10/2014 - 18:34

Intanto vanno a rinfoltire le file di altri partiti di sinistra... e per fortuna che il M5S era contro il PD!

Ritratto di aperfectworld

aperfectworld

Mer, 15/10/2014 - 18:54

Ma la magistratura non indaga, in questi casi?!

Miraldo

Mer, 15/10/2014 - 18:58

Tutti quelli del M5S sono dei ladroni lavativi e incapaci, ma i cittadini che li hanno votati cosa pensavano in quel momento?

Roberto.C.

Mer, 15/10/2014 - 19:10

Il cambio di casacca dovrebbe essere eliminato totalmente!! E' una truffa ai danni dei votanti.! Questi mascalzoni che poi si nascondono nelle file del gruppo misto fà schifo e dovrebbe essere debellato. Ladri e nullafacenti!! Quando e se mai verrà attuata una legge che proibisce questo sistema mafioso ????? Una banda di nullafacenti, ie: ladri, mignotte e froci.!

Ritratto di marystip

marystip

Mer, 15/10/2014 - 19:20

i GRILLINI SONO PROPRIO PATETICI.

Giampaolo Ferrari

Mer, 15/10/2014 - 19:32

Pubblicate per favore la denuncia dei redditi di questo eroe del risparmio e poi chiedetegli come ha fatto a vivere fino al giorno che ha cominciato come tutti gli altri a prendere i soldi dal popolo italiano.

Max Devilman

Mer, 15/10/2014 - 19:42

Quoto: "Di Stefano, però, sembra farne una questione di ideali e non va troppo per il sottile: come recita la chiusura del suo post: "O noi o la fine della democrazia"." Delirante, incredibile che qualcuno sano di mente voti queste persone, insieme a dibattista che vuole parlare con l'ISIS e li giustifica. Veramente delirante. Elettori grillini, fatevi un esame di coscienza.

jeanlage

Mer, 15/10/2014 - 20:35

E' evidente che per l'eletto come per l'elettore grillino, l'unica motivazione per fare qualcosa sono i soldi. Non sono mossi da sentimenti di giustizia, ma solo d'invidia.

Ritratto di laghee100

laghee100

Mer, 15/10/2014 - 22:33

PECUNIA NON OLET !!

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 16/10/2014 - 07:06

A me sembra che una volta che si INSEDIANO in parlamento e vedono tutte quelle CHANSE per arricchirsi,"NON PENSANO PIÙ ALLE PROMESSE FATTE ALLA POPOLAZIONE E SOTTO GIURAMENTO!!! ( QUESTO, DOVREBBE ESSERE PUNIBILE IN QUALSIASI TRIBUNALE ), MA DIVENTANO QUASI TUTTI DEI "PAPERON DE PAPARONI".

titina

Gio, 16/10/2014 - 08:19

Invece chi resta lo fa per non perdere il posto con la speranza di venire rieletto, anzi rinominato. E questo rinunciando a pensare con la propria testa.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 16/10/2014 - 12:32

Grillo è instabile. E' stato eletto nel Palazzo perchè buttava "Fuori tutti" onde ottenere la "Decrescita felice" e invece adesso pretenderebbe di insegnare a Berlu, Renzi e Salvini la ripresa economica. E' chiaro che è fuori di melone.